TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Il brutale omicidio di una giovane tassista che ha sconvolto una città

La tassista Linda Thomas è scomparsa dopo aver prelevato un passeggero da un pub di Port Talbot. walesonline.co.uk

Coloro che conoscevano Linda Thomas l’hanno descritta come una giovane donna felice ed estroversa che viveva con sua madre, amava ascoltare Cliff Richard e The Hollies, divertirsi con i suoi amici e amava gli animali. Il suo sogno era vincere alla grande nei totocalcio, acquistare una grande casa su una collina sopra la sua nativa Port Talbot e riempirla di cani e gatti. Conosceva anche la propria mente ed era una specie di pioniere che lavorava come tassista, un’occupazione insolita per una donna nei primi anni ’70.

È stato questo lavoro a mettere in contatto il 22enne con Trevor Howell.

Howell è cresciuto nella stessa città di Linda, sebbene avesse sei anni in più. Apparentemente era un ragazzo brillante e un gran lavoratore nella fattoria dei suoi nonni vicino a Margam. In età adulta è stato descritto come un “vagabondo” che si spostava di città in città e da lavoro temporaneo a lavoro temporaneo. Era anche un molestatore sessuale su minori con una serie di violenze e una serie di condanne.

I percorsi di queste persone molto diverse si incrociarono il pomeriggio di giovedì 20 giugno 1973, quando Linda andò a prendere Howell nel suo taxi per quello che avrebbe dovuto essere un breve viaggio nella valle di Afan. Ma il tassista non sarebbe mai tornato a casa. L’omicidio della giovane donna ha scioccato Port Talbot e ha fatto notizia in tutto il Galles meridionale e oltre.

Linda è cresciuta nella zona di Sandfields a Port Talbot e ha frequentato la scuola secondaria locale. Ha poi frequentato un corso di impiegato al college con l’obiettivo di diventare una dattilografa stenografica, ma invece ha iniziato a lavorare in una lavanderia locale prima di sostenere l’esame di guida e diventare un’autista per l’azienda. Poi, all’inizio del 1973, iniziò a lavorare come tassista, un’occupazione insolita per una donna dell’epoca. Nel giugno di quell’anno Linda, che viveva con sua madre in Harlequin Road a Port Talbot , stava lavorando sodo nel lavoro che le piaceva e stava risparmiando soldi per andare in vacanza in Spagna con un’amica.

Linda Thomas
Linda Thomas (Immagine: Mirrorpix)

Subito dopo le 14:00 del 20 giugno, la padrona di casa del pub di Hong Kong di Port Talbot ha chiamato l’azienda per cui Linda lavorava per prenotare un taxi per un cliente che voleva raggiungere Cwmavon – a poco più di due miglia di distanza lungo la Afan Valley – per acquistare un usato auto. Quel passeggero era il 28enne Howell ed è stato descritto come con una “mazzetta di soldi” nella tasca della giacca.

Come Linda, anche Howell era cresciuto a Port Talbot, ma ha continuato a essere un “vagabondo”, spostandosi da un posto all’altro e svolgendo una varietà di lavori occasionali da commerciante di rottami metallici a cuoco di cucina d’hotel, operaio edile, bracciante agricolo , e lavoratore della fiera. Anche lui non era estraneo alla prigione, avendo terminato la sua ultima pena solo otto mesi prima. Non frequentava Hong Kong da un paio d’anni e ha detto al personale che aveva lavorato come tosatore di pecore in Australia, anche se questa era una bugia. Quel giorno aveva bevuto sei pinte di birra su sette insieme a whisky. A quanto pare aveva anche preso un certo numero di pastiglie di mandrax e dexedrina durante le visite a numerosi pub della città.

Linda raccolse il suo biglietto al pub e partirono per Cwmavon. Cosa sia successo esattamente nelle due ore successive rimane sconosciuto, ma il taxi è stato visto da un testimone a Maesteg, a più di 10 miglia dalla sua destinazione originale. Quando Linda non è riuscita a tornare all’ufficio dei taxi, il suo capo si è preoccupato: ha contattato la sua famiglia per vedere se fosse andata a casa, ma non l’avevano nemmeno vista. Con l’aumentare delle preoccupazioni per il suo benessere, è stata contattata la polizia.

