TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

L’unica cura contro il coronavirus è: STATE A CASA! Non ci sono cure, solo prevenzione!

6 thoughts on “L’unica cura contro il coronavirus è: STATE A CASA! Non ci sono cure, solo prevenzione!

  1. Cerchiamo di essere almeno rispettosi per il personale medico che sta impazzendo di lavoro limitando se possibile le uscite. Oggi ho saputo di un medico di Busto che è deceduto di questo maledetto virus contratto sul lavoro.un pensiero alla sua famiglia mi dispiace.

  2. Carissimo collega da anni apprezzo il tuo lavoro svolto su questo blog vero è forte quello che hai postato sarebbe stato corretto aggiungere che #stateacasa con il sostegno economico senza se e senza ma da parte dell’autorità con un fisso minimo mensile di 1300 euro sospensione dei pagamenti di mutui tasse contributi Inps allora sarebbe più facile dire a chi vive solo del suo lavoro stai a casa. Comunque grazie per il tuo lavoro cordiali saluti

  3. Io sono a casa già da qualche giorno ,però se non arrivano aiuti concreti abbastanza velocemente dovrò tornare a lavorare con il rischio di beccare e portare a casa ai miei cari questo schifo maledetto,il tutto per poche decine di euro.Lo stop al mutuo licenza e tasse darebbe una grossa mano stiamo a vedere. Un pensiero a tutti voi colleghi con l augurio di riprenderci presto il nostro lavoro e la nostra città.

  4. Giustissimo stare a casa. Peccato che al momento il servizio pubblico non di linea non mi sembra menzionato in nessun documento. Quindi tecnicamente potremmo lavorare! Però ci si appella al buon senso e allo spirito di sacrificio personale. Ma cosa fare? Anche se pochi euro a me farebbero comodo come ad altri immagino. Però manca una regolamentazione una disciplina. Mascherine si o no? Dove le trovo, chi me le fornisce e quali? ( le ffp3 a 15 euro l’una ). Metro di distanza, forse con un passeggero; e se fossero di piu? L’unica cosa detta è “state a casa”, ma nessuno ci fornisce disposizioni precise in merito! Sono state fatte delle richieste ma ancora nessuna risposta. Non ci caga nessuno e a nessuno frega della nostra sicurezza e quella degli utenti. Sugli autobus e tram non fanno avvicinare per due metri all’autisita. Noi dove le mettiamo le persone sul tetto? Cosa dobbiamo fare?!?! Ma perché non prendiamo le auto e ci mettiamo a fare casino sotto la Regione? (Tutti chiusi in macchina fermi li sotto per qualche ora?)

Comments are closed.