TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Gli Uber files hanno illuminato l’oscurità della grande tecnologia e hanno mostrato perché abbiamo bisogno di informatori

theguardian.com Questa settimana, più di 124.000 documenti divulgati dall’informatore Mark MacGann, l’ex capo lobbista di Uber per l’Europa, hanno descritto in dettaglio che Uber ha violato le leggi, ingannato la polizia, sfruttato la violenza contro i conducenti e fatto pressioni segretamente sui governi per costruire in modo aggressivo il suo impero globale.

L’anno scorso ho divulgato migliaia di documenti al governo degli Stati Uniti che rivelavano la negligenza di Facebook sul danno che stavano facendo i suoi prodotti. Come per i documenti forniti da MacGann, il pubblico non avrebbe mai saputo che queste informazioni esistessero se un informatore non li avesse avvisati.

 Gli Uber files illustrano chiaramente l’importanza fondamentale degli informatori. Presentano anche scelte per i governi e i cittadini che rappresentano. La tecnologia ha sempre superato i suoi regolatori. Ci vuole tempo perché una cultura della responsabilità cresca attorno a qualsiasi tecnologia o industria nascente e affinché i governi capiscano come funzionano e quali costi vengono trasferiti al pubblico.

Le tecnologie più critiche che guideranno e definiranno la nostra economia negli anni a venire sono radicalmente meno trasparenti di quelle che hanno guidato la nostra economia cento anni fa. Man mano che l’industria automobilistica diventava più complicata e prominente nella società, il pubblico poteva camminare al suo fianco. Le persone potrebbero comprare un’auto e farla schiantare, comprare un’auto e smontarla, acquistare un’auto e inserire sensori per verificare che le affermazioni dei suoi produttori fossero vere. La responsabilità è cresciuta insieme al settore.

Per la maggior parte delle tecnologie digitali, questo non può accadere. Le scelte di progettazione critiche sono nascoste dietro i nostri schermi, dove il pubblico non può accedervi. Il funzionamento di un sistema come Facebook è impossibile da ispezionare dall’esterno. Accademici e giornalisti spendono milioni di dollari costruendo strumenti di terze parti per raccogliere barlumi di dati dai sistemi di Facebook.

Questo investimento è fondamentale per smascherare i fallimenti di Facebook. Ad esempio, il rapporto sui contenuti ampiamente visualizzati dell’azienda nel “Centro per la trasparenza” manipola i dati per nascondere il fatto che i contenuti provocatori continuano a essere respinti nel feed delle notizie quando le persone discutono nella sezione dei commenti. Come ex insider, mi capita di saperlo, ma Facebook si rifiuta di condividere queste informazioni con qualsiasi ricercatore esterno. Questo tipo di accesso ai dati è essenziale per indagare sulle rappresentazioni distorte di Facebook e per ottenere il controllo democratico di queste piattaforme.

Se riusciamo a estrarre sempre e solo fili di conoscenza dall’esterno della cortina che protegge i comportamenti scorretti – e solo allora a un costo estremo – non avremo mai una responsabilità effettiva. Ecco perché gli informatori big-tech svolgono un ruolo sempre più importante come nostra linea di difesa. Forano il velo aziendale in nome della pubblica sicurezza. Dobbiamo agire per garantire che i futuri informatori ricevano le stesse, se non più solide, protezioni.

Le persone spesso mi chiedono come si è svolto il mio percorso di denuncia delle irregolarità: se sono d’accordo con tutta l’attenzione del pubblico e il controllo che ho ricevuto. La verità è che sto bene. Ho scelto di seguire la mia coscienza e ora posso dormire la notte. Sono fortunata che i peggiori angoli di Internet non siano arrivati ​​per me, come fanno per molte donne e minoranze che esprimono la loro opinione in pubblico.

So di essere fortunata. Non tutti gli informatori se la sono cavata altrettanto bene. Daniel Motaung era un moderatore di Facebook che lavorava in Kenya. È stato pagato solo $ 2,20 l’ora e costretto a guardare filmati di suicidio e omicidio in una fabbrica di moderazione dei contenuti giorno dopo giorno – un destino, dice, che ha portato lui e molti dei suoi colleghi a soffrire di disturbo da stress post-traumatico e peggio. Successivamente è stato licenziato dal partner di outsourcing di Facebook Sama nel 2019 dopo aver guidato coraggiosamente più di 100 suoi colleghi in uno sforzo di sindacalizzazione per una migliore retribuzione e condizioni di lavoro. Ora sta facendo causa a Sama e Meta, sostenendo che lui e i suoi ex colleghi sono vittime di lavori forzati, tratta di esseri umani e reati di sindacati. Facebook sta tentando di metterlo a tacere; l’azienda ha chiesto a un giudice di “ sbattere la frusta ” su Motaung per impedirgli di parlare con i media. I doppi standard applicati a lui per seguire la sua coscienza sono ingiusti. La sua persecuzione deve finire.

La tecnologia ha sempre superato le normative che aiutano a riportarla al bene comune. Una buona governance richiede tempo, ma questo divario aumenta con l’accelerazione dello sviluppo tecnologico. La capacità della grande tecnologia di operare nell’oscurità e la sua completa asimmetria di informazioni mettono il pubblico e intere democrazie a grave rischio.

I governi non possono mai mantenere il pubblico al sicuro in isolamento. Abbiamo bisogno di accademici e ricercatori qualificati che possano porre domande in modo indipendente e creare strutture per pensare ai problemi. Abbiamo bisogno di avvocati che ritengano le aziende responsabili quando tagliano gli angoli per realizzare profitti. Abbiamo bisogno di investitori che capiscano che aspetto ha una buona governance per garantire che le aziende non si concentrino sui profitti a breve termine a scapito del successo a lungo termine. Abbiamo bisogno di tecnologi che tengano profondamente alla progettazione della tecnologia per il benessere individuale e democratico.

Abbiamo anche bisogno di informatori.

Il nostro unico percorso sicuro è lavorare per leggi forti che proteggano gli informatori in tutto il mondo. Quando gli Stati Uniti hanno approvato le principali protezioni nel 2002 sulla scia di scandali aziendali, sono stati all’avanguardia nel garantire i diritti degli informatori ai dipendenti di società quotate in borsa. È giunto il momento di estendere le protezioni anche a tutti i dipendenti delle società private. Non possiamo più permetterci di lasciare che il futuro operi nell’oscurità. La democrazia dipende da questo.

Frances Haugen è un’ex product manager di Facebook e sostenitrice della responsabilità e della trasparenza nei social media

Tradotto con Google traduttore

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Disabilita il blocco della pubblicità per sostenere Taxistory

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock