A Londra taxi a guida autonoma dal 2021

L’ambizioso progetto prevede di cambiare il trasporto urbano della capitale inglese con l’introduzione di Black Cabs pronti per il self driving auto.it

Come il tè delle cinque e il cambio della guardia a Buckingham Palace, i Black Cabs di Londra sono una simpatica e pittoresca tradizione. Da sempre. Se non trovate una di queste vetture libere (fatto possibilissimo se vi trovate nell’affollata City all’ora di punta o, peggio, se è notte), potete rivolgervi alle miriade di compagnie che servono i clienti con i cosiddetti Minicabs. Vetture meno introvabili telefonicamente visto che si tratta generalmente di servizi privati mentre i Black Cabs sono gestiti dal Public Carriage Office, un ente pubblico.

Ebbene, ora il mondo cambia e sta scattando, all’ombra del Big Ben, il momento dei Cabs a guida autonoma. Una flotta di taxi “self driving” potrebbe, infatti, circolare per le strade della capitale britannica entro i prossimi tre anni, grazie all’accordo siglato da una delle più grandi compagnie di taxi private a noleggio di Londra con un produttore di software per veicoli autonomi.

Addison Lee Group che ha circa 5.000 vetture in servizio attivo in città ha firmato una partnership strategica con il produttore di software Oxbotica per trasformare il trasporto urbano londinese nei prossimi anni con l’introduzione di servizi di guida autonoma. Le condizioni finanziarie della partnership non sono state divulgate ma le società hanno affermato che metteranno insieme tecnologia, competenze e risorse per creare un servizio di trasporto autonomo e che nessuna delle due società sta dando un contributo monetario o facendo un investimento nell’altra.

Oxbotica intende schierare veicoli autonomi in collaborazione con Addison Lee nel 2021, con il servizio che verrà lanciato in un’area più ampia della città appena un anno dopo. Poiché la legge inglese al momento non consente il funzionamento dei veicoli su strade pubbliche senza un conducente umano, inizialmente i conducenti di Addison Lee saranno presenti nei veicoli per assistere i passeggeri con bagagli e anche per subentrare alla guida in caso di emergenza.


Informazioni su Marco Taxistory

Tassista, figlio di tassista, padre di tassista. Dal 1970 la tradizione si rinnova.
Questa voce è stata pubblicata in Notizie dal Mondo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.