TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Spagna: caro benzina, tassisti in difficoltà

Da 16 anni Lola Exposito guida uno degli iconici taxi gialli e neri di Barcellona. Essendo sopravvissuta alla crisi economica del 2008, alla concorrenza di Uber e alla pandemia di coronavirus, si considera fortunata. Lavora dalle 8 alle 17. Per sfruttare al meglio la sua licenza di taxi, da quattro anni Exposito, 57 anni, ha assunto suo figlio per fare il turno di notte, che dura fino all’una. Negli ultimi due anni, le restrizioni dovute al Covid-19 hanno ridotto il numero dei suoi clienti a 20-25 al giorno in media, rispetto agli oltre 30 del periodo precedente alla pandemia.

Tuttavia, la recente impennata dei prezzi dell’energia e l’impatto del conflitto tra Russia e Ucraina l’hanno spinta a domandarsi se questa volta riuscirà a superare la tempesta. I suoi costi mensili sono passati da circa 400 euro a oltre 600 euro, segnando un aumento del 50%. “È un rincaro enorme che ci colpisce molto”, ha dichiarato. Il suo reddito è già diminuito del 20% a causa della pandemia, e ora l’impennata del prezzo del petrolio ne assorbe un altro 10%.
Oltre all’energia, anche i beni di uso quotidiano stanno diventando più costosi, il che rende Exposito ancora più ansiosa. Secondo lo Spanish Statistical Office, a marzo l’inflazione ha toccato il livello massimo in 37 anni, con un aumento del 9,8% su base annua.

Come la maggior parte dei suoi connazionali, continua a confrontare i prezzi della spesa nei supermercati per verificare quanto è costretta a pagare in più per la lattuga o i pomodori. Ha persino cambiato le sue abitudini: cerca di usare l’elettricità quando costa meno e ci pensa due volte prima di accendere elettrodomestici ad alto consumo, come il forno, la lavastoviglie o la lavatrice. A marzo il prezzo medio dell’elettricità era di 283,3 euro per megawattora (MWh), 80 euro in più rispetto a febbraio e 6 volte di più rispetto a un anno fa, quando costava 45,44 euro per MWh. Ciononostante, non esiterebbe ad accendere il riscaldamento di casa sua. “Mia madre vive con me e voglio che stia bene”, ha affermato.

È però riluttante a confrontare le bollette dell’elettricità. “Non so quanto sia aumentata e non voglio saperlo: di sicuro ora è più cara”. Innumerevoli tassisti in tutta la Spagna vivono nelle stesse condizioni. Il 23 marzo, molti di loro hanno organizzato una protesta ‘slow drive’ a Barcellona che è iniziata all’aeroporto e si è conclusa alle porte del Parlamento della Catalogna. La polizia locale ha dichiarato che hanno partecipato 300 tassisti. Tito Alvarez, portavoce del sindacato Elite Taxi, ha dichiarato che l’aumento dei prezzi del carburante sta compromettendo la redditività degli autisti e che sono previste ulteriori proteste a meno che non vengano presi provvedimenti urgenti da parte del governo.

Anche i camionisti spagnoli hanno scioperato per 20 giorni, interrompendo il traffico e le forniture alimentari in tutto il Paese. Sotto la crescente pressione politica e sociale, il governo spagnolo ha approvato un pacchetto di misure di emergenza per affrontare la crisi energetica. Le nuove misure sono entrate in vigore il 30 marzo e comprendono uno sconto di 20 centesimi per litro di carburante per tutti gli automobilisti. Da allora, i prezzi del carburante sono diminuiti del 10%, scendendo rispettivamente a 1,647 euro e 1,613 euro al litro per la benzina e il diesel. Tuttavia, i prezzi sono ancora molto più alti rispetto a un anno fa. La benzina costa il 22,2% in più e il diesel è più caro del 33,9%. Questo sconto è “qualcosa, ma non abbastanza”, ha commentato Exposito.

 

 

 

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Disabilita il blocco della pubblicità per sostenere Taxistory

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock