TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

“Uber è un virus”: zoom sullo sviluppo ossessivo di una start up nata nel cuore della Silicon Valley

tvmag.lefigaro.fr La rivista “Le Monde en face” ci invita a comprendere meglio il modello economico del colosso tecnologico e a misurarne l’impatto sociale e filosofico, in un documentario messo in prospettiva da Damien Fleurette, questa domenica su France 5.

Benvenuti nel mondo dirompente (che crea un cambiamento radicale nel funzionamento di un’industria) delle start-up della Silicon Valley, e in particolare in quello di Uber, azienda valutata 60 miliardi di dollari senza realizzare profitti e spesso in contrasto con le leggi vigenti in il settore dei trasporti e delle consegne. “Quanto lontano andrà Uber?”, domenica 8 maggio su France 5 , racconta la nascita di Uber a San Francisco nel 2007, e l’enorme crescita di questa azienda nata dai cervelli bollenti di due imprenditori californiani che hanno già ciascuno ha venduto una start-up, Garrett Camp e Travis Kalanick. L’idea di poter ordinare un’auto e un autista in pochi click (VTC o taxi online) grazie ad un’applicazione sul cellulare è semplicemente geniale, ma gli eccessi dell’ultra razionalità del processo e lo sviluppo ossessivo di funzionalità a volte si rivelano diaboliche.

Damien Fleurette, direttore di Maximal Productions (che produce anche “C dans l’air” , presentato da Caroline Roux su France 5), spiega: ” Con Uber, non siamo più nella democratizzazione della conoscenza come era il caso con i computer e il software di una Steve Jobs. Uber rappresenta una nuova deriva delle start up della Silicon Valley, che consiste nel sovvertire le leggi o sfruttare l’assenza di leggi. Uber era ancora in grado di distruggere i dati dei computer da remoto quando c’erano incursioni, spiare le forze dell’ordine e superare tutti gli stati. Apple, altro colosso, è anche l’unico soggetto ad essere riuscito a far piegare Uber, a chiedere le scuse e il limite allo sfruttamento dei dati raccolti ”. Il sistema Greyball ha consentito a Uber di identificare i telefoni e continuare a tracciare gli utenti anche dopo essere scesi dall’auto.

D’altra parte, lo sviluppo di un’economia basata sui compiti da parte dei lavoratori autonomi mette in discussione il lavoro salariato e rimodella il mondo del lavoro ovunque sul pianeta. Uber Eats ha applicato lo stesso modello con il suo servizio di consegna pasti in tutto il mondo. “L’azienda afferma di non avere i mezzi per finanziare un salario minimo per i suoi autisti o fattorini, ma rilascia senza preoccupazioni 200 milioni di dollari per la campagna” , sottolinea Damien Fleurette.

Epurazione nelle squadre storiche di Uber
Dieci anni dopo la creazione di Uber, l’anno 2017 rappresenta un periodo cruciale per l’azienda tecnologica, costretta a separarsi dal suo presidente fondatore, Travis Kalanick. La crescita fenomenale, l’accesso ultrarapido alle posizioni decisionali per i giovani dirigenti hanno generato errori di gestione, un clima tossico e diversi casi di molestie sessuali, che improvvisamente vengono alla luce. L’indagine indipendente condotta da un pm americano, su richiesta stessa di Uber ansiosa di riscattare una condotta, sfocia in un’epurazione delle squadre storiche.

Il nuovo CEO, Dara Khosrowshahi, che ora deve rispondere delle azioni del gruppo agli investitori pubblici, ha fatto una storica IPO. Tuttavia, in nessun momento ha messo in discussione il modello di business dell’azienda, ancora non pienamente redditizio ma perdendo sempre meno soldi, come evidenzia il documentario.

