Radiotaxi, lo stop dell’Antitrust

ilgiorno.it L’ANTITRUST dà l’ultimatum ai radiotaxi: le clausole di esclusiva imposte ai conducenti associati violano le regole della concorrenza e vanno depennate entro 120 giorni. In sintesi, l’esito del procedimento partito nel novembre del 2016 su segnalazione di MyTaxi, la società che tre anni fa ha fatto ingresso nel settore del trasporto pubblico non di linea e che sin dai primi mesi ha incontrato evidenti difficoltà a inserirsi nel mercato milanese. 

Colpa, secondo l’Authority, delle regole interne di Taxi Blu (4040), Autoradiotassi (8585) e Yellow Taxi (6969), che insieme rappresentano più dell’85% dei 4.855 autisti su piazza. In sostanza, ai padroncini iscritti è vietato, in varie forme e a seconda delle ragioni sociali (4040 e 8585 sono cooperative, 6969 è una società di servizi), di collaborare con imprese che svolgano lo stesso tipo di attività.

PRENDIAMO come esempio l’articolo 8 dello statuto di Autoradiotassi, modificato nel 2015, sottolinea l’Antitrust, «in concomitanza con il varo del numero unico comunale e di altri strumenti concorrenti funzionanti tramite app»: «È fatto divieto ai soci di collaborare, iscriversi o associarsi ad altre cooperative, consorzi, società ovvero a imprese in qualsiasi forma costituite che perseguano scopi analoghi o che esplichino attività, direttamente o indirettamente, concorrenti con gli scopi, le finalità e le attività della cooperativa. È fatto comunque divieto ai soci di esercitare, anche in forma autonoma, la propria attività di trasporto pubblico da piazza (…) attraverso l’utilizzo di mezzi di qualsiasi natura forniti da, ovvero attraverso l’intermediazione di, soggetti terzi altri e diversi rispetto alla cooperativa».

Qualcuno ha provato a forzare la mano, scaricando l’app di MyTaxi, ma è stato escluso dalla coop o punito in maniera severa: basti dire che solo nel periodo luglio 2015-giugno 2016 Taxiblu ha comminato 501 giorni di sospensione. Se considerate che TaxiBlu può contare su 1.700-1.800 tassisti e che Autoradiotassi e Yellow Taxi ne aggiungono rispettivamente 1.500 e 1.300, capite bene che il margine di manovra per i nuovi arrivati è risicato: restano infatti a disposizione circa 350 conducenti, alcuni dei quali non disponibili a priori perché preferiscono modalità alternative di procacciamento della clientela e non vogliono sottostare a particolari standard qualitativi.

I numeri portati da MyTaxi parlano chiaro: col passare dei mesi, le corse potenziali sono cresciute sensibilmente di numero (passando dalle 2mila del primo mese alle 110mila dell’ottobre 2017), ma allo stesso tempo si è impennata la percentuale di corse inevase per mancanza di veicoli (una media del 55-60% con punte del 75-80%). In sostanza: la gente chiama, ma c’è il serio rischio che l’auto bianca non arrivi mai. Numeri non paragonabili alle percentuali «fisiologiche» comunicate dai radiotaxi: 15%. Per l’Antitrust, risulta evidente «il legame univoco » che lega le clausole di non concorrenza «all’impossibilità per MyTaxi di disporre di una quota di capacità sufficiente a operare in modo competitivo sul mercato rilevante». Un mercato con una struttura «oligopolistica», la sentenza. Conclusione: quei vincoli, «suscettibili di produrre effetti anticoncorrenziali», vanno eliminate entro 4 mesi.

Nicola Palma

Informazioni su Marco Taxistory

Tassista, figlio di tassista, padre di tassista. Dal 1970 la tradizione si rinnova.
Questa voce è stata pubblicata in Leggi e Regolamenti e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

51 risposte a Radiotaxi, lo stop dell’Antitrust

  1. Alby scrive:

    Lo scrivo da tempo che l’esclusiva dei radiotaxi è fuori dal mondo.
    Finalmente la pacchia sta per finire!

  2. francesco scrive:

    ottimo… al di là dei corsi e ricorsi dei rtx, mi immagino che i rtx modificheranno gli statuti, che ci sarà l’assalto a m…. , e che dopo 6 mesi i tassisti che sono brutti, sporchi e cattivi… ma non sono stupidi, capiranno che m…. è una bella fregatura. a questo punto le corse inevase con m…. si impenneranno a meno che le commissioni non si abbassino al 1%, e questo non lo credo perché, tra dumping, tariffe agevolate , ecc, gli azionisti di M…. presenteranno il conto, e m…. tornerà da dove è venuto.
    a meno che non si compri le licenze , sempre che cambino le leggi, e metta nelle sue auto 5000 schiavi…
    e già… i tassisti sono un bel cavallo di troia…
    a proposito… vendo licenza taxi comune di milano, numero basso, possibilità di guida e radiotaxi multipli a 3.500.000 di euro non trattabili. auto 7 posti compresa, inclusi tasse e notai per 800.000 euro che si becca lo stato. un buon affare per tutti.
    poi che mi frega chi la guida e quanti soldi guadagna o perde.
    avanti m….. …. fai una bella opa!

  3. Giorgio kk scrive:

    Non so. Dal punto di vista del diritto questo pronunciamento mi lascia perplesso. Vedremo…

  4. JEVOLA scrive:

    Al y il problema non è Mytaxi ora!!! Fra 10 anni ne avremo venti di piattaforme del genere. Se ne può uscire solo fondando una SPA a livello nazionale di servizio TPNL A FINALITÀ SOCIALE. A quel punto applichi all interno dell azienda L art . 46 della costituzione e vedrai che i pitruzzelli abbassano le orecchie.

  5. JEVOLA scrive:

    Altra questione: con quanti smartphone dovremmo guidare per avere tutto sto popo’ Di casino? Daiiiii. Un po’ di pazienza, c è il TAR e soprattutto non si rischiano multe.

  6. Spartaco scrive:

    @alby Incomprensibile la tua soddisfazione. Quello che sta x finire è la tua licenza.Nessun rtx puo’ competere con questi colossi finanziari in una campagna promozionale a colpi di sconti e sussidi . Quando le app multimilionarie fidelizzano la clientela tu nn servi piu’. Sostituirti con qualche servizio “pop” di sharing (piu o meno mascherato/regolamentato) o ncc (nel caso di clientela premium) è un gioco da ragazzi. Il classico cavallo di Troia

  7. furioby scrive:

    Sì legifera sempre a favore delle multinazionali, strano però…!

