TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Il tribunale blocca Uberpop

Notizie dal parlamentino taxi di Torino:

IL TRIBUNALE DI MILANO HA DELIBERATO DI BLOCCARE E INIBIRE IL SERVIZIO UBER-POP IN ITALIA.
parlamentino_taxi_26-05-2015Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso presentato nell’interesse di tutta la categoria degli operatori taxi regolari dagli avvocati Marco Giustiniani, Nico Moravia, Giovanni Gigliotti e Alessandro Fabbi dello Studio Legale Pavia e Ansaldo disponendo quanto segue:

1) accerta la concorrenza sleale posta in essere ai sensi dell’art. 2598 n. 3 c.c. dalle società del Gruppo UBER nei confronti dei taxi; 
2) inibisce in via cautelare ed urgente alle medesime l’utilizzazione sul territorio nazionale dell’app denominata UBER POP e comunque la prestazione di un servizio – comunque denominato e con qualsiasi mezzo promosso e diffuso – che organizzi, diffonda e promuova da parte di soggetti privi di autorizzazione amministrativa e/o di licenza un trasporto terzi dietro corrispettivo su richiesta del trasportato, in modo non continuativo o periodico, su itinerari e secondo orari stabiliti di volta in volta;

3) fissa a titolo di penale per il ritardo nell’attuazione dell’inibitoria la somma di € 20.000,00 per ogni giorno di ritardo a decorrere dal quindicesimo giorno successivo alla comunicazione della presente ordinanza;

4) dispone la pubblicazione del dispositivo del presente provvedimento per giorni trenta sulla home page del sito www.uber.com nella sua sezione dedicata al territorio italiano in firma leggibile e diretta (senza necessità di rinvio mediante ulteriori link) entro quindici giorni dalla comunicazione della presente ordinanza a cura ed a spese delle resistenti;

5) condanna le società del Gruppo UBER al rimborso delle spese di giudizio.

Le scriventi ringraziano, dunque, i nostri avvocati e lo Studio Legale Pavia e Ansaldo per l’ottimo lavoro svolto e il risultato ottenuto… e soprattutto la categoria tutta per la fiducia che ci ha dato in questa lunga battaglia.

Nel silenzio e nelle inoperatività delle Amministrazioni, del Governo e del Parlamento FINALMENTE ABBIAMO TROVATO UN GIUDICE!

Finalmente abbiamo fatto un primo importante passo per la giustizia e per la difesa del nostro lavoro… e continueremo a difendere il nostro lavoro… SEMPRE

22 thoughts on “Il tribunale blocca Uberpop

  1. Cari Colleghi,
    bene, ma non gongoliamoci troppo.
    Ora tocca a noi. Ora più di prima dobbiamo dimostra
    e professionalità e serietà.
    Basta poco; cortesia, correttezza, pulizia.
    Non facciamo rimpiangere a nessuno la mancanza di una applicazione che nulla ha da offrire più di noi.
    Ricordiamolo sempre. Se loro esistono sino ad oggi è perché gli abbiamo dato anche noi spazio,

  2. Attendiamo le dichiarazioni di renzi vediamo come vuole salvare rU… e che legge inventa

  3. Io l’ avevo detto alla Signora bionda , con il fastidioso accento americano : “PARTITA FINITA QUANDO ARBITRO FISCHIA” ………..OGGI SONO FELICEEEEEEE

  4. Ciro … Renzie non li salva , li lascia affogare , perché sono fuori legge , non pagano tasse , mettono la tariffa con il moltiplicatore quando ci sono molte chiamate , sono anche brutti , sporchi e cattivi ………SONO FELICEEEEEEE

  5. La sentenza del Tribunale di Milano che ha bloccato il servizio “U… pop” in tutta Italia, rappresenta per il Codacons un danno enorme per gli utenti, perché limita la concorrenza e riduce le possibilità di scelta per i cittadini. “E’ impensabile che un paese moderno possa essere privato di sistemi innovativi come U…, che rispondono ad esigenze di mercato e sfruttano le nuove possibilità introdotte dalla tecnologia – afferma il presidente Carlo Rienzi – Così facendo si finisce per produrre un duplice danno al consumatore finale: da un lato una minore scelta sul fronte del servizio, dall’altro tariffe più elevate per effetto della minore concorrenza”. “Ciò che serve, semmai, è integrare U… nel mercato italiano rendendolo conforme alle disposizioni vigenti, garantendo legalità e sicurezza senza danneggiare gli altri operatori. Per tale motivo – prosegue Rienzi – rivolgiamo oggi un appello al ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, affinché studi le misure necessarie a rendere pienamente legale U… senza limitazioni medievali alla concorrenza”.

    Purtroppo l’intelligenza ha dei limiti mentre la stupidità è infinita…

  6. Bene!!!!! Ma stiamo sempre in guardia con questo governo di M….a non si sa mai

  7. I giudici di pace sono finti magistrati, figli di una riforma che ha permesso a un gruppetto di dilettanti l’esercizio di una giurisprudenza minore, e si spiega come alcuni di questi abbiano emesso sentenze schizofreniche. Le leggi sul trasporto persone in questo paese erano e sono chiarissime, una volta tanto, chiesto un giudizio a un magistrato vero, questo non poteva che applicarle nel senso adottato dal giudice Claudio Marangoni. In Italia non bisognava inventare nulla sul trasporto pubblico, bastava adottare le leggi fin da subito.

  8. Ragazzi sono contento…oggi ero presente al psrlamentino, pero la strada e ancore lunga in quanto delrio e pronto con decreti legge e quindi non molliamo niente…il resto lo farà la nostra professionalità

  9. Si …ma se Delrio solo ci prova stavolta torniamo alla carica come nel 2006 , adesso è meglio che ci lascino stare per un po ‘ di anni , altrimenti ci arrabbiamo veramente ….

  10. I telegiornali non se ne fanno una ragione il Codacons pure abbiamo le palline piene pensassero i problemi più seri siamo diventati una patologia si devono curare

  11. Lascia che schiumino di rabbia , su rainews24 hanno intervistato il direttore di Wired , poveraccio , non ci stava dentro , sclerava , parlava di carrozze e cavalli , mi faceva pena , più che un ragionamento il suo sembrava un flusso emozionale , uno sfogo ……… adesso fanno ricorso … non si capacitano …. GAME OVER

  12. Caro Davide a Napoli il mese di maggio e finito incassi miseri e aperta la nuova metropolitana il lavoro è calato drasticamente e stato bene che U… e stato per ora fermato sr
    Se arrivano a Napoli scappa il m…o restiamo sempre uniti speriamo di vederci presto non per fare sciopero ma per fare una cena e festeggiare la nostra vittoria

  13. Ciro hai ragione , meglio che a Napoli non siano arrivati , bisogna stare sempre uniti e un sito come taxistory aiuta a tenerci informati in tempo reale e a comunicare tra di noi anche se lontani … una cena per festeggiare ci vorrebbe , ma come dice Bittarelli “il lavoro inizia qui e non abbassiamo la guardia” … per ora GAME OVER

  14. Cari colleghi siete troppo ottimisti e troppo felici, scommettiamo che non cambia niente? Voi pensate veramente che da domani U… non opererà più? Siete davvero convinti che questa sentenza metta una pietra sopra il discorso U…? Capisco la necessità di credere e sperare, ma potrò scommettere che rimarrà tutto uguale o quasi. Non solo, abbiamo l’opinione pubblica contro, i media nel dare la notizia non erano certo entusiasti nei toni. Stiamo cercando o sperando che le nostre minacce di guerra possano portare qualcosa di positivo, ma non sarà così. Bisognava trovare altre strade pensando al futuro. Altre forme di proibizionismo nel passato, non hanno portato gli effetti sperati, tutt’altro. Massimo sembra quello più lucido nei commenti. Cerchiamo di fare bene il nostro lavoro e rispettiamo la clientela e troviamo soluzioni perché se continuiamo a pensare che questa sia una guerra, prepariamoci anche ad eventuali sconfitte per he quella di oggi è solo una battaglia. Ci sarà l’appello e poi la corte europea e Dio sa quante altre cose. Siamo veramente sicuri che stiano schiumando?

  15. il ministro dei trasporti Del Rio (lo scudiero di Renzi) ha appena dichiarato che il problema U… non si risolve con la magistratura, ma che stanno preparando un provvedimento ad hoc..
    BOIA CHI MOLLA!!

  16. Signora bionda dal fastidioso accento americano , questa storia dovrebbe insegnarti una cosa : ” NON DIRE GATTO SE NON C’E’ L ‘ HAI NEL SACCO ” … concetto espresso più volte dal Trap negli anni ’80 .

  17. Marcatura stretta su Delrio , tanto per capire stile Gentile su Maradona nel ’82 , pronti ad una mobilitazione nazionale vecchio stile , se serve una prova di forza non dobbiamo assolutamente tirarci indietro …. il Tribunale ci ha dato ragione e di sicuro la bionda o chi per lei avrà già contattato il governo … “il lavoro inizia adesso” (Bittarelli , 26/5/15) .

Comments are closed.