Crescita fenomenale attraverso la raccolta fondi
“ Dopo aver inizialmente accettato di partecipare alle indagini, Uber ha infine rifiutato di comunicare ”, precisa Damien Fleurette. Tuttavia, il direttore ha raccolto testimonianze molto rilevanti di ex alti dirigenti in posizioni strategiche. In particolare ha intervistato Emil Michael, vicepresidente di Uber (2013-2017), che è diventato un investitore di capitale che, da solo, ha gestito 15 miliardi di dollari in raccolte fondi e si è ritagliato una solida reputazione. Quest’ultimo giustifica il sistema Uber mentre fa luce sull’enorme business che le start-up generano con questa crescita attraverso la raccolta fondi. “ Come avere successo ovunque nel mondo e con tutti i mezzi è il mantra di Uber. L’idea di realizzare un unicorno giustifica tutto nella Silicon Valley “, continua Damien Fleurette.

Di tanto in tanto vediamo le immagini scattate da un autista che filma un Travis Kalanick umiliante e alcolizzato. A testimoniare anche due dirigenti francesi, Alexandre Molla, direttore dell’espansione Uber France (2013-2019) e Grégoire Kopp, direttore della comunicazione Uber France (2013-2017), che ricorda che si parlava di driver in termini di fornitura. L’economista Odile Chagny spiega nel documentario: “La gestione algoritmica spersonalizza il lavoro. Trasforma il lavoratore in una specie di macchina e lo spinge a fare scelte che non sono nel suo interesse. Gli algoritmi sono costantemente aggiornati per massimizzare i profitti dell’azienda”.

Addetti alle consegne e autisti saranno presto considerati dipendenti per impostazione predefinita?
Ma quale obiettivo finale persegue Uber? ” Dev’essere l’unica e più potente interfaccia di trasporto e consegna in qualsiasi parte del mondo “, risponde Damien Fleurette. L’azienda offre già un servizio di trasporto merci alle imprese. Uber vuole diventare una grande applicazione in grado di prenotare i tuoi biglietti aerei, fornendo l’auto che ti porterà in aeroporto e consegnando cibo e generi alimentari a casa “, continua il direttore. A differenza di Amazon, Uber non ha risorse fisiche e quindi gestisce solo le connessioni. Un punto di forza che, però, richiede la raccolta di dati di geolocalizzazione e manodopera a basso costo.

Per almeno far fronte al rullo compressore delle tutele sociali e salariali rappresentato da Uber, la Commissione europea ha annunciato il 9 dicembre una direttiva che mira a considerare i fattorini e gli autisti come dipendenti di default, ricorda il sondaggio. Non spetta quindi più a loro dimostrare il proprio status, ma alle piattaforme fornire le prove. La presidenza della Commissione europea deve ancora decidere di mettere questa direttiva all’ordine del giorno per la votazione! Un esercito di avvocati e lobbisti per conto di Uber è già da tempo in Commissione quando si tratta di diritto del lavoro.

Chi accetterebbe di privarsi dei servizi di Uber?
Nel frattempo, i servizi forniti ai consumatori sono ancorati alle abitudini, le autovetture con conducente e gli addetti alle consegne di Uber Eats fanno parte della vita di tutti i giorni. Chi si priverebbe di una struttura del genere a un prezzo così basso? Senza una legge che inquadra esattamente le piattaforme, queste si impennano, rendendosi sempre più essenziali. “ Uber è un virus ” lancia un tassista esasperato! L’implementazione globale dell’azienda è, in ogni caso, molto virale. Davanti alla macchina da presa, il filosofo Éric Sadin conclude però: “ C’è una forte propensione umana alla comodità. Liberarsene mi sembra un’aspirazione futile . Inoltre, l’incapacità o la lentezza degli Stati a reagire serve gli interessi di Uber e di altre aziende tecnologiche. Uber Copter, di cui il documentario non fa menzione, collega già i distretti meridionali di Manhattan all’aeroporto internazionale J.-F. Kennedy. Uber Jump offre biciclette urbane connesse e l’ombra dei veicoli autonomi (Uber Technologies) e i robot per le consegne stanno già aleggiando sull’esercito dei lavoratori autonomi…

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Il sistema ha rilevato un AdBlocker.

Questa pagina può essere chiusa, ma ti chiediamo gentilmente di
disattivare  AdBlocker per Taxistory.