TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Corteo degli Ncc: «Tutti a Linate»

ilgiorno.it LA GIORNATA più lunga degli Ncc inizia alle 10 di ieri. A Roma è appena cominciato il vertice decisivo tra le associazioni di categoria e il viceministro ai Trasporti Edoardo Rixi. In piazza Scala ci sono poco meno di cento autisti in presidio autorizzato dietro lo striscione: «No al 29 comma 1 quater: non siamo abusivi, paghiamo le tasse».

Già, l’oggetto del contendere è proprio quell’articolo mai entrato in vigore per una lunga serie di proroghe che lo stanno tenendo in stand-by da 10 anni: obbliga il conducente al rientro in autorimessa al termine di ogni servizio, una norma «che di fatto decreterebbe la fine delle nostre aziende», ripetono i noleggiatori. La situazione è tranquilla, solo due momenti di tensione: il primo quando i manifestanti incrociano un collega che sta lavorando regolarmente e lo accolgono a male parole; il secondo quando altri Ncc affiancano un’auto bianca di passaggio e ne prendono a manate il cofano all’urlo di «Tassista evasore fiscale».

NEL FRATTEMPO, le chat interne danno aggiornamenti in tempo reale sull’evolversi della situazione nella Capitale: «Butta male, prepariamoci a bloccare». L’emendamento sul tavolo prevede una serie di modifiche: sì all’obbligo di rientro dopo ogni viaggio, salvo che le prenotazioni in serie siano state segnate in anticipo sul foglio di servizio, e possibilità per l’azienda di Ncc di avere più rimesse sia nel territorio del Comune che ha rilasciato l’autorizzazione sia in altri Comuni della Provincia o della corrispondente area metropolitana. Ai noleggiatori non basta, e col passare delle ore i punti tornano in discussione: «La trattativa prosegue », precisa Francesco Artusa della Fai.

A Milano il tam tam sugli smartphone è incessante: «Andiamo tutti a Linate». Le berline si radunano in via Marina, la strada che congiunge via Palestro a via Senato: poco dopo le 20, le auto si muovono in direzione aeroporto, con polizia e ghisa a controllare la situazione. Il serpentone si ricompone lungo viale Forlanini, a velocità ridottissima. Poi la manifestazione prosegue nel piazzale dello scalo, con decine di macchine che prendono a girare tra le aree partenze e arrivi senza però bloccare la circolazione: «Siamo in centi – riferisce un conducente alle 21.15 –. Ci siamo organizzati spontaneamente e restiamo qua in attesa di novità da Roma». La notte si preannuncia altrettanto lunga. E la tensione continua a salire. Oggi pomeriggio presidio al Palazzo delle Stelline: atteso il vicepremier Matteo Salvini.
Nicola Palma


Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Disabilita il blocco della pubblicità per sostenere Taxistory

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock