TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Taxi Milano – Maxi turni e liberi tutti nelweekend

ilgiorno.it NON UN SEMPLICE «NO» alle nuove licenze, bensì una proposta articolata che motiva la contrarietà all’idea del Comune e di fatto garantisce 520 veicoli in più, nelle intenzioni di chi l’ha studiata. Ieri mattina i sindacati dei tassisti hanno presentato il loro piano di incremento dell’offerta di auto bianche all’assessore alla Mobilità Marco Granelli, che nella precedente riunione aveva ipotizzato un aumento da 500 concessioni per abbattere il numero delle chiamate inevase e adattare il modello taxi alle mutate esigenze di una città sempre più internazionale, con uno sguardo alle Olimpiadi del 2026.

I delegati hanno spostato l’orizzonte temporale al 2022, cioè all’anno in cui si concluderanno i cantieri della M4, considerati al momento tra i fattori che più contribuiscono a ridurre la velocità commerciale dei veicoli. Il ragionamento: prima di quella data non si può intervenire in maniera strutturale, vanno apportati correttivi di volta in volta in attesa che la fine dei lavori rimandi un’immagine reale della situazione viabilistica cittadina. La prima contromisura pensata dalla maggioranza delle associazioni di categoria (non hanno firmato Acai, Federtaxi e Uil) prevede un incremento stimato di 180 taxi.

COME? Con l’apertura fino al 31 dicembre 2022 «dell’utilizzo dei turni di 16 ore» a tutti i titolari di licenza con impresa o collaborazione familiare (300 al momento), così da consentire una sorta di doppio turno per due conducenti in staffetta. «Il risultato immediato – ha spiegato il presidente del Tam Claudio Severgnini – porterebbe un incremento del monte ore di 1.200 ore giornaliere, pari all’emissione di 120 nuove licenze con turno di 10 ore». Senza contare un potenziale bacino di altri 100 titolari, che farebbe salire la quota di altre 600 ore giornaliere (pari a 60 licenze). Veniamo agli altri punti. Dall’attivazione del taxi sharing alla revisione dei turni (50-100 taxi in più), dalla riprogettazione delle doppie guide al turno libero nottuno nei weekend dalle 20 alle 4 (+200 taxi). Il totale: 520 auto bianche in più.

E le nuove licenze? «Per noi rimane l’ultimo punto da prendere in esame, visto che i precedenti punti generano una potenzialità di ampliamento della flotta anche superiore alle aspettative». Al massimo, l’apertura, si può discutere dell’incremento di taxi predisposti per il trasporto disabili. Granelli ha ascoltato con attenzione le proposte, pur ribadendo che il Comune ha intenzione di mettere in campo un intervento strutturale; le parti si rivedranno a breve.

Dal canto suo, Federtaxi ha ribadito la contrarietà alle nuove licenze, dicendosi disponibile a un’apertura «limitata nel numero e nel tempo delle seconde guide». «Bisogna modulare gli interventi a seconda delle esigenze, controllando mese dopo mese, ad esempio sul fronte dei nuovi collaboratori familiari, sennò si rischia un aumento eccessivo dell’offerta», chiosa Silla Mattiazzi della Uil.
N.P.


4 thoughts on “Taxi Milano – Maxi turni e liberi tutti nelweekend

  1. Una cosa deve essere chiara e ferma in questa vicenda: a situazioni temporanee si risponde con misure temporanee. Expo è finito e lo abbiamo affrontato benissimo.cosi come siamo. Le olimpiadi ci saranno nel 2026 e poi finiranno. I cantieri della nuova metropolitana chiuderanno. E sappiamo che a una breve ripresa economica (ma chi l ha vista?) puntualmente segue una crisi. Sono i cicli economici. Di strutturale non c è proprio niente e la crescita infinita più che un auspicio è una bufala. C è un picco? Si mettono in campo misure x affrontarlo. C è un calo? Si torna indietro. Così da sempre è dappertutto

  2. attenzione turni liberi nel fine settimana ma con primanza non che vanno tutti ad appostarsi per le prenotazioni sennò non serve a una sega e solo dentro la circonvallazione o area b

Comments are closed.