  8. MILANO32 scrive:

    Francesco tu parli di commissioni al 1%. Hai mai fatto il conticino della serva sui costi della tua RTX?
    Non è un conto da laureati della Bocconi. E’ aritmetica base.
    Basa fare le seguenti somme:
    – Quanto costa il canone annuo
    – Quanto costa l’ammortamento dell’apparecchiatura
    – Quanto costa l’ammortamento della quota di ingresso
    – Quanto potrebbe costarti il possibile fallimento della cooperativa
    Poi fai la somma dell’importo annuale delle corse ricevute dalla RTX
    Fai la percentuale tra incassi e costi e vedrai quant’è l’incidenza.
    Poi ce lo fai sapere.
    Ciao

  9. Andrea72 scrive:

    Concordo con Spartaco, la modalità dell’app tedesca di dumping è identica a quella degli americani. Non a caso se su Google maps metti una destinazione e selezioni l’omino coñ la mano alzata (che rappresenta i nostri clienti) compare logo e prezzo corsa con U. e con My.
    Ricordiamoci che la licenza e tutto il resto sono intestati a noi, non a una società che se fosse l’unica a operare potrebbe decidere di modificare percentuali e modalità di adesione, oltre a dirottare le richieste sugli stessi vettori che ora già ci invadono. Attualmente non operano legalmente, figuriamoci se fossero gli unici interlocutori del governo!? Oggi abbiamo fin troppi Sindacati, alcuni più obiettivi altri più miopi o addirittura negativi per la categoria ma almeno esiste una pluralità che ci rappresenta, un monopolio (specie se estero e prettamente comerciale) non lo vedo affatto bene.
    Poi è giusto poter scegliere e ognuno faccia come crede…

  10. Andrea72 scrive:

    Concordo anche con Francesco e consiglierei a Milani32 di rileggere il tuo post, credo non lo abbia capito bene, in particolare la parte sulla percentuale.

  11. MILANO32 scrive:

    Andrea invece io non ho capito il tuo post.
    Francesco diceva a M.. avrebbe dovuto abbassare le commissioni al 1% come se l’incidenza dei costi RTX fosse inferiore.
    Giusto?
    Ecco gli chiedevo se si è mai fatto i conti in tasca.
    Quella multinazionale può fare quel che gli pare.
    Però anche il taxista può fare quel che gli pare.
    Intanto è LIBERO di aderire a qualunque altro fornitore del servizio (RTX o altro) e poi il giorno che non gli stanno più bene le condizioni/commissioni, amici come prima by by…. SENZA RIMETTERCI NULLA.
    Paro paro come con le RTX vero?
    Hai detto bene, le licenze sono dei taxisti. I taxisti NON sono dipendenti di nessuno quindi devono essere liberi di GESTIRE la propria attività come meglio credono. Chi crede che sia meglio farlo con RTX lo faccia pure ma nessuno deve “manovrare” per impedire agli altri di fare scelte diverse.

  12. alby scrive:

    @Spartaco, ciò che sta finendo è la mangiatoia per i rtx, la multinazionale tedesca è l’unica che al momento rispetta ed ha sempre e rispettato regole e leggi dei paesi dove opera.
    Dirai: fanno sconti ed offerte ai clienti, certo, che li facessereo anche i rtx che di quattrini ne hanno sempre incassato una valanga.
    Non mi risulta che presidenti, segretari e la pletora di figure che ruotano all’interno delle centrali radio abbiano mai pensato di ridurre i loro lauti compensi per investire in offerte commerciali aggressive come fa la struttura tedesca.
    Todo cambia…

  13. francesco scrive:

    i conti li ho fatti bene, e più di una volta. non della serva, ma da impresa, e, per quanto mi riguarda, l’innominabile app (nominata comunque nell’articolo più volte), per essere competitiva, dovrebbe abbassare la commissione al 1%. il che non sarebbe conveniente per gli azionisti della daimler (daimler si può dire?), per cui pagate pure il 7% per quelle volte che la usate. io faccio quello che mi conviene, offrendo in ogni caso un servizio pubblico degno di questo nome, visto che la licenza e il rischio di impresa sono miei. mi pare anche che 4500 taxi a milano facciano lo stesso, non certo per paura degli statuti. avrebbero potuto mollare il rtx, mica sono tenuti con la catena.
    tra sei mesi, la multinazionale tedesca avrà una flotta di 4855 taxi a milano (compreso il mio), e il 90% delle corse inevase. vedremo con chi se la prenderà stavolta.
    non mi pare che il 6969 per entrare sul mercato abbia fatto tutto ‘sto casino.
    è altrettanto evidente che se lavorassi a malpensa, a linate o in stazione centrale avere un rtx da 200 euro al mese, più tutto il resto, sarebbe costoso.
    è questione di scelte, ognuno è libero, per questo il nostro è il lavoro più bello del mondo.
    tra 120 giorni tutto sarà ancora più libero? tanto meglio.
    anche adesso, in ogni caso, si è liberi di mollare il rtx e di andare tra le braccia di chi ti mette le stellette, ti regala pranzi e cene, ti fa lavorare fuori turno, ti permette di ricevere prenotazioni (ops… chiamate differite) mentre dormi.
    chissà perché dopo 4 anni a milano hanno solo 350 auto disponibili sulla carta… già… sulla carta, perché quei 350 taxi rifiutano più corse di quelle che prendono.
    il loro caro amministratore delegato ha vinto una battaglia di pirro, con pitruzzella e il codaconds che non sanno nemmeno di cosa si sta parlando… di concorrenza in un servizio pubblico??? pitruzzella & co, dovrebbero incazzarsi a morte per fare in modo che a milano, che a roma, che in italia e nel mondo ci sia un numero unico, una centrale unica, un’app unica che interconnette utente e tassista. una cosa unica e utile, e soprattutto gratuita, fatta nel nome e nel rispetto degli utenti, non delle multinazionali, delle spa o delle cooperative.
    potrei andare avanti per ore, ma en già mo’ passà du’ o tri minut, e mi me rendi cunt che ho rot i bal… grande jannacci, grande “èl me’ indiriss”… roba d’altri tempi… w la tecnologia.

  14. Spartaco scrive:

    @alby..questa storia del “todo cambia” rischia (anzi la certezza) di trasformarsi in quella del marito che x far dispetto alla moglie..

  15. Roby scrive:

    Ragazzi non ci lamentiamo se tra un po’ nascerà Uber taxi !!!!!!

  16. Daniele scrive:

    SCUSA TIPO…..
    QUANDO M… FA LO SCONTO DEL 50% (CHE PAGA MAMMA GERMANIA)…..
    TU STAI RUBANDO IL LAVORO A ME (PERCHE LO SCONTO LO PAGANO LORO) E NO AL RADIO TAXI (PERCHE LORO PRENDONO UN CANONE FISSO TANTO O POCO CHE SIA)
    RICORDATI CHE FRA LE VARIE CENTRALI CI PUO ESSERE ASTIO, QUALCUNO FA DELLE CORSE CONVENZIONATE, CHE TU ACCETTI DI FARE O MENO E FACENDO TU LO SCONTO, MA NESSUNA A MAI FATTO POLITICHE COSI TANTO AGGRESSIVE DA FAR SALTARE TUTTO) TI SEI CHIESTO PERCHE?
    LA PERCENTUALE CHE TI COSTA IL RTX E TANTO E QUANTO TU LO USI, SE NE PRENDI 1 CHAMATA, TI COSTA TANTISSIMO, PIU CHIAMATE PRENDI MENO TI COSTA PERCHE AMORTIZZI IL CANONE, IO I MIEI CONTI ME LI SONO FATTO E L’ANNO SCORSO MI E COSTATO IL 4%, USANDOLO NORMALMENTE… COMPRESO L’AMMORTAMETO DELLA APPARECHIATURA….. E CAUZIONE VERSATA,,, OK?
    ORA VI CHIEDO SECONDO VOI, QUALE SARà IL PROSSIMO PASSO DELLA PREMIATA DITTA TEDESCA????
    FARANNO DUMPING SUI TASSISTI, VI OFFRIRANNO DEI SOLDI PER ENTRARE A FAR PARTE DELLA LORO GRANDE FAMIGLIA, E SECONDO VOI, QUANTI CI METTERANNO AD AMMORTIZZARE QUELLO CHE SPENDONO?…..
    POCO… PERCHE LE VOSTRE LICENZE COSTERANNO “ZERO” CON LE CENTRALI RADIO TOLTE DI MEZZO.
    IL LORO SCOPO E FARLI SPARIRE, E PRENDERE IL LORO POSTO, UNA VOLTA CHE AVRANNO UNA CONSISTENTE FETTA DI MERCATO, ALTRO CHE IL 7%
    SONO DISPERATI, FANNO PUBLICITA ANCHE SULLE MACCHINE PER RECLUTARE TASSISTI,,,,SONO DISPERATI PERCHE DEVONO RIENTRARE DAL LORO INVESTIMENTO INIZIALE, QUANDO REGALAVANO CORSE A METTà PREZZO, CI CREDO CHE LA GENTE LI CHIAMA, LAVORANO LORO, E MI RUBANO IL PANE DELLA BOCCA A ME, DITELI AI LORO TASSISTI DI PORTAVI A MALPENSA PER 45 UERO, PAGANDO DI TASCA LORO, FACILE FARE I BRILLANTI CON I SOLDI DEGLI ALTRI… NO?
    SE I RADIO TAXI GUADAGNANO CHE MALE CE? SE SONO COOPERATIVE, DOVREBBERO SPARTIRE I DIVIDENDI, SE SONO PRIVATI E LEGITIMO. IO IL CANONE LO PAGO E NON MI SEMBRA ESAGERATO, CERTO CHE SE PRENDETE DUE CORSE AL GIONO, ALLORA NON ADERITE, MA CREDETEMI, CHE SE I RADIO TAXI VI FACESSERO PAGARE IL 7%, ALLORA SI, FAREBBERO SOLDI A PALLATE….
    VEDETE VOI, MA IO NON VOGLIO AVERE 3 APPARECCHI RADIO, E 4 APPLICAZIONI SUL TELEFONO PER LAVORARE.
    PERCHE…. VOI CHE FATE, AVETE DUE FORNITORI DI GAS E LUCE E USATE UNO U ALTRO A SECONDA DI QUANDO COSTA MENO?
    AVETE DUE O TRE SIM, E TELEFONATE CON UNA O ALTRA A SECONDA DEI COSTI?
    TI SCEGLI UNO E FINE..
    METETEVELO UN ZUCCA ALLE MULTINAZIONALI NON GLIENE FREGA NIENTE DEI TASSISTI E DEGLI UTENTI, A LORO INTERESSANO “I DATI”; TELEFONO, CARTA DI CREDITO E ABITUDINI DEGLI UTENTI”
    FRA QUALCHE ANNO NE FARANNO A MENO DI VOI E DELLE VOSTRE LICENZE, E GIA SPIGATO SOPRA.
    DOVETE CAPIRE QUESTA COSA, E DOBBIAMO LOTTARE CONTRO QUESTA COSA.
    SMETTETELA DI PENSARE CHE QUESTI ARRIVANO PER FARVI LAVORARE

    SONO SOLO IL CAVALLO DI TROIA, E POI SAPETE COME E FINITA QUELLA STORIA

  17. Mirko scrive:

    Secondo me le provano tutte per Dividere la categoria…tra non molto avremo Tassisti Conservatori da una parte..e i NUOVI TASSISTI LIBERISTI dall’altra…MEDITATE…DOBBIAMO DIFENDERCI A TUTTI I COSTI SE VOGLIAMO SOPRAVVIVERE…I PANNI SPORCHI A CASA NOSTRA CE LI LAVIAMO DA SOLI…MY TAXI=UBER…

  18. francesco scrive:

    purtroppo… anzi meglio così, il mio commento è stato censurato.
    rispondo per cortesia tra colleghi a milano32… i conti li ho fatti molto bene, ognuno sa farli molto bene per sé, almeno in apparenza. poi sceglie.
    ciononstante non si spiega come mai a milano i tedeschi abbiano 350 auto disponibili.
    se fosse cosi conveniente ci sarebbe stata la diaspora dai rtx verso la novità economica e funzionale. non mi risulta che i rtx ci tengano con la catena.
    comunque sembra che saremo liberi ancora di più, e proveremo. poi vedremo che fine faranno i rtx o i tedeschi. salvo imprevisti, la “fine” che farò io la prevedo decisamente positiva

  19. Zaffiro scrive:

    Comprendo Alby pero non e che per far dispetto alla moglie ti devi tagliare il ………… come dice Spartaco e altri colleghi e un cavallo di troia (un pezzetto alla volta ….) Mica puoi detenere (con i relativi costi ) due,tre,o più apparati .Pitruzzella parla di concorrenza ,la solita parolina magica con cui fottono tutti .perche non ce abbastastanza concorrenza ( specialmente quella sleale che proprio LUI dovrebbe combattere ) A Roma addirittura il Comune vorrebbe IMPORTI una sua APP,(se non e conflitto di interesse questo ! ) E poi e di fatto un GPS ! VI RICORDATE ?al sig. Petruzzelli chiederei se un funzionario di una ASL ( magari all’ufficio acquisti) può nello stesso momento “lavorare ” per una azienda farmaceutica o che produce e vende materiale sanitario !CHE NE DICE ?LE MULTINAZIONLI DISPONGONO DI MOLTO DENaRO IN PARTE DA DESTIN aRE aLLE” PUBBLICHE RELAZIONI ” STANNO SPIANaNDOGLI la strada in tutti i modi .UN VOLTA CONQUISaTO IL MERCTO La FaRaNNO aNCOR PIU DA PaDRONI .VEDiamo quale sara il suo prossimo incarico. La politica Paga sempre .Ci sarebbero da verificare parecchie cose per esempio quante volte negli ultimi tempi ha incontrato i famosi PORTATORI DI INTERESSE e tanto altroecc ecc ecc

  20. Marco Taxistory scrive:

    Francesco nessuna censura, solo che qualche volta può esserci un ritardo nell’approvazione dei commenti.

  21. GZ scrive:

    Attenti che M….. su le fatture a voi emmesse vi versa l’ IVA che voi incassate e dovreste versare allo stato invece non lo fa nessuno prima o poi la finanza farà i controlli xi taxi non sono soggetto a iva.attenzione.

  22. francesco scrive:

    grazie marco, per la precisazione, e per la libertà di espressione concessa.
    gestire questa baracca non deve essere cosa semplice. i miei complimenti sempre

  23. Alberto scrive:

    Quando si vuole fare troppo spesso si fanno le cose male. La mia radio mi da molto lavoro e tenere anche altre app sicuramente mi farebbe perdere corse con la mia radio, di cui sono socio e di conseguenza danneggerei anche me stesso. Per quanto riguarda la convenienza il discorso è semplice: se lavori molto conviene una tariffa flat (le radio), se lavori poco invece a consumo (le app).
    saluti

  24. ALESSANDRO scrive:

    RADIOTAXI : POSTI DI LAVORO E TASSE PAGATE IN ITALIA NEL PIENO RISPETTO DELLE LEGGI (CANONE RADIO DETRAIBILE NON PARLIAMO DI %)

    MY TAXI UBER HEATC UBER POP ECC : TUTTA LA STESSA MINESTRA
    APPENA AVRANNO IL MONOPOLIO FINIREMO A PEDALARE, COME FANNO BICI E MOTORINI CHE CONSEGNANO DI TUTTO A DOMICILIO 2,50 € A CORSA IN MEDIA 2 CORSE ORA.

  25. Daniele scrive:

    MILANO32, VEDO CHE TU SEI DECISAMENTE CONTRO LE CENTRALI RADIO, NON SO COSA TI SIA SUCCESSO E MI DISPIACE, IO MOTO TEMPO ADDIETRO IN’UN ALTRO POST,TI AVEVO GIA SPIEGATO TUTTO .
    TI PARLA UNO CHE HA LAVORATO PER M., SENZA NIENTE, E ORA CON UNA “QUALSIASI CENTRALE RADIO”.
    TRALASCIANDO I CONTI, CHE OGNUNO SE LI FACCIA….
    LE DISCIPLINARI DELLE RADIO A TORTO O RAGIONE FUNGONO DA AUTOCONTROLLO, M.. HA UNA DISCIPLINARE?
    SE PRENDI UNA CORSA FUORI TURNO?
    SE PRENDI UNA PRENOTAZIONE FUORI TURNO?
    LORO VOGLIONO A TUTTI I COSTI INCREMENTARE LA LORO FLOTTA, E PER FARLO SONO DISPOSTI A TUTTO, IN PRIMIS A NON RISPETTARE CERTE REGOLE DI AUTOCONTROLLO CHE COME SAI NON PUOI LASCIARE IN MANO AI COLLEGHI, LE CORSE SE TE LI FAI FUORI TURNO SONO PROBLEMI TUOI, MA NON DI CERTO E LA CENTRALE RADIO CHE LE DISPACCIA, LE PRENOTAZIONI TE LE PRENDI COME UNA CORSA NORMALE QUANDO SEI IN TURNO, E NON 3 GIORNI PRIMA MENTRE FAI COLLAZIONE A CASA ALLA DOMENICA E TI PRENDI UN MALPENSA PER MERCOLEDI.
    TI PAGANO FINO A OGGI 50 EURO SE LI PRESENTI UN NUOVO COLLEGA, VEDRETE QUANDO PER COLPA DELLA SENTENZA DEL’ANTITRUST, COSA OFFRIRANNO AI COLLEGHI PER PORTARLI DALLA LORO PARTE.
    SOLDI RACCATTATI IN TUTTA EUROPA, PER FAR BRECCIA QUI.
    SE QUELLI VOGLIONO TI COMPRANO PURE TUTTE LE LICENZE DI UNA CITTA. E SE DEVONO FARLO LO FARANNO, MA COME PER ADESSO HANNO UN VALORE, ASPETTANO A PRENDERLE PER POCHI SOLDI.
    METTITI QUESTO UN ZUCCA, NON PENSARE AL TUO ORTICELLO, CI SONO COLLEGHI, CHE CON LA LORO LICENZA, QUANDO ANDRANNO IN PENSIONE, AVRANNO DEI FIGLI CHE VORRANNO FARE IL MESTIERE. NON PENSATE SOLO A LE VOSTRE VITE, PENSATE A QUELLE DEGLI ALTRI, DOVREMMO ESSERE UNA GRANDE FAMIGLIA, CHE CI SI AIUTA A VICENDA, INVECE PER MOTIVI PURAMENTE PERSONALI, SI PENSA A SE STESSI, NON VA BENE, BISOGNA CAPIRE, E COMBATTERE, IL NEMICO E SUBDOLO, E NON SONO DI CERTO LE CENTRALI RADIO, CHE DA DECENNI HANNO IMPLEMENTATO PIU TECNOLOGIE DEI NUOVI ARRIVATI.
    PERFINO QUANDO NON ESISTEVANO I TELEFONI.
    ALLORA DI COSA STIAMO PARLANDO, DEI 100 EURO IN PIU IN MENO CHE SPENDI IN UN ANNO?
    DEL TIPO DI CLIENTELA CHE USA M…? (LE VECCHIETTE? E LI OPERAI? E TUTTE QUELLE PERSONE CHE SALGONO SUL TAXI E NON HANNO UNA CARTA DI CREDITO, O UNO SMARTPHONE, O CHE NON VOGLIONO USARLA MAGARI PERCHE NON VOGLIONO ESSERE TRACCIATI, ANCHE SE NON HANNO NIENTE DA NASCONDERE OPPURE SI)
    CHI USA M.?
    PERSONE FRA 20 E 40 ANNI, FANATICI DI U., CHE TE LA MENANO DI QUANTO SIANO ANTIQUATI I SERVIZI TRADIZIONALI, CHE SE NON FUNZIONA BENE LA GEOLOCALIZZAZIONE DEL LORO TEL, DANNO LA COLPA A L’APP
    CHE SE PRENDI UNA STRADA DIVERSA DI QUELLA CHE LE INDICA LA LORO BELLA APPLICAZIONE PER ANDARE A PRENDERLI, MAGARI PER FARE PRIMA, QUANDO ARRIVI TE LA MENANO, O ADDIRITTURA TI ANNULLANO LA CORSA.
    TURISTI CHE GIA LO USANO IN ALTRI PAESI, DOVE IL TAXI COSTA MENO E TE LA MENANO PERCHE VOGLIONO PAGARE LO SEESSO CHE ALTROVE.
    I CLIENTI TI LASCIANO LA MANCIA SUL APP, E POI SCOPRI CHE LA COMMISSIONE VIENE CALCOLATA ANCHE SULLE MANCIE, PERCHE DAL LORO PUNTO DI VISTA LA MANCIA NON LA AVRESTI AVUTA SE NON AVESSI PRESO LA LORO CORSA…bELLA ROBA…
    TI RIEMPIONO DI PREMI E PREMIETTI, NEL MIGLIOR STILE DEL MARKETING.
    MA POI A FINE HANNO TI SPARANO UNA FATTURA CHE NON TI ASPETTAVI, DOVE PER TE E REDDITO, INVECE PER LORO I PREMI SONO COSTI CHE OVVIAMENTE SCARICANO……
    VOGLIAMO PARLARE DI QUEI CLIENTI, CHE LORO CONTEGGIANO COME CHIAMATE INECìVASE, PERCHE HANNO UN BUONO DA 20 EURO DA SPENDERE OPPURE HANNO IL 50% DI SCONTO SULLE CORSE, O VEDI IL CONTRATTO CHE HANNO FATTO CON italo?
    TI CREDO CHE SE AL CLIENTE LI DAI UN BUONO GRATIS PROVA AD USARLO, A DISCAPITO DI QUEI COLLEGHI CHE NON LAVORANO PER LORO, QUANDO AVRANNO IL MERCATO IN MANO COL KAKKIO CHE REGALERANNO LE CORSE, E SECONDO VOI DA DOVE RECUPERERANNO I DENARI SPESI? FORSE DALLE VOSTRE COMMISSIONI?
    SE UN TUO COLLEGA FA UNO SCONTO PESANTE, A UN CLIENTE, IL CLIENTE SECONDO VOI CHE TAXI PRENDE?

    PECCATO CHE COSI MI STAI RUBANDO IL PANE DALLA BOCCA.

    SOLITAMENTE SI CHIAMA CONCORRENZA SLEALE, VISTO CHE LE NOSTRE TARIFFE SONO AMMINISTRATE E NON LIBERE.

    PROVA A DIRE AD UN CLIENTE, MENTRE SEI IN CODA CON ALTRI COLLEGHI, CHE LO PORTI ALL’AEROPORTO PER LA METTA DI QUANTO PAGHEREBBE CON GLI ALTRI TAXI. I COLLEGHI COME SI SENTIREBBERO?
    IL CLIENTE CON CHI VA?

    SONO ANDATO A RUOTA LIBERA, SCUSATE…..

    VOLETE CHE VI ANNOI ANCORA?

  26. Giada scrive:

    Credo di notare con piacere che i sostenitori del cavallo di Troia hanno iniziato ad avere pochi sostenitori.
    Gli statuti delle Coop sono stilati rispettando il codice civile, tutta altra cosa è il parere fazioso dell antitrust , difatti non ha potuto comminare multe tantomeno può sostituirsi alle leggi in vigore!
    Io sarei tilt altro che ottimista fossi mytaxi perché i ricorsi ci saranno e questa volta si pronuncerà un giudice e non mi meraviglierei che saranno i vari radiotaxi a passare all attacco con relative denunce per regole non rispettate, dumping ecc ecc ecc.
    Poi si che si ride

  27. Giada scrive:

    Dimenticavo i conti vanno fatti bene e c è ancora chi prova a fare in modo impreciso e forviante o per errore o per convenienza!
    Il tanto decantato m…. (da chi le regole non le vuole conoscere e rispettare) è più oneroso e caro di un radiotaxi già con il 7% figuriamoci dopo,

  28. Andrea72 scrive:

    Milano32 potevi evitare il post e fidarti di Francesco, mi meraviglio che Marco te lo abbia pubblicato! Ovviamente i tuoi parametri sono probabilmentr da ex bianco che ora crede di aver visto la luce… Come ho già scritto al termine di un precedente post, ora siamo liberi di scegliere e ognuno farà quello che meglio crede, fortunatamente la maggior parte dei colleghi vedono un pò più in là del presente e sanno che nessuno ti regala niente, specialmente se non si tratta di cooperative ed imprese ma di società di capitali o multinazionali. Gli altri festeggino pure, personalmente non credo che cambierà niente.

  29. Marco Taxistory scrive:

    In effetti Andrea il post di Milano 32 è scappato…

  30. MILANO32 scrive:

    Giada, vedo che si continua a commentare ma sui 2 conticini della serva che ho messo lì vedo solo chiacchiere da bar Sport ma nemmeno 1 numero a supporto del bla bla bla.
    Di grazia mi dici cosa c’è di impreciso/fuorviante per errore o per convenienza?
    Dall’alto della tua autorevolezza, prima di accettare a scatola chiusa gli apprezzamenti sui tuoi colleghi (sei un collega giusto?), gradirei conoscere i TUOI CONTI precisi, non fuorvianti, esatti e disinteressati.
    Per esempio ci dici quanto costa entrare nella tua RTX? Ci dici quant’è l’ammortamento delle apparecchiature? Ci dici quant’è il canone? Ci dici quant’è il bilancio annuale della cooperativa e quanto quanto devi sganciare per ripianarlo a consuntivo? Ci dici se e di quanto hai previsto il “rischio” per i soci n caso di fallimento? E per finire ci dici l’incasso delle corse passate dalla RTX in un anno?
    Grazie

  31. Marco Taxistory scrive:

    Milano32 qui di conti della serva e di nomi non se ne devono vedere. Usate l’immaginazione.

  32. Giada scrive:

    Non c è peggior sordo di chi non vuole sentire!
    I conti che avvalorano il mio post ed a quanto pare tutti gli altri li ho già spiegati in passato ma sembra che la memoria sia corta e non ho intenzione di ripetermi, tanto più che se si parla di ammortamenti di quota capitale ecc bisognerebbe prima sapere cosa sono e come funzionino.
    Comunque ho visto post dove già le spiegazioni anche se non approfondite almeno tecnicamente sono abbastanza chiare……poi dipende sempre come conviene comprenderle!
    In ultimo io ripeto che più di una vittoria se si legge ed interpreta bene la questione agicom io la vedrei come una sconfitta quella della multinazionale, sconfitta che si concretizzerà avanti la giustizia ordinaria …. O anche il codice civile e le leggi italiane per mytaxi non valgono???????

  33. Zaffiro scrive:

    M…..ha bisogno tassativamente di auto per continuare .E se domani i taxisti associati a M…..si fermano e gli dicono “se vuoi che continuano devi abbassare la commissione a 0,50% per esempio ,m…….che fa’??????????Secondo me la ” loro sopravvivenza aldilà’ dell’aiutino dell dott.P…….. Dipende da noi . Tolga pure i vincoli associamoci a M……,facciamo gli scaricare centinaia ,migliaia di app ,e poi a un certo punto magari a Natale tutti fermi ,continuo solo se …………ecc ecc ecc . Sarei curioso di vedere che fa M…..senza auto . Comunque ci saranno i ricorsi ,ci sono leggi del codice civile che vanno rispettate, la concorrenza e ampiamente rispettata ( non ce un solo “soggetto” e tu sei libero di scegliere con chi stare ), IL SIG P………..A pensasse proprio lui a far rispettare le regole per una concorrenza leale ( sede fiscale ,dumping ecc.) Abbiamo capito da che parte sta’,ne ha dato già prova .Probabilmente si avvicina la scadenza della sua presidenza e si sta ” assicurando “un roseo futuro

  34. francesco scrive:

    bravo zaffiro… era quello che intendevo quando ho scritto che i tassisti possono essere un bel cavallo di troia.
    ti allei col nemico, alla prima battaglia lo fai vincere, lo fai esultare, lo fai investire…. e poi lo abbandoni

  35. MILANO32 scrive:

    OK Marco. Niente numeri. Capisco.
    Sono un metro di giudizio impietoso nel confronto meramente monetario.
    A chi mi chiede cosa mi è capitato rispondo: NIENTE.
    Non sono mai stato associato a nessuna RTX.
    Il motivo?
    Semplice: molti come me hanno scelto questo mestiere per AMORE DELLA LIBERTA’.
    Non sopporto avere “capi” che mi IMPONGONO qualcosa soprattutto dopo aver investito ed essermela COMPRATA di tasca mia.
    Gente che mi lega mani e piedi per interessi suoi facendosi pure pagare profumatamente e che dal piedistallo pontificano suonando il piffero magico come gli incantatori di serpenti.
    Ritengo che quello dell’esclusiva imposto ai soci RTX sia una VESSAZIONE INSOPPORTABILE alla quale TUTTI i soci si dovrebbero ribellare.
    Ripeto: siamo NOI a lavorare e a portare a casa il cash con cui mantenere tutta la baracca. La RTX è un SERVIZIO di supporto al nostro lavoro. Non viceversa.
    Per quanto riguarda la storia in questione, si vedrà come andrà a finire ma temo che finirà come i ricorsi fatti contro il 777 e cioè soccombenti. Quindi okkio soci. Preparatevi a rimborsare un altro bel mucchietto di quattrini spesi in avvocati PER NIENTE (o meglio spesi SOLO per difendere con le unghie e coi denti qualche cadreghino).
    State sereni perchè per male che vada a finire si tratterà semplicemente di togliere un vincolo (ripeto per me demenziale e vessatorio).
    Dopodiché la vita continua esattamente come prima, nessuno è obbligato a fare nulla.
    M… resterebbe con la sua misera flotta di 350 macchine e finisce tutto lì.
    Tale e quale adesso.
    Invece tutto sto can can mi fa pensare che si stia diffondendo la prospettiva ed il terrore del fuggi fuggi dalle RTX.
    Lo stesso terrore e prospettiva che dovrebbero e dovranno SEMPRE tenere a mente TUTTI gli “intermediari” di cui ci serviamo.
    Che siano RTX, APP’s o qualsiasi altro strumento.
    Siamo che noi che facciamo il servizio non LORO.
    Se ci fermiamo noi LORO sono MORTI.
    Infatti continuano a sorprendermi tutti quei colleghi che si strappano i capelli davanti alla possibilità di avere qualche qualche libertà in più di prima.
    Tutti vittima della sindrome di Stoccolma o interesse a mantenere lo satus quo?

  36. Marco Taxistory scrive:

    Contento tu Milano32, contenti tutti.

  37. alby scrive:

    MIlano32, ottima analisi!
    Condivido in pieno, le altre son solo chiacchere da bar.

  38. Gabriele scrive:

    Ero sicuro che MILANO32 non avesse mai lavorato con qualche radio perché altrimenti non parlerebbe così, comunque come dice Marco contento lui contenti tutti . Però di una cosa sono sicuro se un giorno dovessimo incontrarci e facessimo due chiacchere dopo tre minuti cambieresti opinione su my…. e i radiotaxi. Saluti.

  39. dario scrive:

