TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Firenze “Mi hanno rubato il telefono” appello di Milano 25


quinewsfirenze.it Caterina Bellandi, conosciuta come la tassista dei bambini che guida l’auto Milano 25, ha rivolto un appello sui social dopo il furto del cellulare

Era in sosta vicino alla stazione di Santa Maria Novella, Caterina Bellandi, la tassista conosciuta come Zia Caterina di Milano 25, quando si è accorta che dalla vettura di servizio era sparito il telefono cellulare “Il telefono in sé e per sé non ha un gran valore, ma il patrimonio umano che contiene per me è inestimabile” ha detto la tassista nota in tutta Italia per la sua attività a sostegno dei bambini con gravi patologie.

“Ero parcheggiata vicino alla stazione Santa Maria Novella, vicino all’edicola – raccontato sui social Caterina – sono scesa dal mio taxi, come sempre mi fido immensamente del senso civico della gente, di cui adoro vedere soprattutto il lato buono. Purtroppo mi sono sbagliata, e lasciando l’auto aperta, mi è stato sottratto il cellulare. Il telefono in sé e per sé non ha un gran valore, ma il patrimonio umano che contiene per me è inestimabile. Foto e video dei miei amati supereroi, delle loro famiglie e di tutte le persone che gravitano intorno alla mia adorata famiglia di Milano 25. Il solo pensiero di averle perse per sempre, mi spezza il cuore. Per questo chiedo a tutti voi di aiutarmi a ritrovare quella parte di me contenuta in un dispositivo che mi accompagna ormai da sempre nelle mie fittissime giornate. Chiedo a chiunque abbia visto, od abbia qualsiasi informazione utile ad aiutarmi. Ringrazio di cuore chi si spenderà almeno un pochino per far si che il mio telefono torni al suo posto, ad accompagnarmi nel cammino quotidiano”.


1 thought on “Firenze “Mi hanno rubato il telefono” appello di Milano 25

  1. ho avuto il piacere di incontrarti in piazza duomo a milano qualche anno fa.
    mi dispiace per l’accaduto. quei ricordi li conserverai dentro di te per sempre ancora più nitidi, non andranno perduti come lacrime nella pioggia perché siamo umani, non replicanti come qualcuno vuole farci credere.
    buona fortuna comunque per le ricerche.
    ciao caterina

Comments are closed.