TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Pistola alla tempia, rapina un tassista


ilgiorno.it Milano. Si è avvicinato al taxi facendo credere al conducente di essere un cliente ma, non appena il tassista gli ha fatto segno di salire a bordo, gli ha puntato addosso una pistola scacciacani che poi si è scoperto essere la riproduzione fedele di una beretta 9X21, senza tappo rosso. Così è iniziata la rapina, la terza in meno di un mese ai danni di tassisti, ieri notte all’1.30 in via Lucca, zona Bisceglie.

Il malvivente Alberto Stefano S., con precedenti, è fuggito con xx euro ma non ha percorso neppure un chilometro: è stato bloccato e arrestato alla polizia in via Nikolajevka. Sondo di 51 anni, aveva ancora addosso i soldi e l’arma usata per intimorire la vittima, un uomo di 43 anni. Il rapinatore non avrebbe neanche potuto circolare liberamente per strada, essendo già ai domiciliari: così è finito subito a San Vittore, con le accuse di rapina aggravata ed evasione. Secondo quanto emerso, ieri notte ha raggiunto il taxi in via Lucca, dando l’impressione di voler salire. Il quarantatreenne alla guida non avrebbe avuto alcun sospetto, pensando di trovarsi di fronte a un normale cliente. Invece non era così: una volta raggiunto il punto più vicino allo sportello, l’uomo avrebbe estratto una pistola, puntando al volto del tassista. “Dammi quello che hai”, l’imperativo. Il quarantatreenne gli ha allungato le banconote che aveva, xx euro, e il rapinatore si è dato alla fuga con il bottino. La vittima ha chiamato subito il 112, chiedendo aiuto. Alle Volanti arrivate sul posto ha indicato la via di fuga e fornito una descrizione del malvivente, che è stato raggiunto in via Nikolajevka e arrestato.

Terzo episodio in meno di un mese. Lo scorso 12 agosto, un tassista di 66 anni del servizio 6969 era stato minacciato e rapinato da tre giovani dopo averli accompagnati da Porta Genova fino alla zona di Triboniano, a ridosso del cimitero Maggiore. Arrivati a destinazione in un posto isolato, i tre gli avevano rubato xx euro e oggetti personali. Tra il 10 e l’11 era avvenuta una rapina-fotocopia ai danni di un collega del servizio 8585 che aveva fatto salire a bordo tre giovani in piazza Diaz, pieno centro, i quali gli avevano chiesto di accompagnarli in via Val Lagarina a Quarto Oggiaro. Alla fine della corsa uno dei tre era sceso, per poi spalancare lo sportello e puntare un coltello alla gola del tassista. Poi la fuga con cellulari, soldi e altro.

Le immagini interne delle telecamere dei taxi però hanno ripreso la “gang”: in due sono finiti in manette, dopo le indagini dei poliziotti della Quinta sezione della Mobile e del commissariato di Quarto Oggiaro. Sono Mohamed N., 27 anni, nato a Milano e di nazionalità egiziana, e Brian M., 22 anni, entrambi con precedenti. Sono stati arrestati a Ferragosto, mentre erano in partenza per il Salento da Rogoredo. Perché le rapine? Per comprare la cocaina.

Marianna Vazzana


4 thoughts on “Pistola alla tempia, rapina un tassista

  1. CONTENTI COMPAGNI TASSISTI?????? QUESTO È L ORDINE, LA SICUREZZA, E LA TRANQUILLITÀ SUL LAVORO GARANTITA DAL GOVERNO SOVIETIKO. VOTATE IL PIDDI!!! FIDUCIA E GLORIA IMPERITURA AI CINQUE SCAPPATI DI CASA!!! E SEMTO SEMPRE QUALCUNO CHE DICE……DOVREBBE TORNARE LUI!!!!!!! NO, PER CHI GOVERNA QUESTO PAESE LUI NON SERVE PROPRIO!!!!!!! ABBIAMO BISOGNO URGENTE DI ATTILA E GENGIS KHAN. BUONA FESTA DELL UNITÀ A TUTTI VOI BUON VIAGGIO IN BICIMONOPATTINO!!!!!!!!!!!! UN ABBRACCIO AL COLLEGA UMILIATO DA UN CIALTRONE E DA UN SISTEMA ANARCHICO E IRRESPONSABILE W L ITALIA CHE PRODUCE, LAVORA ONESTAMENTE E MANTIENE ANCHE I PARASSITI.

  2. Dimenticavo e ne faccio ammenda: UN GRAZIE INFINITO ALLE FORZE DELL ORDINE CHE NON CEDONO MAI UN METRO, CHE SOTTOPAGATE, SOTTOSTIMATE E SOTTO ORGANICO NON FANNO MAI MANCARE LA LORO PRESENZA ED EFFICIENZA A DIFESA(RISCHIANDO LA PELLE) DEI CITTADINI ONESTI.

  3. solidarietà al collega per lo spavento.
    ecco un altro idiota che non ha fatto nemmeno in tempo a spendere gli xx euro. che poi vorrei sapere quanti sono gli euro che producono una rapina a mano armata e un soggiorno a san vittore.
    complimenti alle forze dell’ordine che tempestivamente sono intervenute.

  4. Perché nn siamo equiparati …come gli autisti ATM a pubblici ufficiali ….visto che svolgiamo un servizio pubblico???? E perché il Comune di Milano nn si costituisce parte civile nei processi nei confondi di questi farabutti???? E’ ora di alzare la voce!!!! Sveglia ragazzi ….o tra poco siamo morti….

Comments are closed.