TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Così la Lombardia vuole combattere i tassisti abusivi


milanotoday.it “Guerra” agli abusivi. Regione Lombardia sta cercando in ogni modo di risolvere il problema dei tassisti senza licenza. Dopo la manifestazione a Linate di metà giugno, mercoledì mattina i rappresentati delle auto bianche – con le delegazioni sindacali Tam, SATaM, Acai taxi Milano, Ugl taxi Milano, Uil e Taxiservice – hanno incontrato il questore di Milano, Giuseppe Petronzi, per chiedere un impegno della polizia sul tema.

Al loro fianco, come già accaduto fuori dallo scalo aeroportuale meneghino, c’era l’assessore alla sicurezza di regione Lombardia, Riccardo De Corato, che ha chiesto “interventi decisi per sconfiggere definitivamente l’abusivismo” al numero uno della polizia milanese.

Lo stesso De Corato ha poi svelato quale sarà la prossima mossa del Pirellone per cercare di ridurre al minimo il lavoro per gli abusivi. “Come Regione Lombardia – ha spiegato l’esponente della giunta Fontana – prossimamente, grazie a Sea, inizieremo una campagna di sensibilizzazione per aiutare chi arriva negli aeroporti a comprendere chi abbia una licenza regolare e chi no. Il controllo è l’unico modo per debellare il fenomeno dell’abusivismo – ha sottolineato De Corato – che spesso avviene anche alla luce del giorno”.

L’assessore regionale ha poi ringraziato il questore che “ha dato piena disponibilità per contrastare la problematica”. Infine De Corato ha espresso parole di apprezzamento per i tassisti che “nonostante la situazione, hanno sempre tenuto un comportamento costruttivo e propositivo”.

1 thought on “Così la Lombardia vuole combattere i tassisti abusivi

  1. Tutte parole al vento, a Malpensa gli abusivi continuano ad operare nonostante la GdF gli passi davanti con la loro bella macchinetta elettrica facendo finta di non vederli!!!

Comments are closed.

×

Powered by WhatsApp Chat

× Contatto Whatsapp con Taxistory
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Ads Blocker Detected!!!

Il sistema ha rilevato un AdBlocker.

Consulta questa pagina per disattivarlo.

Ricarica la pagina