TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Covid, a Bangkok i taxi in disuso diventano orti

Un cimitero di massa per i taxi dai colori sgargianti di Bangkok, lasciati inattivi e in decomposizione per colpa del coronavirus, sta prendendo vita con mini orti e stagni per rane allestiti per aiutare a nutrire i conducenti disoccupati. In un parcheggio all’aperto nella parte occidentale della capitale thailandese, germogli verdi alimentati dalle piogge monsoniche spuntano dai tetti e dai cofani di file e file di taxi rosa e arancioni. Piccole rane verde-marroni si accovacciano gracidando nel caldo tropicale su stagni improvvisati ricavati da vecchi pneumatici, nascosti tra le circa 200 auto abbandonate.

Il sito è di proprietà di Ratchapruk Taxi Garage, che ha visto la maggior parte dei suoi autisti lasciare Bangkok per i loro villaggi d’origine perché le tariffe si sono prosciugate a seguito delle restrizioni di blocco. “Questa è la nostra ultima opzione”, ha detto ad AFP Thapkorn Assawalertkun, uno dei proprietari dell’azienda, affermando che molti dei veicoli avevano ancora grandi prestiti in sospeso.

“Abbiamo pensato di coltivare ortaggi e rane da fattoria sui tetti di questi taxi”. La Thailandia ha imposto dure restrizioni per far fronte a un picco mortale di casi di Covid negli ultimi mesi, incluso un coprifuoco notturno.

I turisti, normalmente un pilastro del commercio di taxi di Bangkok, si sono ridotti a quasi nessuno a causa delle regole draconiane sull’ingresso nel regno. Le melanzane, i peperoncini, i cetrioli, le zucchine e il basilico coltivati ​​sulle auto – insieme alle rane – aiuteranno a nutrire gli autisti e i dipendenti disoccupati. E se i raccolti sono buoni, hanno in programma di vendere l’eventuale eccedenza nei mercati locali.

“Coltivare ortaggi sui tetti non danneggerà i taxi poiché la maggior parte di essi è già stata danneggiata in modo irreparabile. I motori sono rotti, le gomme sono a terra. Non c’è niente che possa essere fatto”, ha detto Thapakorn.

(traduzione con Google Translator)