Cosa cambia da oggi per i pagamenti elettronici (online, bancomat e carte)

agi.it È entrata in vigore il 13 gennaio la Psd2 (Payment service direttive 2), un provvedimento che prevede nuove regole per la protezione dei pagamenti online effettuati da device mobili e non, e con bancomat e carte di credito. A fine dicembre il Consiglio dei ministri italiano aveva recepito la direttiva europea, anche su pressione delle associazioni dei consumatori, direttiva che ha come obiettivo finale quello di aumentare la trasparenza e la sicurezza dei pagamenti su Internet. La normativa non riguarda soltanto i pagamenti effettuati da singoli cittadini, ma anche quelli delle aziende.

Tra le novità introdotte dal decreto legislativo con cui è stata recepita la normativa europea c’è l’impiego del credito telefonico come mezzo di pagamento per alcune tipologie di beni e servizi e la rimodulazione del perimetro di deroga per gli strumenti cosiddetti “a spendibilità limitata”. Allo scopo di favorire i pagamenti digitali viene confermato e generalizzato il divieto di applicare il sovrapprezzo per l’uso di un certo strumento di pagamento (divieto di surcharge).

Per i pagamenti tramite carta di debito e prepagata la commissione interbancaria per ogni operazione di pagamento non può essere superiore allo 0,2% del valore dell’operazione stessa; per le operazioni tramite carta di credito la commissione interbancaria per operazione non può essere superiore allo 0,3% del valore dell’operazione.

Bancomat e carte di credito. In caso di furto o frodi con carte o bancomat, il cliente fino ad oggi era tenuto a pagare 150 euro per operazioni che non riconosceva, effettuate prima della sua denuncia. Lo scrive La Stampa. “Ora tale franchigia scende a 50 euro. Aumenterà anche la trasparenza dei costi di commissione quando si acquista in una valuta europea diversa dall’euro. Fino ad oggi, alla transazione veniva applicato un tasso di cambio poco chiaro. Aumenta poi la protezione della privacy di chi utilizza il Fintech – la tecnologia applicata ai servizi finanziari – e che creano un legame tra il conto del cliente e quello del venditore: da ora anche questi dovranno rispettare standard molto rigidi di protezione dei dati finanziari, e dovranno dotarsi di una sicurezza ulteriore per assicurare le transazioni”.

Ha dichiarato Valdis Dombrovskis, vicepresidente responsabile per la stabilità finanziaria e i servizi finanziari: “Questa legislazione è un altro passo verso un mercato unico digitale nell’UE. Promuoverà lo sviluppo di pagamenti innovativi online e mobili, a vantaggio dell’economia e della crescita. Con l’entrata in vigore della PSD2, stiamo mettendo al bando il sovrapprezzo per pagamenti con carte di debito e di credito. Questo potrebbe portare un risparmio di oltre 550 milioni l’anno per i consumatori della Ue. I consumatori saranno inoltre più protetti quando effettueranno i pagamenti”.

Le disposizioni sui pagamenti elettronici piacciono al Movimento Difesa del Cittadino. “Finalmente il nostro Paese si mette al passo con l’Europa sui pagamenti elettronici recependo una norma che introduce nuove tutele e garanzie per i consumatori, riduce al minimo il rischio di frode per chi acquista online e taglia le commissioni sulle transazioni con carta”.

In occasione dell’entrata in vigore della direttiva, Accenture ha condotto un’indagine intervistando circa 80 executive responsabili dei servizi di pagamento presso grandi società di vendita al dettaglio e banche di tutta Europa. Indagine riportata da Fasi.biz.

Quasi un terzo degli intervistati ha dichiarato che sarà in grado di collegarsi direttamente alle banche per acquisire le informazioni relative ai clienti e gestire disposizioni di pagamento, mentre circa il 90% sarà in grado di farlo entro il 2019.

Se è evidente il fatto che la direttiva rappresenta una grande opportunità per le società Fintech, è altrettanto chiaro che i retailer non intendono lasciarsi sfuggire l’opportunità di accettare pagamenti bypassando intermediazioni e garantendo procedure di rimborso più rapide, migliorando così la customer experience.

Quelli coinvolti nello studio hanno infatti dichiarato che intendono utilizzare le interfacce di programmazione di un’applicazione (API) per avere accesso alle informazioni finanziarie dei clienti, in modo da poter personalizzare i propri prodotti (74% dei retailer intervistati), gestire le disposizioni di pagamento direttamente con le banche per negoziare tariffe più vantaggiose per le transazioni(53%), ridurre le frodi (53%) e generare offerte rilevanti presso i punti vendita esconti basati sulle abitudini di acquisto dei consumatori (51%).


Informazioni su Marco Taxistory

Tassista, figlio di tassista, padre di tassista. Dal 1970 la tradizione si rinnova.

Questa voce è stata pubblicata in Fisco e amministrazione e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Cosa cambia da oggi per i pagamenti elettronici (online, bancomat e carte)

  1. OSLO21 scrive:

    E come dice un ormai noto trailer di un film di prossima uscita:VI HO LASCIATO CHE ERAVATE UN POPOLO DI ANALFABETI, TORNO DOPO 80 ANNI E VI RITROVO PIÙ ANALFABETI DI PRIMA. Questo si chiama servaggio economico. Fra poco non avremo più là sovranità nemmeno alla toilette

  2. Daniele scrive:

    Quando la banca mi farà pagare “davvero” 0,2 per bancomat e 0,3 per carte di credito compressa A.m…Ex.
    Ma senza aumentarmi gli altri costi di gestione!
    Solo Allora….ci crederò.
    Nel mentre, continuo a pagare cifre assurde!

    Fantascienza gente. Fantascienza….!!!!

  3. Daniele scrive:

    La grande distribuzione e solo quella che ci guadagna, risparmiando costi dovuti ai portavalori, e impiegati che contano i contanti.
    Avrebbero dovuto versare quel risparmio sui prezzi, seeee,,, figuriamoci.

    E cosi i Grandi risparmiano, e per noi solo costi

    Mi chiedo perchè.. io ti devo mettere in condizione di pagare con sistemi elettronici, dandoti un servizio, e tu quel servizio non lo devi pagare.
    Invece io devo pagare per darti un servizio?

    qualcuno più “illuminato” me lo può spiegare?

    Questo mondo è capovolto, e tutti accettano senza fiatare.

  4. Fl scrive:

    Più che altro è per le compagnie aeree Low Cost, che applicano sovrapprezzi, in base alla carta che si ha, ma tanto come tutte le cose… fatta la legge, trovato l’inganno. Si faranno pagare altri servizi.

  5. zaffiro scrive:

    Daniele dovremo aspettare parecchio credo !Sono tutti bravi con il c…o degli altri .Fagli pagare il servizio che loro richiedono per la loro comodita e vedrai che romperebbero meno il c…o .Sono quelli poi che i giorni di festa stanno a casa in famiglia pero vogliono che ci siano quelli invece che lavorano per loro (perche devono fare la passeggiatina al centro commerciale),oppure sono quelli che lavorano negli uffici pubblici che per fare una carta d’identita devi prendere un appuntamento mesi prima o che per fare una pratica (vedi inps)ci vogliono mesi , pero LORO VOGLIONO pagare con carta pero a spese tue ,pero se gli dici visto che avete tanto arretrato lavorate di piu e meglio ti mandano a f…o . Loro vogliono essere pagati per andare al lavoro ,non per lavorare , per quello gli devi dare gli incentivi.

  6. OSLO21 scrive:

    UNICA STRADA: RIPRENDERCI SOVRANITÀ NAZIONALE, NAZZIONALIZZARE LA BANCA D ITALIA, ISTITUIRE LA MONETA POPOLARE ED USCIRE DALLA(ILL) LOGICA ECONOMICA CAPITALISTICA DI MERCATO. LO STATO SOPRA L ECONOMIA. LAVORO E LAVORATORI INSERITI ORGANICAMENTE NELLO STATO. FUORI DA UE BCE FISCAL COMPACT E AZZERAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO IMPUTANDO IL TUTTO A CHI HA SCRITERIATAMENTE CREATO NEL TEMPI QUESTA SITUAZIONE FINO A PORTARLA ALLI SFACELO DELL ENTRATA NELLA UE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *