TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Tassisti aggrediti, racconto choc dei fermati: “Volevamo tirar su un po’ di soldi”


ilgiorno.it «L’altra sera, dopo aver bevuto e fumato siamo andati in zona Duomo con l’idea di tirar su un po’ di soldi e abbiamo pensato di rapinare un taxi». Comincia così il racconto davanti ai poliziotti di Mohamed N. detto Habib, dopo il fermo. «(…) Io ero seduto dietro il conducente. Una volta a destinazione, Bryan ha rovistato prendendo soldi e due cellulari, io sono sceso, ho aperto la portiera del tassista, gli ho puntato un coltellino portachiavi e gli ho preso un orologio e la collana (…)». I due giovani di lì a poco si ritrovano nel parchetto di Quarto Oggiaro, si dividono i soldi e vanno a comprare la cocaina. «Quella notte ho dormito alla stazione di Certosa, ero strafatto e non capivo nemmeno quello che facevo».

La sera dopo, sempre con l’amico Bryan e un terzo complice diverso da quello della prima rapina, dopo un giro sui Navigli i due ora in carcere prendono un altro taxi a Porta Genova e si fanno portare in via Triboniano. «Qundo siamo giunti a destinazione io preso al collo il tassista bloccandolo – continua N. nelle sue spontanee dichiarazioni – mentre l’altro ragazzo è salito dal lato del passeggero ed ha preso i soldi, un tablet e un telefono cellulare. (…) Dopo che ci siamo separati abbiamo provato a cercare la terza persona ma senza trovarla, era irreperibile così abbiamo capito che ci aveva fregati». N. e M., osserva il gip Raffaella Mascarino nel provvedimento di custodia cautelare, avevano poi deciso di scappare in Puglia perché si erano resi conto che il video della loro prima rapina «aveva cominciato a circolare su YouTube evidenziando la loro riconoscibilità».

«Nessuno di noi si era accorto delle telecamere, ma dopo che il video della rapina ha cominciato a circolare mi sono reso conto che tutti mi avevano riconosciuto e mi sono spaventato», ammette “Habib“. Così, anche su sollecitazioni dei familiari, come emerge dalle telefonate intercetttate, era nata l’idea di nascondersi in quella vecchia casa diroccata a Frigole, nel Leccese.«(…) Anzi è stato fortunato perché mia zia gli ha detto di sì, ovviamente mia zia non sa nulla», dice un familiare al telefono parlando con la fidanzata di uno dei due ragazzi. «E come vanno giù?», si informa quella. «In treno in treno… che a questo punto non so neanche quando arriveranno perché io non avevo soldi da dargli…». Il problema, come emerge dai discorsi che chi sta intorno ai due ragazzi fa al cellulare, è che stando a Google Maps dalla stazione di Lecce a Frigole a piedi ci vogliono più di due ore. Bisognerà trovare qualcuno che li porti, si dicono ai telefoni. Ma non servirà.


2 thoughts on “Tassisti aggrediti, racconto choc dei fermati: “Volevamo tirar su un po’ di soldi”

  1. Poverini, è colpa della droga. Domani saranno già fuori, se non addirittura oggi.

  2. poverini… avevano fumato, bevuto e tirato cocaina… se beccano me con 0,1 trasformo la patente in carta igenica.
    questi bastardi, ladri, drogati, deficenti saranno affidati al primo sert da quattro soldi, magari affidati alla zietta complice con la casetta in salento.
    sig. sindaco beppe sala, potrebbe dare un parere personale? senza sostituirsi alla magistratura, o al ministero dell’interno… giusto un’opinione da primo cittadino su quello che accade in questa nostra meravigliosa città dove gente che lavora è alla mercè del primo idiota che si fa pure fregare dal complice.
    anche “il celeste” si è fatto un po’ di galera prima di finire agli arresti domiciliari. voglio che cosa accadrà a questi due poveri ragazzi che hanno fatto una bravata d’agosto.
    spero che la stampa continuerà ad aggiornarci sugli eventi.

Comments are closed.

×

Powered by WhatsApp Chat

× Contatto Whatsapp con Taxistory
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Ads Blocker Detected!!!

Il sistema ha rilevato un AdBlocker.

Consulta questa pagina per disattivarlo.

Ricarica la pagina