TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Uber rischia di morire per via di mille casi giudiziari

politico.eu Se Uber diventasse una tradizionale compagnia di taxi che possiede le sue auto e paga gli stipendi ai suoi autisti, sarebbe ancora Uber? Questa è la domanda che i suoi dirigenti devono affrontare ora mentre i tribunali di tutta Europa decidono sullo stato dei suoi autisti. Con migliaia di autisti che spingono per essere riconosciuti come dipendenti, è a rischio una componente fondamentale dell’attività dell’azienda: autisti flessibili con orari di lavoro flessibili.

La scorsa settimana, un giudice olandese ha stabilito che i conducenti di Uber dovrebbero essere classificati come dipendenti e hanno diritto ai benefici che derivano da tale status. Una sentenza simile è stata emessa dalla Corte suprema del Regno Unito a febbraio, che ha riclassificato i conducenti come “lavoratori”, il che significa che hanno diritto al salario minimo, alle protezioni sull’orario di lavoro e alle ferie pagate. Più di 100 casi giudiziari simili sono in corso in tutta Europa e, sebbene molti si siano schierati con Uber, la maggioranza si è schierata dalla parte dei conducenti.

Con la Spagna che approva una legge che impone a tutte le piattaforme di riconoscere i propri corrieri come dipendenti, la tendenza sembra sgradevole per Uber, che ha avvertito che il lavoro indipendente stesso è a rischio. La società “sostiene gli sforzi per rafforzare il lavoro indipendente, piuttosto che eliminarlo, con standard minimi a livello di settore che proteggono tutti i lavoratori della piattaforma”, ha affermato in una e-mail giovedì.

Bilanciare i vantaggi del lavoro flessibile, come decidere quando e quanto lavorare, con la garanzia che i lavoratori abbiano tutele minime e benefici occupazionali – per non parlare del mantenimento del valore per i clienti – è qualcosa con cui anche altri paesi come Germania e Francia sono alle prese.

Bruxelles pesa
E ora anche la Commissione europea si sta addentrando nel dibattito, che potrebbe costituire un precedente in tutto il Continente. L’organo esecutivo del blocco presenterà un’iniziativa legislativa a dicembre che mira a migliorare le condizioni di lavoro dei lavoratori delle piattaforme, che costituiscono più di un decimo della forza lavoro del blocco. Non è chiaro cosa proporrà la Commissione, dato che ha un’autorità limitata sulla politica del lavoro. La Commissione ha affermato che potrebbe proporre una direttiva, che imponga ai paesi membri di elaborare le proprie leggi per raggiungere un obiettivo fissato dall’UE.

Sa che le maree legali stanno cambiando.
“Le sentenze della corte sono andate in direzioni diverse, ma la maggior parte dei giudici ha deciso a favore della riclassificazione di appaltatori nominalmente indipendenti come lavoratori e piattaforme come datori di lavoro”, afferma un documento della Commissione .

La Commissione “non può ignorare” queste sentenze, secondo Valerio De Stefano, ricercatore di platform work presso KU Leuven. “Non si tratta solo di uno o due tribunali, sono corti supreme o corti d’appello. È un’ondata di sentenze che hanno confermato che questo tipo di lavoro è compatibile con la condizione lavorativa. Sicuramente influenzerà la reazione della Commissione”.

L’azienda dice che è felice di negoziare benefici e altri aspetti del lavoro con i suoi autisti, ma De Stefano ha detto che non funzionerà. “Puoi promettere tutti i benefici che vuoi, ma la tutela del lavoro non è un menu à la carte . Non puoi scegliere il tipo di protezione che vuoi dare. Nessun datore di lavoro è autorizzato a farlo”.

I deputati stanno cercando di spingere la Commissione a classificare anche i lavoratori come dipendenti. Giovedì, il Parlamento europeo ha adottato le raccomandazioni di un rapporto che chiedeva maggiori diritti per i lavoratori delle piattaforme. Il rapporto , scritto dall’eurodeputata liberale francese Sylvie Brunet, è stato respinto da Uber come “legislazione dannosa”.

Il punto cruciale della proposta è consentire a un lavoratore di mettere in discussione il proprio status e imporre l’onere legale sulla piattaforma per giustificare il motivo per cui il lavoratore non si qualificherebbe come dipendente. La proposta non significa che ogni gig worker sia automaticamente un dipendente, ma rende relativamente facile per un lavoratore essere classificato come tale. “Penso che questo cambierà anche il comportamento delle piattaforme”, ha detto Brunet in un’intervista. “Perché dovranno essere pronti a fare chiarezza sullo stato”.

Non è chiaro se la Commissione integrerà le raccomandazioni del Parlamento, che non sono vincolanti, nella propria legislazione, ma le aziende sono comunque preoccupate.

“Il problema sbagliato”
Qualsiasi “tale decisione del tribunale o potenziali cambiamenti legislativi sta affrontando la questione sbagliata”, secondo una dichiarazione di Move EU, un gruppo di lobby che rappresenta società di accoglienza tra cui Uber, Bolt e Free Now.

Il gruppo sostiene che la maggior parte dei conducenti preferisce essere un lavoratore autonomo e gli orari flessibili che lo status offre loro. “Qualsiasi decisione di riclassificare i conducenti indipendenti come dipendenti è preoccupante dato che questo contrae direttamente ciò che la stragrande maggioranza dei conducenti afferma di apprezzare di più: la flessibilità e l’indipendenza di lavorare quando, dove e per chi vogliono”.

La Commissione ha un’autorità limitata sulla politica del lavoro, che rimane una competenza nazionale, ma è probabile che la proposta della Commissione abbia ancora peso, poiché tribunali e legislatori cercano in tutto il continente indicazioni e precedenti legali.

Ma alcuni paesi hanno messo in guardia contro la riclassificazione dei lavoratori come dipendenti, concedendo a Uber alcuni potenti funzionari e governi che condividono la loro prospettiva. La Francia, ad esempio, ha affermato che i governi dovrebbero stare attenti “a non far precipitare il mondo delle piattaforme nel mondo dell’occupazione, il che non è economicamente ragionevole”, secondo il segretario di Stato per gli affari europei Clément Beaune.

In Spagna, dove la cosiddetta Legge Rider è in vigore , alcuni sindacati dei corrieri hanno avvertito che essere riclassificati come dipendenti ha effettivamente minacciato i loro mezzi di sussistenza poiché alcune aziende, tra cui Deliveroo, stanno pensando di lasciare il paese.

Ma anche se la Commissione e altri paesi non adotteranno la legge spagnola, il modello di business di Uber è ancora in pericolo, secondo Brunet, l’eurodeputato.

“È impossibile continuare con questo modello… perché ci saranno più sentenze dei tribunali”.

(traduzione automatica di Google Translator)

×

Powered by WhatsApp Chat

× Contatto Whatsapp con Taxistory
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Ads Blocker Detected!!!

Il sistema ha rilevato un AdBlocker.

Consulta questa pagina per disattivarlo.

Ricarica la pagina