    Cari Colleghi.
    Si continua a discutere,della stessa cosa, chi a Pro e chi Contro, ma secondo me
    ci si dimentica del vero Problema, cioe che purtroppo le App sono nel bene e nel male
    il futuro, ed è propio qui che non riesco a Capire i 3 Radiotaxi Milanesi,che si sono
    svenati a creare ognuno la propia App,creando confusione ai clienti,provo a spiegarmi meglio
    io nel mio previo lavoro ho avuto la fortuna di Viaggiare praticamente quasi in tutti continenti di questa terra a parte alcuni,quindi provate ad immedesimarvi in un professionista(parlo di Professionista e non turista che fa uno / due viaggi all\’anno) che salta
    da una città all\’altra per incontri vari, questa figura ha poco tempo quindi a lui è molto più comodo avere una sola App che funziona ovunque per procurarsi un Taxi,cioe oggi M…T..
    quindi facciamo un passo indietro oggi a Milano, il Professinista nel caso M..T.. non esistesse deve scaricarsi ben 3 App. poi passa a Madrid e magari altre 2 App e cosi via per tutto il resto d\’europa e mi fermo in europa,quindi gia da qui si puo capire in che difficoltà mettiamo il nostro principale Cliente.
    Risultato di tale pensiero che ovviamente e solo un mio punto di vista magari sbaglio tutto,
    il poveraccio dovrebbe avere una memoria infinita del telefono solo per chiamare un Taxi,
    ed è propio alla vista di ciò che secondo me oggi i Radiotaxi e non parlo di solo quelli Milanesi ma di tutta Italia dovrebbero Unirsi Visto che in questo momento hanno ancora la forza economica e sopratutto hanno la flotta con il più grosso numero di mezzi a disposione,nel Unirsi creare una sola Applicazione che possa soddisfare le esigenze sempre
    più Tecnologiche che il cliente chiede,perchè se continuamo a dividere le fantastiche Tecnologie di cui si Vantano di Avere sara ovvio che Vincera chi può offrire la stessa tecnologia ma con un utilizzo più prurale e non chiuso su se stesso,come lo è adesso.
    Alro Vantaggio che i Radiotaxi posso vantare oggi e il vecchio sistema che in caso di mancanza di collegamento rete funziona sempre e poi il buon vecchio telefono come back up se si riuscisse a fare questo a livello Nazionale sarebbe già un successo,poi io non vedo limiti,poi sarebbe bello sedersi ad un tavolo con gli altri radiotaxi d\’europa ed espandere la nostra Applicazione a tutti,risultato Finale Una Sola App gestita dai Radiotaxi cioè Da NOI quindi inataccabile e sopratutto Legale.
    Grazie e scusate la lungaggine spero di essere stato chiaro vista l\’ora magari o scritto Vaccate,
    Dario

  40. massimo 69 scrive:

    Un saluto a tutti colleghi.Intervengo solo per dire che sono pienamente d accordo con Dario e che secondo me è l unico modo per uscire indenni da tutta questa situazione.

  41. MILANO32 scrive:

    Sono perfettamente d’accordo con l’analisi di Dario e l’avevo scritto anch’io tempo fa.
    Il fatto che i 3 “sistemi” RTX non “parlino” fra loro la dice molto lunga sulla REALE volontà dei capataz di COLLABORARE per dare un servizio il più “largo e aperto” possibile a NOI e ai clienti.
    Ognun per sè e Dio per tutti! Questa la regola aurea che ha sempre guidato i nostri capitani.
    Ai bei tempi che Berta filava ha anche funzionato.
    Adesso sono arrivati gli “intrusi”, PANICO! Improvvisamente ci si rende conto che invece bisognava ragionare “uno per tutti tutti per uno”.
    Ma secondo voi chi è abituato a spadroneggiare da decenni riuscirà ad adattarsi alle necessità dei tempi?
    Ne dubito molto.
    Anche qui fra colleghi vedo che per esempio anziché ragionare su COSA fare per migliorare il SISTEMA RTX milanese nel suo insieme (cioè come UNIRE le 3 centrali) non si fa che parlare di scenari apocalittici e lanciare accuse agli “intrusi” che si permettono di “rubare” lavoro a chi c’era prima.
    Infatti la prima azione concreta qual’è? Un ricorso!
    Errore fatale…….

  42. francesco scrive:

    siamo tutti d’accordo con l’analisi di dario,… è stato detto più volte, e ringrazio dario per averlo ricordato.
    i rtx sono nati grazie ai tassisti, usando i loro soldi, hanno vantaggi, limitazioni, svantaggi, colpe, meriti, ecc… possono migliorare e anche andare a gambe all’aria, ci sono problemi da risolvere e soluzioni da trovare.
    tra i problemi che ci sono, c’è forse anche che l’atteggiamento di chiusura ha permesso la nascita di ulteriori problemi… tra cui gli americani e i tedeschi.
    ma che la soluzione ideale sia l’app della multinazionale tedesca… non credo che nessuno ne sia sinceramente convinto.
    le spa, srl, anonime, scatole cinesi, ecc… hanno un solo obiettivo: rientrare dell’investimento e creare dividendi per gli azionisti.
    al massimo una cooperativa (seria) chiude a zero, o in perdita… generando un costo pro socio annuo compreso tra i 20 e i 50 euro, salvo eccezioni, derivanti da mancanze del consiglio direttivo, fatte in buona o in mala fede, che spesso per colpa dei soci poco attenti, non sono fatte notare dando un bel calcio nel culo al presidente e al consiglio… ovviamente davanti alla mala fede. per il resto, tutti possono sbagliare e riconoscere lo sbaglio, chiedere scusa e non per questo essere impalati vivi.

  43. Dario scrive:

    Bene ringrazio Roberto 69 ,Milano 32 e Francesco nell’apprezzare la mia Analisi,
    Voi dite che gia in passato era stata menzionata questo tipo di soluzione,che a me pare
    molto logica,ma a questo punto ho una domanda da fare a Marco visto che lui è il mediatore nonche gestore di questo fantastico Forum.
    E possibile che nessuno dei responsabili delle varie Radio si sia mai collegato a questo forum
    e abbia letto le varie opignoni ed Idee che vengono suggerite sullo stesso, o si semtomo cosi
    Superiori che snobano qualsiasi suggerimento dato.
    Tanti anni fa ho Lavorato per una grossa Azienda di telecomunicazioni, dove regolarmente partecipavo a corsi formativi,e propio durante uno di questi, il relatore ci spiego il sistema
    Giapponese,che mi rimase particolarmente Impresso, mi spiego meglio, i Lavoratori
    Giapponesi quando finiscono le loro ore di lavoro, si riuniscono in un area ricreativa data a disposizine dall’azienda, in questa sorta di area dopolavoro ci vanno Tutti, da quello che pulisce i bagni fino al più alto dei Dirigenti,e qui spogli della loro posizione aziendale nascevano discussioni di ogni tipo sia lavorativo che di qualsiasi altro genere,quindi ci spiego che in questo contesto potevano venire fuori idee brillanti per il bene dell’azienda
    e magari potevano arrivare anche dall’uomo delle pulizie e perchè no.
    Alla luce di tutto questo a me non sorprende più di tanto, l’alta Affidabilita delle nostre Auto Giapponesi che noto essere sempre più presenti nel nostro settore.
    Spero che i responsabili delle Radio veramente ci pensino seriamente, le App sono il futuro che non si puo fermare, sempre più utenti ne fanno uso un po per moda un po per necessità,
    quindi a perer mio non va perso il treno perchè se si perde poi saranno dolori per tutti, diciamo che sono sulla buona strada tutti e 3 hanno la loro App,ma ripeto è troppo chiusa su se stessa Va aperta Unificata almeno a Livello nazionale se si vuole renderla Efficace e Competitiva contro quello che oggi da Fastidio, poi spartitevi le prebende come vi pare,ma se continueremo cosi a spartirsi le Prebende sara purtroppo solo Uno.
    Con questo chiudo a buon Intenditore le propie Conclusioni
    Un saluto
    Dario

  44. Marco Taxistory scrive:

    Dario per fortuna, o purtroppo, questo non è il Giappone. I cda e i “padroni” dei radiotaxi fanno ciò che pensano sia la cosa migliore per i soci e (in seconda analisi) per le loro tasche. Il problema più grosso è che si odiano tra loro.

  45. Dario scrive:

    Morale della questione.
    Loro si odiano e noi andiamo a gambe all’aria.
    Ti sembra giusto??
    Spero in te, magari se ne conosci qualcuno fammi un piacere, prova suusurargli in un
    orecchio qualcosa.
    Saluti
    Dario

  46. Giada scrive:

    A gambe all aria ci andiamo perché gli stessi tassisti stanno dando potere alle multinazionali e questo è un dato di fatto incontrovertibile punto.

  47. Giada scrive:

    Poi il famoso taxi a guida autonoma come si dovrà prendere ?
    Con un fischio?
    O con un APP??
    Non posso esprimere quell che penso veramente perché sarei CENSURATO……

  48. MILANO32 scrive:

    Peccato che a questo punto ci siamo arrivati proprio e solo grazie al delirio di potere, cecità ed arroganza dei comandanti de noantri.
    Caro Giada continui a dispensare insulti a piene mani ai colleghi e MAI che tu proponga qualche idea per risolvere problemi e cooptare alla tua causa i colleghi “traditori e/o infedeli”.
    Dice giusto Marco. Fratelli che si odiano come galli in un pollaio. Il primo pensiero è sempre quello mantenere il POTERE ed il CONTROLLO del vostro orticello imponendo vessazioni per me insopportabili ai vostri soci. Appena qualcuno mette il naso dentro al vostro recinto anzichè affrontare i problemi e cercare soluzioni, la prima cosa che fate è quella di sparare a zero, spargere terrore fra i colleghi, ingaggiare azzeccagarbugli e fare INUTILI ricorsi pur di mantenere lo status quo.
    Con buona pace degli interessi di Utenti (taxisti paganti) e del servizio alla clientela.
    Continuate pure così. Vi state mettendo la corda al collo da soli. Non meravigliatevi il giorno che qualcuno tirerà la corda. Potrebbero essere i vostri stessi soci anzichè le multinazionali.

  49. Dario scrive:

    Mi spiace Giada,ma devo dare ragione a Milano 32.
    Dai la colpa ai Colleghi che si sono rivolti alla App.
    Ma continui a dimenticare che le Radio,pur avendo il Vantaggio di avere in mano quasi la
    totalità del mercato, litigando tra di loro hanno dato spazio alla
    fastidiosa App Multinazionale di crescere,solo perchè continuano a non Vedere più in la del loro naso.
    Ho gia detto che purtroppo luso delle App sara inevitabile, è il cliente che lo chiede,ma posso capire la tua posizione Non sei stato Mai un Cliente, ma un Conduttore quindi ovviamente
    il punto di vista cambia ampiamente,io invece ho passato ben 30 anni sul sedile Posteriore ti parlo per esperienza e non per sentito dire.
    Voglio precisare che io la radio c’è l’ho e ho pagato caro, per entrare e non intendo abbandonarla, quello che spero è che non sia lei ad abbandonare me solo perchè perde tempo a litigare con le persone sbagliate invece di provare a Sedersi su quel Benedetto Sedile
    Posteriore e incominciare a ragionare da Cliente e non da Conducente.
    Sauti
    Dario

  50. francesco scrive:

    caro dario… tutto vero, compreso il metodo kaizen… tranne che l’app cresce, se crescesse non avrebbe il 90% delle corse inevase, e che i radiotaxi litigano. si odiano, ha ragione marco, ma non litigano. ognuno protegge i suoi interessi e gli interessi dei soci. se così non fosse il radiotaxi l’avresti già mollato.
    ci vorrebbe un altro attore, sopra le parti, capace di dirimere la faccenda, non certo la multinazionale di turno, ottima nel marketing, ma assurda nell’ideologia… ricordiamoci che stiamo parlando di servizio pubblico.
    sulla carta il numero unico sarebbe vincente, ma a milano stiamo parlando di carta igenica buona solo a cambiare turno. i tre radiotaxi si erano proposti al bando, ma il comune ha preferito qualcuno che si fosse aggiudicato con successo appalti pubblici, e così… niente colonnine, e un’app che nessuno conosce e che quando sono in piazza duomo mi dice che sono in stazione centrale… sarà il gps del mio telefono a fare le bizze? può essere, ma in tre anni che sta accesa 10 ore al giorno, avrà passato le corse che il radiotaxi mi passa in un giorno.
    anch’io mi siedo sul sedile posteriore, anche spesso, ma prima di sedermi chiamo un taxi o aspetto il mio turno al posteggio. a milano li ho provati tutti, con tutti i metodi disponibili, e ho tratto le mie conclusioni, senza dimenticarmi di essere un utente e non un cliente.
    a volte rileggere la 21/92 e successive modifiche e integrazioni non fa male, se poi non piace basta cambiarla, ma finchè c’è andrebbe rispettata. anche dalle multinazionali. se vogliono fare i salvatori del mondo, lo facessero nel rispetto delle leggi, degli utenti e dei lavoratori.
    120 giorni passano in fretta, poi vedremo cosa si inventeranno.

  51. MILANO32 scrive:

    …. ognuno protegge i suoi interessi e gli interessi dei soci. se così non fosse il radiotaxi l’avresti già mollato……
    Francesco mi spieghi in che modo il vincolo di esclusiva difenderebbe gli interessi dei soci?
    Poi dopo che ci hai spiegato i vantaggi per i soci del vincolo, ci spieghi anche perchè non si riesca a creare un “sistema milanese integrato” APERTO DI TUTTE LE RTX al quale accedano senza restrizioni clienti e taxisti indifferentemente dalla centrale che riceve la chiamata?
    Sarebbero vantaggi per tutti. Clienti che non si devono aggrappare al telefono per trovare il taxi e taxisti che si vedrebbero moltiplicare le chiamate e relative occasioni di prendere la corsa.
    Macchè! Meglio fare ricorsi e inveire contro multinazionali e colleghi.

I commenti sono chiusi.