TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

New Jersey, Uber accetta di pagare 100 milioni di dollari per controversie sullo stato occupazionale dei conducenti

nytimes.com Uber ha accettato di pagare al New Jersey 100 milioni di dollari in tasse arretrate dopo che lo stato ha affermato che la società di servizi di trasporto aveva classificato erroneamente i suoi conducenti come appaltatori indipendenti. Un audit del Dipartimento del lavoro e dello sviluppo della forza lavoro dello Stato aveva rilevato che Uber e una sussidiaria, Raiser, dovevano quattro anni di tasse arretrate perché avevano classificato i conducenti nello stato come appaltatori piuttosto che come dipendenti. Lunedì, il dipartimento ha annunciato che Uber aveva pagato le tasse con gli interessi.

“I nostri sforzi per combattere l’errata classificazione dei lavoratori nel New Jersey stanno continuando ad andare avanti”, ha affermato in un’intervista Robert Asaro-Angelo, commissario del dipartimento. “Questo dimostra che si presume che questi lavoratori nel New Jersey siano dipendenti. Indipendentemente dal modello di business di un’azienda o dalla sua tecnologia, i lavoratori hanno dei diritti”.

L’accordo sembrerebbe un ritiro rispetto alla ripetuta affermazione della società di trasporto passeggeri secondo cui i suoi conducenti non dovrebbero essere classificati come dipendenti. Uber e altre società hanno condotto per diversi anni una campagna aggressiva contro gli sforzi dei legislatori e dei tribunali per classificare i loro conducenti come dipendenti. Ma una portavoce di Uber ha dichiarato in una dichiarazione che la posizione dell’azienda non è cambiata.

“Gli autisti nel New Jersey e a livello nazionale sono appaltatori indipendenti che lavorano quando e dove vogliono – una quantità schiacciante di lavoro fa questo tipo di lavoro perché apprezzano la flessibilità”, ha affermato Alix Anfang, la portavoce. “Non vediamo l’ora di lavorare con i responsabili politici per offrire vantaggi preservando al contempo la flessibilità richiesta dai conducenti”.

Il Dipartimento del lavoro e dello sviluppo della forza lavoro del New Jersey ha inizialmente chiesto il pagamento delle tasse arretrate da Uber nel 2019, la prima volta che un governo locale aveva chiesto alla società di arretrare le tasse sui salari. La mossa è stata un cambiamento significativo nel modo in cui gli stati hanno trattato le pratiche occupazionali al centro delle società di “gig economy” come Uber.

Negli ultimi anni, gli stati e le città di tutto il paese hanno cercato di tenere a freno le società di gig-economy che dipendono da manodopera poco costosa e indipendente. Questi sforzi potrebbero rimodellare i modelli di business di aziende come Uber, ma il panorama legale è tutt’altro che definito.

La California e il Massachusetts hanno leggi che richiedono che i gig worker siano designati come dipendenti se vengono soddisfatti determinati criteri. Il signor Asaro-Angelo ha detto che quelle leggi hanno seguito l’esempio del New Jersey, che ha protezioni simili sui libri contabili.

Nel 2019, quando lo stato ha chiesto a Uber di rimborsare le tasse per la classificazione errata dei conducenti, ha affermato che la società e Raiser, la sussidiaria, dovevano molto più di $ 100 milioni. Un audit aveva scoperto che 530 milioni di dollari in tasse arretrate non erano stati pagati per l’assicurazione contro la disoccupazione e l’invalidità dal 2014 al 2018, secondo le notizie. Lo stato ha anche chiesto $ 119 milioni di interessi.

Dopo che Uber ha contestato i risultati del dipartimento, il caso è stato trasferito all’Office of Administrative Law del New Jersey. Alla fine, la società ha accettato di pagare una cifra rivista e di ritirare il ricorso.

Il dipartimento ora afferma che il suo audit iniziale era una stima effettuata senza la collaborazione di Uber. Basandosi sui dati sul libro paga dei lavoratori forniti da Uber, un audit successivo ha valutato che Uber e Raiser dovevano un totale di $ 78 milioni in tasse arretrate più sanzioni e interessi per $ 22 milioni.

Il pagamento copre ben 91.000 conducenti che hanno lavorato nel New Jersey in uno degli anni coperti dall’accordo. Contribuirà a fornire benefici come l’assicurazione contro la disoccupazione, l’invalidità temporanea e il congedo familiare.

Il signor Asaro-Angelo ha rifiutato di dire come il dipartimento gestirà le tasse che Uber potrebbe essere dovute dopo il 2018 o in futuro. “Ogni anno, a quanto pare, il legislatore e il governatore stanno approvando nuove leggi per migliorare la vita dei lavoratori e darci più potere per proteggerli”, ha affermato.

(tradotto con Google Translator)

 

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Disabilita il blocco della pubblicità per sostenere Taxistory

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock