TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

I tassisti presentano il loro lavoro al Parlamento europeo

elcomun.es Il 13 ottobre il team di tecnici dell’associazione taxi Taxi Project ha partecipato a diversi incontri con rappresentanti della Commissione Europea, del Parlamento Europeo e del Parlamento Francofono di Bruxelles, affrontando temi di massimo interesse per il settore e dove hanno mostrato diversi responsabili in materia di trasporti nelle istituzioni europee per il lavoro svolto negli ultimi mesiNel primo incontro, i tassisti hanno incontrato due tecnici della Commissione Europea, membri della Direzione Generale Trasporti e Mobilità, Jean-Louis Colson, Capo dell’Unità Trasporti Stradali ed esperta di Concorrenza, e Anja Kaeller, Consulente Giuridico e Politico dell’Unità Trasporti Stradali.

Da Taxi Project spiegano che a differenza di Uber, Bolt, Free Now o Cabify, i funzionari europei li hanno informati che fino ad ora il settore dei taxi non aveva avuto una rappresentanza in un’istituzione così importante. alle grandi piattaforme, il taxi non ha goduto di costante dialogo con la Commissione europea finora, motivo per cui è sembrato loro interessante che assumiamo quel ruolo.

Allo stesso modo, nel corso dell’incontro, l’associazione dei tassisti ha definito “inaccettabile” la posizione della Commissione espressa nella sua Comunicazione testo di indirizzo legislativo non vincolante sulla Strategia trasporti intelligenti e sostenibili dei del dicembre 2020, in cui si afferma che gli operatori di piattaforme multimodali migliorano efficienza dei trasporti e ridurre il numero di veicoli nel trasporto urbano (paragrafo 36), il che è contrario all’evidenza: “Infatti, sappiamo dalle prove di 22 città negli Stati Uniti che gli operatori delle piattaforme riducono l’uso dell’autobus e della metropolitana di circa il 10% e ciò va contro l’instaurazione di una parità di condizioni tra taxi e VTC (sezione 38), che metterebbe in discussione il numero limitato di licenze di trasporto urbano, ponendo così sia il servizio pubblico di taxi che la mobilità e la sostenibilità delle nostre città sono in pericolo»

In relazione alle denunce presentate da Taxi Project insieme a Elite Taxi per concorrenza sleale nei confronti di Uber, Cabify, Bolt e Free Now davanti agli organismi di concorrenza in Spagna, i tassisti segnalano di aver chiesto ai commissari di studiare i segni di collusione tra le piattaforme VTC consistente nella fissazione di prezzi tramite algoritmi e prezzi predatori causati dagli sconti commerciali delle piattaforme.

Sulla responsabilità della Camera dell’euro su una questione di vitale importanza come la regolamentazione dei trasporti nelle diverse città, il Progetto Taxi è stato chiaro: «I rappresentanti della Commissione hanno ascoltato con attenzione, ma hanno dichiarato di non avere intenzione di contribuire mettere ordine nel settore della mobilità e, soprattutto, nel settore dei taxi. L’ente, infatti, non ha la lungimiranza di emanare pareri o legiferare per impedire l’aumento indiscriminato dei mezzi di trasporto con conducente nelle città, nonostante i suoi effetti dannosi sulla mobilità urbana.

“Oggi l’Unità Trasporti della Commissione si limita a focalizzare il proprio coinvolgimento nel settore attraverso raccomandazioni sulla mobilità che verranno alla luce tra qualche mese, che comprenderanno la formazione dei conducenti di VTC, i requisiti dei veicoli e il partenariato pubblico/privato di l’ultimo miglio. Queste raccomandazioni non sono vincolanti e saranno gli Stati membri, le comunità autonome oi consigli comunali che avranno totale autonomia a decidere su questi temi”.

E allo stesso modo, dal Progetto Taxi mettono in guardia sulla posizione di Bruxelles: «L’inazione dell’istituzione con il maggior potere nell’UE genera preoccupazione, poiché lascia la decisione se l’equilibrio tra le licenze Taxi / VTC sia in le mani della CGUE e la doppia licenza comunale per l’esercizio dei servizi urbani va contro il Trattato sul funzionamento dell’Unione europea di libero stabilimento o meno”.

La CE ha sottolineato l’attuale processo legislativo della Legge dei Mercati Digitali e della Legge dei Servizi Digitali , che regolerà le questioni relative alle piattaforme digitali. “Pur essendo in una fase avanzata di questo iter legislativo, da Taxi Project studieremo la possibilità di partecipare al testo definitivo di entrambi i regolamenti” precisano.

Successivamente, il team di Taxi Project ha anche tenuto incontri con gli eurodeputati spagnoli per affrontare in modo approfondito le preoccupazioni del settore sopra menzionato e aprire un canale di comunicazione con il Parlamento.

Sulla stessa falsariga, in seguito i tassisti hanno tenuto un altro incontro con i deputati del Partito Socialista (PS) Jamal Ikazban e del Partito dei Lavoratori (PTB), Youssef Handichi del Parlamento francofono di Bruxelles. Come spiegano, entrambi erano d’accordo con i pericoli posti dalle attuali piattaforme intermediarie (Uber, in particolare) ed erano interessati a stabilire un canale di comunicazione per organizzare la difesa del taxi in Europa.

Alla fine della giornata, i tassisti hanno affermato che questa visita è stata “molto importante” per avvertire la Commissione della nostra presenza e per aprire un canale di comunicazione e lavoro congiunto con il Parlamento europeo e il Parlamento belga, che darà forza ancora di più il Progetto Taxi in Europa.

«Dal Progetto Taxi lavoreremo intensamente per difendere gli interessi dei Taxi nelle istituzioni europee e smantellare le falsità di lobby come MOVE.EU (Uber, FreeNow e Bolt) che premono molto intensamente per normalizzare il mercato unico tra Taxi/VTC e una nuova figura giuridica dove non è necessaria una tessera di trasporto per trasportare i viaggiatori in veicoli turistici» chiariscono.

E infine, dicono i tassisti: «Taxi Project è nato per professionalizzare la lotta nei campi delle indagini, delle cause, dell’incidenza politica e della comunicazione e dopo più di due anni il nostro lavoro è già riconosciuto e tenuto in considerazione nelle amministrazioni locali, regionali, nazionale e internazionale».

(traduzione con Google Translator)