TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Uber al Nazareno (sede del PD). Per fare cosa?

uber_pdalbeannichiarico – Appuntamento al Nazareno, ma con chi e per fare cosa? Nel pomeriggio tassisti in fibrillazione sui social network dopo che un loro “commando” ha intercettato davanti alla sede nazionale del Partito democratico un’auto con lo stato maggiore di Uber, la compagnia americana di trasporto privato il cui servizio Uber Pop è stato sospeso in tutta Italia lo scorso 9 luglio da una discussa sentenza del tribunale di Milano. (Qui il video postato su Facebook dai tassisti romani, qui su Youtube, che ha subito iniziato a impazzare in rete). A bordo ci sarebbero stati David Plouffe, senior vice presidente della società di San Francisco ed ex consigliere di Barack Obama, il nuovo country manager per l’Italia, Carlo Tursi, e Mark MacGann, ex lobbista per il Nyse-Euronext (la Borsa di New York) a Bruxelles, ora responsabile per le Public policy della multinazionale californiana valutata, con generosità secondo qualche osservatore, ben 51 miliardi di dollari.
Chi avrebbero incontrato Plouffe, MacGann e Tursi? Secondo i presenti, dalla sede del Pd sarebbero usciti subito dopo la fine del meeting il presidente del partito, Matteo Orfini e il portavoce e vicesegretario Lorenzo Guerini. Ma nelle “segrete stanze” ci sarebbe stato, nientemeno, anche il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. Se fosse vero, per parlare di cosa?

Come mai – ripeto, nel caso fosse vero – un ministro incontrerebbe i vertici di una grande azienda, in difficoltà per una sentenza di un tribunale, nella sede di un partito, per quanto il suo?
E gli altri massimi dirigenti democratici? Avranno presenziato a un’altra riunione o alla stessa a cui avrebbero partecipato Plouffe, Tursi e MacGann? Anche perché vien difficile pensare che i tre super capi di Uber siano finiti per sbaglio al Nazareno e abbiano poi pensato di prendersi una pausa sorseggiando una bibita fresca.
Ovvio che Uber abbia tutto l’interesse a imprimere una direzione diversa all’azione di governo nei confronti del business di cui è protagonista in tutto il mondo e che in tutto il mondo viene aspramente osteggiato dai tassisti, o come avviene in Cina, dai player locali concorrenti (Didi Kuaidi su tutti). Perdere definitivamente il mercato italiano sarebbe un duro colpo per la società di San Francisco. Facile immaginare che si tenti di percorrere ogni strada pur di uscire dall’impasse.

8 thoughts on “Uber al Nazareno (sede del PD). Per fare cosa?

  1. Questi, e intendo il nostro governo, sanno bene in che guaio metterebbero noi e le nostre famiglie. …ma anche in che guaio stanno per cacciarsi loro stessi, a Roma facciamo scintille!

  2. tra corrotti e corruttori c’e sempre attrazione fatale…. me lo vedo Renzi con la minigonna senza mutandine che becca la tangente sotto banco dai dirigenti fantocci di U…… trovo strano che non sia stato ancora indagato nessuno!

  3. Rivoluzione tutti fermi devono tremare Napoli è pronta a venire a Roma per difendere il nostro lavoro

  4. Interessante l’analogia con la famosa storia del “contratto rumeno”:

    http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2015-04-09/lavoratori-low-cost-contratti-rumeni-ministero-e-vietato-173222.shtml?uuid=ABrELmMD

    siccome *ber fa sostanzialmente la stessa cosa (“queste sono le mie tariffe sottocosto, se sei così disperato/scarsoinmatematica da voler lavorare quasi a gratis, vieni da noi che abbiamo quello che fa per te…), non vedo come il sig.Poletti potrà rispondere diversamente. ..

  5. Come al solito ……….ci sono gli estremi legali legali per denunciare alla magistratura questi vergognosi fatti come la cena romana che ha dato al via le dimissioni della ex manager…..

Comments are closed.

×

Powered by WhatsApp Chat

× Contatto Whatsapp con Taxistory
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Ads Blocker Detected!!!

Il sistema ha rilevato un AdBlocker.

Consulta questa pagina per disattivarlo.

Ricarica la pagina