TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Spagna Lo sciopero dei taxi lascia centinaia di persone in attesa all’aeroporto di Malaga e alle stazioni ferroviarie


surinenglish.com Giovedì 22 settembre si sono verificate tensioni e disordini durante il secondo giorno di fermo dei tassisti locali, che hanno interessato principalmente l’aeroporto di Malaga e le stazioni ferroviarie locali. Dalle 11 praticamente l’intera flotta registrata sulla Costa del Sol ha scioperato per due ore per protestare contro i piani che avrebbero consentito a società di noleggio private come Uber, Cabify e Bolt, note come VTC, di operare all’interno delle città dal 1 ottobre.

Da quella data le regole del governo spagnolo stabiliscono che potrebbero far salire solo i passeggeri che attraversano da una città all’altra, anche se l’autorità regionale andalusa ha annunciato regolamenti per consentire la continuazione dei servizi a breve distanza.

“Il nostro servizio taxi ha sempre convissuto con i VTC; loro hanno i loro servizi di prenotazione anticipata e noi abbiamo i nostri servizi urbani e interurbani. Ora stanno invadendo il nostro campo di lavoro con applicazioni illegali e, a peggiorare le cose, la Junta de Andalucía ha ha pubblicato una bozza in cui chiarisce che non li regoleranno e che è quindi favorevole ai VTC”, ha affermato Pepe Durán, uno dei tassisti che hanno preso parte allo sciopero.

A differenza di giovedì della scorsa settimana, quando operava un servizio ridotto, questa settimana sono stati forniti solo i viaggi essenziali, come il trasporto di passeggeri disabili, famiglie con bambini piccoli e anziani.

Alla stazione ferroviaria di María Zambrano, nella città di Malaga, un cliente agitato ha chiesto a un tassista: “Chi vuole fermarsi a caricare [i clienti] dovrebbe essere in grado di farlo, giusto?”

Ci sono stati anche momenti di tensione tra gli stessi tassisti, alcuni di loro sono arrivati ​​con l’intenzione di far salire i passeggeri nonostante il fermo, alcuni per ignoranza, altri perché non erano favorevoli alla sosta e alla perdita di due ore di lavoro.

“Il problema è tanto per loro quanto per noi. Rispettiamo la loro opinione. È il loro lavoro e il loro punto di vista. Ma se tutto andrà bene, sarà grazie alla nostra lotta”, ha detto Durán.

Alle 13 la flotta ha ripreso il consueto servizio, prelevando i clienti che avevano atteso circa 30 minuti alle stazioni dei taxi per essere portati a destinazione. Per il momento, il settore non esclude di continuare con nuove proteste che rischiano di essere sempre più grandi e rumorose.

Un’altra sosta è prevista per martedì prossimo, 27 settembre, in aeroporto, nelle ore notturne.

 

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Disabilita il blocco della pubblicità per sostenere Taxistory

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock