TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

“Tassista stuprava…” Richiesta di rettifica al quotidiano Il Tempo

12 thoughts on ““Tassista stuprava…” Richiesta di rettifica al quotidiano Il Tempo

  1. Si complimenti!!!cmq l’ignoranza che viene propagandata dai media e inaccettabile bisogna spiegare ai giornalisti che un soggetto puo essere nominato tassista solo se e titolare di licenza taxi e soprattutto che sia munito di auto con all’interno un tassametro installato e piombato dal comune che ha rilasciato la licenza!!ne I noleggiatori e neppure gli abusivi possono essere definiti tassisti …un altra cosa che bisogna fare e quella di vietare ai noleggiatori di scrivere nei propri siti “SERVIZIO TAXI”pubblicita ingannevole in quanto non sono taxi perche non hanno auto o furgoni muniti di tassametro !!!

  2. B….
    .i in mala fede. Hanno ripreso pari pari la notizia dell’ ANSA omettendo guarda caso solo la parola ” abusivo”

  3. Finalmente! Era ora che si ‘monitorasse’ e si esortasse la stampa a ‘comprendere le differenze’!
    Farei comunque notare che ‘più’ che ‘la parola’ “Taxi”, la differenza la fanno i fatti!
    Ovvero le Certificazioni Professionali possedute e un Utenza informata.

  4. La testata qui sopra purtroppo non è stata un caso isolato, ho sentito giornali radio affermare la stessa inesattezza. Altro episodio di giornalisti in malafede. La tutela legale è un’esigenza ormai, anche se molti colleghi faticano a mettere mano al portafogli.

  5. Emanuele ha ragione. Il termine TAXI viene usato spesso in maniera impropia e ” INGANNEVOLE ” Se si usasse di piu lo studio ANSALDO E PAVIA e si cominciassero a chiedere risarcimenti abbasserebbero le penne

  6. Caro zaffiro grazie,il titolo più corretto sarebbe stato “NOLLEGGIATORE ABUSIVO”ma questo ovviamente i media non possono danneggiare l’immagine dei nolleggiatori è più di moda danneggiare l’immagine di noi tassisti la lobby più potente del mondo!!io mi chiedo quando finirà questa guerra che vuole esautotare i tassisti!!

  7. Dici bene EMANUELE. QUESTA È UNA VERA GUERRA DICHIARATA DAI POTENTATI DEL TECNOLOGISMO DELLA GLOBALIZZAZIONE DELLE MENTI, i quasi servono degli striscianti leccapiedi al governo per ridurre il lavoratore a una bestia da consumo. SIAMO UOMINI IN PIEDI TRA LE ROVINE.

  8. Caro Nerone condivido in pieno…la.stessa Europa e fondata su teorie neoliberiste ,purtroppo anche in italia abbiamo correnti politiche liberiste appoggiate da universita private e molti media!!ovviamente questa tipo di politica economica distrugge la piccola impresa a favore di multinazionali ecc quello che deve far riflettere,che una.parte politica ,difende con I denti il neoliberismo distruggendo la realta di piccole imprese di cui l\’Italia e popolata un grande valore che pero mette I bastoni fra le ruote ai potentati..la strategia e liberalizzare tutto e eliminare le regole..una giungla dove il piu forte finanziariamente vince…direi il nuovo colonialismo tecnologico…ci vogliono schiavi…dobbiamo difendere bene il nostro lavoro e pensare bene a chi votare il 4 marzo perche se vincono I soliti noti…non sara a rischio solo il nostro lavoro ma tutto e dell\’italia rimarra solo un bel ricordo!!!

  9. Caro Nerone hai perfettamente ragione . Secondo te cosa dovremmo fare chiudere le porte al mondo e chiuderci nel nostro paese magari ritornando alla lira? Dovremmo forse espellere le varie catene alimentari americane dovremmo proibire la Coca-Cola e ritornare a bere solo la sanguinella ?

Comments are closed.