TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Perchè Uber e Lift perdono 16,5 miliardi di valore in una settimana


taxi-times.com In pochi giorni il valore di mercato dei due agenti di viaggio della piattaforma Uber e Lyft è sceso di oltre 20 miliardi di dollari. “Uber è il titolo con le prestazioni peggiori tra i leader tecnologici oggi – le sue azioni sono scese di oltre il 9% mentre la marea normativa sembra stia cambiando”, ha scritto il Financial Times alla fine della scorsa settimana. Cosa ha portato a questa massiccia perdita di fiducia da parte degli investitori quando mercoledì sono stati pubblicati dati apparentemente “positivi” (perdite)?

Uno dei motivi è la nuova nuova leadership politica negli Stati Uniti. Il governo Biden sta costantemente spingendo per una legislazione prima del Congresso per rafforzare le misure per proteggere i lavoratori, compresa un’adeguata classificazione e formazione sindacale.

In questo contesto, il Segretario del Lavoro americano Marty Walsh ha annunciato all’inizio della scorsa settimana la sua intenzione di esaminare più da vicino la classificazione dei lavoratori sulle piattaforme della gig economy. Mercoledì, il Dipartimento del Lavoro ha ritirato una regola che l’amministrazione Trump voleva applicare nei suoi ultimi giorni in carica. Questa regola avrebbe reso più facile per le aziende classificare i propri dipendenti come “appaltatori indipendenti” al fine di evitare le regole federali per i salari minimi e gli straordinari.

Questo non sta accadendo ora, invece il modello di occupazione di Uber e Lyft viene esaminato dal segretario del lavoro Marty Walsh. Le conseguenze normative rappresentano una seria minaccia per gli operatori della piattaforma, pertanto Uber sta cercando di rassicurare gli investitori. Quando mercoledì scorso è stato presentato il rapporto annuale, i dirigenti hanno avvertito di “una strada lunga e potenzialmente difficile per scongiurare l’ultima minaccia”. Questa volta sarebbe arrivato dal Segretario del Lavoro americano, mentre gli obiettivi di rinatilità durante la pandemia sarebbero sopravvissuti intatti.

Alla domanda su quanto costerebbe se tutti i 3,5 milioni di Uberdriver e corrieri attivi a livello globale diventassero dipendenti, la società è stata riluttante. Una guida potrebbe essere i 600 milioni di dollari (493 milioni di euro) che Uber ha recentemente messo da parte per pagare gli stipendi. È stato necessario dopo che la Corte Suprema del Regno Unito ha stabilito a febbraio che una sentenza fondamentale era che i conducenti rientrano nel termine tipicamente britannico “lavoratore”, una definizione tra lavoratore autonomo e dipendente.

Nel frattempo, la parte dei dipendenti è felicissima: “L’abrogazione della regola è un primo passo”, ha detto Shannon Liss-Riordan, un importante avvocato specializzato in diritti del lavoro e gig economy. “L’amministrazione Biden ha chiarito di sostenere un test più forte per la classificazione dei dipendenti e non uno più debole”.

Ciò che accadrà dopo potrebbe avere un impatto significativo sulla fattibilità del modello di business della gig economy, specialmente negli stati statunitensi che non hanno ancora approvato le proprie leggi in materia e si rivolgeranno al governo degli Stati Uniti per avere indicazioni.

Un ripensamento ora sembra essere in atto anche a Uber, con il modello tedesco di Uber che funge da modello. “Quello che stiamo cercando è una parità di condizioni e lavorare con altre società per fare la cosa giusta”, ha affermato Dara Khosrowshahi, CEO di Uber. Dati i severi controlli in Germania, saresti sul mercato con un modello che impiega gli autisti presso le società di noleggio, simili alle società di minicab che Uber ha contratto. Il modello tedesco dovrebbe essere implementato anche in altri paesi.

Ciò che viene trascurato dai media quando esaminano la lodata Germania, tuttavia: il “modello Uber tedesco” si basa anche su una violazione della legge, in cui i partner di autonoleggio a cui si rivolge ignorano le normative esistenti e quindi se la cavano con impuniti, perché appunto quei “controlli severi”, di cui parla Khosrowshahi, non vengono affatto effettuati per mancanza di personale o per volontà delle autorità.

Uber quindi simula anche qui un mondo illusorio, ma fa sembrare la realtà completamente diversa. Questo metodo è anche popolare negli Stati Uniti.

Ad esempio, la metà delle concessioni fatte da Uber a Prop22 , California , viene ora rapidamente annullata . È controverso che Uber abbia ora rimosso ogni controllo aggiuntivo che una volta aveva concesso temporaneamente ai conducenti della California, ad esempio l’impostazione della tariffa. Ciò ha dato al pubblico l’impressione che i dipendenti lavorassero in modo indipendente. Uber vorrebbe anche poter visualizzare la destinazione, rimuoverla dal software o modificarla. Molti conducenti rifiuterebbero determinati viaggi a causa della destinazione (indesiderata), il che a sua volta rende il servizio meno affidabile, ha affermato Uber.

Un recente sondaggio condotto da Tulchin Research in collaborazione con gruppi sindacali ha rilevato che l’85% dei conducenti di app non è riuscito a trarre vantaggio dai benefici sanitari e sociali introdotti da Prop22 in California. Molti semplicemente non sapevano quali fossero questi benefici o non mostravano interesse.

1 thought on “Perchè Uber e Lift perdono 16,5 miliardi di valore in una settimana

Comments are closed.