Uritaxi scrive a Ballarò in merito alle esternazioni di Uber

Uri_lettera_ballaròuritaxi.it Egregio Dott. Giannini, la puntata di Ballarò del decorso 25 novembre si è conclusa con un intervento della Dott.ssa Benedetta Arese Lucini, invitata quale General Manager di Uber. La presenza della stessa in una puntata dedicata alle “Innocenti evasioni” è rimasta ignota e indecifrabile agli ascoltatori sino al termine della trasmissione quando la Dott.ssa Lucini è intervenuta per sostenere che “non è vero che i tassisti pagano le licenze e che, anzi, le stesse vengono date via Bando gratuitamente dai Comuni per poi essere rivendute dai tassisti che ne sono divenuti titolari in un mercato nero dove non si pagano le tasse”. In tal senso la predetta Dott.ssa Lucini ha inteso “giustificare” la sua presenza in un contesto televisivo in cui – parole sue – “si era parlato di evasione tutta la sera”.

La gravità di tali affermazioni risulta palesemente riconducibile non solo alla falsità di quanto affermato sul piano giuridico e fattuale, ma anche alla natura fortemente dichiarativa e assertiva delle dichiarazioni stesse offerte all’attenzione del pubblico come fonte non solo di verità, ma anche di conoscenza diretta.  Continua a leggere

356

Pubblicato in Comunicati Sindacali | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La Calunnia

linguaTelevideo ore 3,02: “USA. Uber, l’app per auto e noleggio sta effettuando una nuova raccolta fondi, in base alla quale la società è quotata 35 – 40 miliardi (di dollari. ndr)”. Auguri a chi comprerà le azioni in fase di quotazione. Questa è la Ciccia. Vediamo adesso la Fuffa.

Il neoconduttore di Ballarò, Massimo Giannini, ex giornalista del quotidiano “La Repubblica” (già distintosi, insieme all’omonimo Giannino, Oscar, detto anche “il Laureato”, ai tempi di Monti nella caccia al tassista, brutto sporco e corporativo),  promosso in televisione per meriti professionali, fa una puntata sull’evasione e l’elusione fiscale, ospiti Camusso, Lorenzini, Freccero e così via.  Un deja vu, ma sembra una puntata seria.

All’improvviso appare, fresca di messa in piega, la nostra vecchia conoscenza, la General Manager di Uber Italy s.r.l. Finalmente un esempio di fiscalità olandese, penso io. Macchè.  Continua a leggere

959

Pubblicato in Diciamo la nostra | Contrassegnato , , , | 3 commenti

Comunicato Tam circa le dichiarazioni di Uber a Ballarò

tamIn seguito a quanto dichiarato dal procuratore speciale di Uber Italy S.r.l. Benedetta Arese Lucini nella trasmissione televisiva Ballarò di ieri, 25/11/2014, l’associazione T.A.M. Tassisti Artigiani Milanesi comunica che ha già dato mandato ai propri legali di verificare l’esistenza di profili diffamatori e penali nelle sedi competenti, anche giudiziarie, allo scopo di tutelare gli interessi propri e della categoria taxi in genere. In particolare di tutti i colleghi che hanno acquisito legittimamente la propria licenza e che svolgono la propria attività rispettando le leggi e pagando le tasse.

616

Pubblicato in Comunicati Sindacali | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

Associazione Tutela Legale Taxi Comunicazione avvio attività di tutela

Lettera_inizio_attivita_uber-pageComunicazione avvio attività di tutela L’Associazione Tutela Legale Taxi, a seguito delle dichiarazioni rilasciate dalla General Manager della Società UBER, Sig.ra Lucini, nella trasmissione televisiva “Ballarò” del 25 novembre 2014, comunica a tutti gli Associati che ha già dato mandato ai propri legali di verificare la sussistenza di profili diffamatori e penali nelle affermazioni della suddetta manager e, conseguentemente, di tutelare nelle competenti sedi, anche giudiziarie, l’intera categoria taxi e tutti gli operatori che legittimamente hanno acquisito la propria licenza e che ogni giorno lavorano su strada al servizio dell’utenza.

Roma 26 novembre 2014

Il presidente Alessandro Genovese

300

Pubblicato in Comunicati Sindacali | Contrassegnato , | Lascia un commento

Uber a Ballarò 25-11-2014

(audio ok)  975

Pubblicato in Videoclips | Contrassegnato , , | 5 commenti

Uber, fine di un amore: la stampa si ribella

EnemyIl caso #ubergate (questo l’ ashtag diffuso sui social network) si allarga e in tutto il mondo si rincorrono tra i vari media, articoli che mettono in luce piena “l’altra faccia” di Uber. Sembra che l’astro nascente di Uber si stia eclissando dietro una serie di avvenimenti e dichiarazioni da brivido, così come la incalzante fase di innamoramento dei giornali sembra si stia trasformando in un atto di accusa.  Il quotidiano Repubblica  di oggi ha pubblicato un articolo che non concede sconti, buona lettura.Punta in alto

SAN FRANCISCO – Rapimenti, violenze sessuali, clienti aggrediti e malmenati, dipendenti che si fingono utenti per sbaragliare la concorrenza, fondi neri, sorveglianza elettronica dei movimenti dei passeggeri, intimidazioni nei confronti dei dipendenti della concorrenza e minacce ai giornalisti. Sembra una pagina presa dalla storia delle Whiskey War statunitensi della seconda metà dell’ottocento, quando le gang di New York trasformarono Brooklyn in un campo di battaglia, ma si tratta invece delle Cab War (la Guerra dei Tassisti) in corso negli Usa. E Uber, il colosso della shared economy statunitense che ha messo a soqquadro il mondo del trasporto privato cittadino, fa la parte del gorilla.
Che Uber fosse un “go getter” – un competitore aggressivo – era un fatto risaputo. Per prendere di petto l’industria dei taxi in America, occorrono legioni di avvocati e capitali sostanziosi da investire in spese legali, ma anche il coraggio di resistere a vere aggressioni da parte di autisti delle varie compagnie, che non di rado sono state accusate di colludere con i mobster – come vengono definiti in gergo i mafiosi. Ma in pochi si aspettavano che Uber avrebbe combattuto a questo livello, adottando tattiche che ricordano periodi storici nei quali le gang criminali affliggevano gli Usa. E tante sono le accuse in genere mosse agli startupper, ma mai finora di essere dei gangster. Almeno fino all’arrivo della compagnia fondata da Garrett Camp and Travis Kalanick.

Continua a leggere 1460

Pubblicato in Notizie dal Mondo | Contrassegnato , , , | 5 commenti

Taxiservice Milano sta nascendo

IMG-20141124-WA0214Possiamo affermare che oggi lunedì 24 novembre 2014 dopo animate discussioni e scambi di opinione non sempre pacati, ma comunque pieni di fervore e voglia di fare, stia delineandosi finalmente il nuovo servizio Taxi Service Milano. Un ritrovo spontaneo presso la stazione centrale di Milano ha visto, durante l’arco del pomeriggio e della sera, la presenza di decine di volontari che con la pettorina hanno cominciato a distribuire informazioni e raccogliere pre-adesioni per il costituendo servizio di cortesia e informazione per i viaggiatori che intendono avvalersi del servizio taxi.

Si spera anche che la presenza dei volontari, finora un centinaio di adesioni, possa fungere da deterrente per il fenomeno di adescamento da parte di abusivi di ogni specie che avvicinando ignari viaggiatori spacciano “passaggi” al di fuori di ogni regola. L’intenzione è, in vista anche di Expo 2015, di riportare un minimo di ordine e di diritto nel devastante fenomeno del “taxi abusivo”.  Continua a leggere

1969

Pubblicato in Diciamo la nostra | Contrassegnato | 3 commenti