Più tardi quel giorno il taxi Singer Gazelle blu scuro di Linda fu trovato abbandonato sul ciglio erboso di Afan Way a Sandfields. Quel giorno la polizia iniziò a ricostruire i movimenti del tassista e scoprì che un’ora dopo aver lasciato il pub il taxi era stato visto sulla strada da Bryn a Maesteg . Quello che gli agenti sapevano – ma inizialmente non lo avevano reso pubblico – era che due dei denti falsi di Linda erano stati trovati nell’auto abbandonata, indicando che era stata subita una notevole violenza sul giovane guidatore. Ma cosa le era successo? Era stata rapita? È stata trattenuta contro la sua volontà? La posa è stata ferita da qualche parte? O era stata uccisa?

Gli agenti hanno avviato due importanti operazioni di ricerca: una per Linda e una per Howell, che la polizia credeva potesse essere la chiave del caso.

Ufficiali di polizia che esaminano l'auto Singer Gazelle di Linda
Gli agenti di polizia esaminano l’auto Singer Gazelle di Linda (Immagine: Mirrorpix)

Ben presto più di 100 ufficiali provenienti da tutto il Galles meridionale stavano perlustrando le colline, i boschi e i viottoli tra Port Talbot e Maesteg alla ricerca di Linda, così come le dune di sabbia nelle tane di Kenfig e la terra comune intorno a Porthcawl. A loro si sono uniti decine di esperti di soccorso alpino della RAF, lavoratori forestali, cadetti di polizia e volontari della comunità. I subacquei della squadra subacquea della polizia del Galles del Sud sono stati arruolati per controllare i moli di Port Talbot, il bacino idrico di Eglwys Nynnyd e i canali di drenaggio nella brughiera di Baglan. Gli esperti forensi hanno iniziato a confrontare le felci e l’erba trovate nella parte inferiore dell’auto di Linda con la flora dei sentieri di montagna intorno a Port Talbot nella speranza di restringere i luoghi di ricerca.

Leggi di più sull’omicidio di un guardacaccia Margan e del bracconiere che è stato impiccato per il crimine qui .

La polizia ha cercato Linda Thomas nei giorni successivi alla sua scomparsa
La polizia ha cercato Linda Thomas nei giorni successivi alla sua scomparsa (Immagine: Mirrorpix)
Ufficiali di polizia e cadetti alla ricerca di orti al largo di Afan Way a Port Talbot alla ricerca di Linda
Ufficiali di polizia e cadetti alla ricerca di orti al largo di Afan Way a Port Talbot alla ricerca di Linda (Immagine: Mirrorpix)
La polizia utilizza metal detector come parte delle indagini sulla scomparsa di Linda
La polizia utilizza i metal detector come parte delle indagini sulla scomparsa di Linda (Immagine: Mirrorpix)

Mentre la ricerca di Linda stava disegnando un vuoto, gli investigatori furono presto sulle tracce del loro principale sospettato. È emerso che la sera in cui Linda è scomparsa, Howell aveva acquistato un furgone Commer Cob grigio e rosso da un garage di Baglan per £ 19 in contanti, dicendo al proprietario dell’azienda che voleva qualcosa “con cui bussare alla fattoria”. La polizia gallese ha contattato un collega nel Kent per controllare un sito di viaggiatori a Orpington, nel Kent, dove si sapeva che Howell aveva soggiornato di recente, ma non era stato visto lì.

La caccia al principale sospettato si è poi drammaticamente spostata nel Sussex con la notizia che il furgone Commer era stato venduto in un deposito di rottami e l’Evening Post ha riferito che una squadra di 10 detective gallesi è stata inviata a Brighton per seguire l’esempio. Gli ufficiali – che secondo il giornale “si mescolavano con gli hippy sul lungomare” – scoprirono che Howell aveva precedentemente trascorso molto tempo nella località turistica. Ci sono state segnalazioni del loro uomo che dormiva sulla spiaggia e di essere stato visto “prendere il sole” in tuta. Howell, che era noto agli “hippy” come Taffy, aveva apparentemente detto loro che era un pilota di rally. Il sovrintendente capo investigativo della polizia del Galles del Sud Maddy Williams all’epoca disse: “Se questo è il nostro uomo, non siamo molto indietro di lui”.

