Tassista ‘ostaggio’ per oltre mezz’ora: lo minacciano e non gli pagano la corsa

506tassista_aggreditbolognatoday –Bologna – Nella serata di venerdì un tassista sarebbe stato preso in “ostaggio” e minacciato da un gruppo di uomini: a raccontare l’episodio la stessa vittima, che insieme ad alcuni colleghi, contano gli ultimi episodi di rapine e violenze avvenuti a bordo dei loro mezzi, lanciando un allarme sicurezza. Videocamere, registratori audio e dispositivi di allarme non sarebbero sufficienti per arginare i rischi.

IL RACCONTO: UNA CORSA ANOMALA E PERICOLOSA.Ho preso una chiamata intorno alle 22, sul taxi sono saliti due ragazzi corpulenti e uno dei due ha insistito per sedersi davanti – il racconto della vittima –  Io gli ho chiesto di allacciare le cinture di sicurezza, ma lui si è rifiutato. Da questo rifiuto ho capito che il soggetto era un soggetto ‘particolare’.

Continua a leggere

Pubblicato in Notizie antipatiche | Contrassegnato , , | Lascia un commento

La Cooperativa Radio Taxi Genova scrive ad Assoutenti "Delusi dal vostro comportamento"

thenextgengenova post – Genova – “Egregio Sig. Furio Truzzi, Presidente Assoutenti, quattro mesi fa è stata la prima persona che ho incontrato come neo dirigente della Cooperativa Radio Taxi assieme al nostro presidente Valter Centanaro. Motivo della visita presso la sua Associazione, come sicuramente ricorderà, era sottoporle il documento contenente le linee programmatiche dei nuovi servizi inseriti nel programma di sviluppo della nostra Cooperativa”: lo ha scritto in una lettera Simone Gambaro Vice presidente Radio Taxi Genova. “In quell’occasione Le abbiamo chiesto disponibilità a collaborare ai nostri progetti affinché Assoutenti potesse diventare e svolgere poi il ruolo di “garante” nel rispetto dei requisiti dei nuovi servizi e di conseguenza anche essere “conciliatore” in caso di eventuali controversie. Tutto questo in nome dell’interesse comune: da parte nostra del progresso del servizio taxi e da parte vostra della tutela dei diritti dei consumatori“.

Continua a leggere

Pubblicato in Notizie dall'Italia | Contrassegnato , , , , | 3 commenti

Torino, dopo Uber scende in strada Letz-go

letzgo_LaStampa_itlastampa.it «Non è possibile far rientrare dalla finestra ciò che viene fatto uscire dalla porta» Il giorno dopo l’approvazione della legge regionale secondo cui Uber è abusivo, secondo il portavoce dei taxisti Federico Rolando, c’è già un nuovo nemico da sconfiggere. Si tratta della nuova app sbarcata in città. Letz-go, una piattaforma, nata da una start-up italiana, per la «condivisione dei passaggi» che prevede rimborsi al posto delle tariffe. I fondatori sostengono di non avere nulla a che vedere con Uber – servizio per ora sospeso dai giudici – e i suoi autisti a pagamento, ma di ispirarsi a Blablacar, l’app che consente di condividere viaggi da una città all’altra in tutta Europa. A differenza di Uber, il trasportato deve inserire oltre al punto di partenza anche la destinazione (ma lo stesso obbligo non spetta ai driver).  Continua a leggere

Pubblicato in Notizie dall'Italia | Contrassegnato , , , | 7 commenti

Uber sospende UberPop in Francia

stop_uber_pariscorriere.it Uber getta la spugna in Francia. Dopo lo sciopero dei tassisti d’Oltralpe di giovedì 25 giugno e il fermo dei due dirigenti Thibault Simphal e Pierre-Dimitri Gore-Coty, il gruppo californiano ha deciso di sospendere UberPop, funzione della popolare applicazione che consente di chiamare con lo smartphone automobili guidate da privati cittadini. In Italia, dopo il blocco imposto dal tribunale di Milano dello scorso maggio, siamo ancora in attesa di una nuova sentenza in seguito al ricorso presentato da Uber.

In settembre una nuova sentenza
La Francia ha preferito fare un passo indietro volontariamente: Continua a leggere

Pubblicato in Notizie dal Mondo | Contrassegnato , | 4 commenti

Il disco rotto dell’ Autorità: liberalizzare liberalizzare liberalizzare liberalizzare liberalizzare liberalizzare liberalizzare liberalizzare liberalizzare liberalizzare liberalizzare liberalizzare liberalizzare

delirioit.finance.yahoo.com Il servizio taxi deve mantenere la connotazione di servizio pubblico, ma più aperto alla concorrenza. Lo ha detto il presidente dell’Autorità di regolazione dei trasporti, Andrea Camanzi, nella sua audizione alla Camera sul Ddl concorrenza.

“Con riferimento al servizio di taxi – ha detto Camanzi -, muoviamo dal presupposto che esso mantenga la attuale connotazione di servizio pubblico e che, tuttavia, il relativo mercato debba essere liberato da taluni vincoli amministrativi ed aperto maggiormente alla concorrenza”.  Continua a leggere

Pubblicato in Saghe Mentali | Contrassegnato , , , , | 11 commenti

Bittarelli URI: “per Authority nuova domanda di mobilità non soddisfatta. E quale sarebbe: quella dei fuorilegge, quella degli abusivi?”

Bittarelliuritaxi.it Mentre in Francia l’Autorità Giudiziaria ferma i manager di Uber, il Presidente della Autorità di Regolazione dei Trasporti è andato oggi in Commissione Attività Produttive della Camera, a raccontare che “c’è una nuova domanda di mobilità non soddisfatta” presentando il possibile testo della Legge di modifica del settore, che non è altro che una vera e propria “marchetta” in favore di chi, con il falso pretesto dell’innovazione e di una banalissima App (già ne esiste una migliore in Italia e si chiama It Taxi), vorrebbe di fatto il ritorno al caporalato e al lavoro nero.

E pensare che i poteri dell’Autorità in questione sarebbero in realtà limitati ad una funzione meramente consultiva su richiesta dei Comuni e delle Regioni. Ed invece il Presidente Camanzi che fa? Predispone addirittura un apposito articolato di Legge, per favorire questa “nuova domanda di mobilità”.  Continua a leggere

Pubblicato in Comunicati Sindacali | Contrassegnato , , , , | 5 commenti

Approvata legge regionale contro Uber, da oggi nessun dubbio su sanzioni

taxi-3-6torinotoday – Niente più dubbi sull’abusivismo di Uber. La proposta di legge regionale avanzata dal centro destra in merito alla lotta ai drivers Uber è stata approvata, stamane, all’unanimità da tutti i gruppi consiliari. Una vittoria schiacciante per la categoria taxi, che da tempo attendevano chiarezza, in particolare in merito alla posizione delle istituzioni.

La proposta di legge, in specie, va a integrare gli articoli 85 e 86 del Codice della Strada, relativi rispettivamente al servizio di noleggio con conducente per il trasporto di persone e al servizio di piazza con autovetture con conducente o taxi, fornendo agli organi preposti maggiori strumenti per contrastare l’abusivismo operato dall’app californiana. Grazie a questa nuova normazione, infatti, le forze dell’ordine saranno del tutto autorizzate a contestare il servizio Uber Pop anche per violazione della legge regionale e ritirare quindi i documenti ai conducenti abusivi.

Continua a leggere

Pubblicato in Notizie dall'Italia | Contrassegnato , , , | 5 commenti