Mentre il sospetto rimaneva allettante fuori dalla loro portata, gli ufficiali hanno recuperato – in modo alquanto bizzarro – le sue scarpe quando le ha scambiate con “hippy locali” dopo aver detto loro che le sue scarpe gli facevano male ai piedi. Le scarpe sono state rispedite in Galles per i test forensi. La polizia ha anche scoperto che Howell aveva cercato di vendere un orologio da sub Seiko in una gioielleria a Brighton – qualcosa che gli investigatori credevano indicasse che stava finendo i contanti – e aveva cercato di trovare lavoro in un hotel e con una compagnia di trasporti. La polizia ha anche scoperto che il sospetto si era tagliato i capelli e si era cambiato i vestiti: ora indossava “una camicia blu guscio d’uovo sporca, pantaloni color cioccolato sfrangiati sul fondo e stivali pesanti neri”.

Mentre la ricerca di Howell continuava sulla costa meridionale, di nuovo a Port Talbot suo padre Thomas – un autista della compagnia di autobus locale Red and White – fece un appello alla stampa affinché suo figlio contattasse la polizia. Ha detto: “Sono stato preoccupato da morire e faccio appello a Trevor ovunque si trovi per farsi avanti alla polizia. Se sa qualcosa della ragazza vorrei che lo dicesse alla polizia. Vorrei che andasse comunque da loro”. Potete leggere qui la storia della famiglia che diede il nome alla città di Port Talbot .

Nel frattempo la ricerca di Linda continuava e una settimana dopo la sua scomparsa un elicottero dell’esercito di Netheravon nel Wiltshire si unì all’operazione, anche se i primi tentativi di dispiegarlo furono limitati dal maltempo. Ma poi il 29 giugno, nove giorni dopo la scomparsa di Linda, giunse la notizia che la comunità di Port Talbot temeva. Il corpo di Linda è stato trovato dal dog sitter William Harrison, un operaio siderurgico di Port Talbot, in un pozzo d’aria di una miniera in disuso al largo della pista forestale di Lady’s Walk sul monte Baglan. Era sdraiata a faccia in su ed era stata ricoperta da quella che veniva descritta come una “coperta” di pietre. Il sovrintendente capo investigativo Williams ha dichiarato: “È ovvio che è stata spinta laggiù. Anche se ci fosse stata una ricerca manuale non l’avremmo mai trovata. C’è una vegetazione profonda lì e il pozzo è completamente nascosto”.

Un successivo esame post mortem ha rilevato che Linda aveva delle costole rotte e lacrime al fegato, alla milza e all’intestino. Non ci sono state ferite al cranio e nessuna prova di aggressione sessuale.

La polizia aveva trovato Linda e in pochi giorni avevano anche il loro sospettato dopo che gli agenti avevano ricevuto una soffiata, non da Brighton ma dal Pembrokeshire. Howell è stato arrestato mentre lavorava in una fattoria di patate vicino a Milford Haven.

Trevor Howell fuori dalla stazione di polizia di Port Talbot dopo essere stato arrestato per l'omicidio del tassista Linda Thomas
Trevor Howell fuori dalla stazione di polizia di Port Talbot dopo essere stato arrestato per l’omicidio del tassista Linda Thomas (Immagine: Mirrorpix)
Trevor Howell viene messo in un furgone della polizia fuori dalla stazione di polizia di Port Talbot mentre i membri del pubblico osservano
Trevor Howell viene messo in un furgone della polizia fuori dalla stazione di polizia di Port Talbot mentre i membri del pubblico osservano (Immagine: Mirrorpix)

Il sospetto è stato accusato di omicidio e dichiarato non colpevole, e nel novembre 1973 si è svolto un processo di una settimana presso la Swansea Crown Court.

È stato il caso dell’accusa che Howell ha sottoposto Linda a “violenza fisica grave” prima di scaricare il suo corpo nella miniera. Il patologo, il dottor Owen Glyn Williams, ha detto alla corte una forza considerevole come calci o pestaggi. avrebbe dovuto infliggere le ferite riportate dal giovane tassista.

Unisciti alla conversazione
Aggiungi ai commenti qui sotto per condividere i tuoi pensieri

La giuria ha ascoltato le testimonianze di due donne che stavano portando i loro nipoti a fare una passeggiata il giorno in cui Linda è scomparsa e che hanno visto un taxi su Lady’s Walk – hanno detto che c’era un uomo al volante e una donna “giovane e attraente” accanto a lui in il sedile del passeggero. I testimoni hanno riferito che la passeggera non parlava né si muoveva e il suo viso era vuoto e inespressivo.

Howell ha accettato di colpire Linda mentre erano nel taxi, ma ha detto che non ricordava di aver portato il suo corpo alla miniera. Michael Williams QC, per l’accusa, ha riferito all’imputato che aveva intenzione di causare gravi ferite a Linda – l’imputato ha risposto: “L’unico pensiero che mi viene in mente è che è iniziato con uno schiaffo in macchina”. Quando è stato detto a Howell che era pienamente consapevole di ciò che stava facendo quando ha inflitto “una terribile violenza” alla sua vittima, ha risposto “No signore, non riesco a ricordare”. Ha detto alla corte di aver preso compresse di mandrax e dexedrina e di aver bevuto fino a nove pinte di birra e tre o quattro whisky nel giorno in questione.

Howell ha detto che poteva ricordare di essere stato un passeggero nel taxi e di aver parlato con qualcuno, ma “era come se mi stessi guardando parlare e qualcuno stesse parlando per me – era come se fossi in un mondo tutto mio”. In risposta alle domande del suo avvocato, Aubrey Meyerson QC, l’imputato ha detto: “Era come se stessi parlando con te ora, ma stavo guardando me stesso mentre parlavo con te. La prossima cosa che ricordo è di picchiarla con la mia mano o il mio cazzotto.” Ha continuato: “Sapevo di aver sbagliato ma non sapevo fino a che punto avevo sbagliato… Sapevo di aver sbagliato ma ero così confuso che non me ne preoccupavo. in preda al panico. Ho preso questa macchina e ho lasciato la zona. Mi sentivo ancora di umore ubriaco ma sapevo più o meno quello che stavo facendo e dicendo”.

Howell ha detto di aver guidato a Brighton quella stessa notte dove è rimasto in uno squat con persone che conosceva. Ha detto che quando successivamente ha visto una sua foto su un giornale con un appello della polizia per informazioni, ha deciso di scappare.

Nel suo discorso di chiusura alla giuria, l’avvocato di Howell ha detto: “Potresti aver pensato che Howell sia dal suo comportamento che dal testamento che ha dato mostrasse un grado di insensibilità difficile da eguagliare, e come non ha davvero preso in considerazione quanto al destino di quella povera ragazza una volta che si è reso conto che le era successo qualcosa. Non lo stai provando per il sangue freddo o l’insensibilità, non sei qui per metterlo alla prova per le sue emozioni o la sua incapacità di esprimersi.”

La giuria di 11 uomini ha condannato Howell per omicidio.

Il giudice, il sig. Justice Wein, ha detto all’imputato: “La giuria ti ha condannato all’unanimità per il brutale omicidio di una giovane donna del tutto innocente. Sono soddisfatto che tu fossi incline all’aggressione sessuale. In base alle informazioni che ho, ti considero una persona che rischia di essere un pericolo per le donne per un periodo indefinito. Non faccio alcuna raccomandazione al ministro dell’Interno pazzo, senza dubbio quello che ho detto sarà notato”.

Howell è stato condannato all’ergastolo e mentre veniva portato nelle celle una donna nella tribuna pubblica ha gridato: “Spero che ti perseguiti”.

Dopo la sua condanna si potrebbe riferire che Howell aveva 15 precedenti condanne, tra cui per furto con scasso, furto, reati sessuali che coinvolgono una ragazza di 14 anni nell’area di Londra e lesioni personali gravissime a una donna a Brighton – un’aggressione che ha lasciato il suo vittima con una mascella rotta. Era stato rilasciato dalla sua più recente pena detentiva nell’ottobre 1972. È emerso anche che appena sei giorni prima di uccidere Linda era stato accusato di una grave aggressione a una donna a Porthcawl – nonostante le obiezioni della polizia su cui era stato rilasciato cauzione da parte dei magistrati a Bridgend e uscì dal tribunale.

Howell è morto nella prigione di Norwich nell’agosto 2017 all’età di 72 anni, causa di sepsi, polmonite, malattia cronica ostruttiva delle vie aeree e fragilità generale causata da grave demenza mista. La prigione organizzò e pagò il suo funerale.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Disabilita il blocco della pubblicità per sostenere Taxistory

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock