TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

I taxi intensificano la protesta prima dell’emissione di una valanga di licenze vtc (ncc)

lavanguardia.com (Spagna) Il lungo conflitto che affronta il taxi con il VTC (noleggio di veicoli con autista) [NCC in Italia) va oltre. L’autorizzazione giudiziaria più che prevedibile di migliaia di licenze di questo ultimo servizio – potrebbe essere più di 10.000, secondo i calcoli delle organizzazioni del settore – ha intensificato le proteste davanti al governo in modo da limitare questo tipo di trasporto, che considera fuori controllo e una minaccia alla sua attività.  La prossima mobilitazione avverrà questo mercoledì con uno sciopero di 24 ore al quale sono state aggiunte tutte le organizzazioni di tassisti di portata statale e una grande manifestazione nel centro di Madrid che si concluderà davanti al Congresso dei Deputati .

L’ultima risoluzione giudiziaria che ha dato il via libera alle licenze VTC richieste tra il 2009 e il 2013 – periodo in cui questo servizio è stato liberalizzato con la legge omnibus del governo socialista, ma che una volta era stato negato – ha alimentato l’incendio. La scorsa settimana la Corte Suprema ha motivato due società a Madrid, Jojucar e Gran Vía Rent a Car, che hanno richiesto 80 autorizzazioni VTC. Nella sentenza, le associazioni di tassisti vedono conferma che la maggior parte delle cause simili finirà per essere la stessa. Finora, i giudici hanno attivato circa 5.000 licenze su un totale di 6.500 attivi.

Un decreto reale tenterà di evitare speculazioni e l’uso scorretto delle licenze

Il rapporto tra le licenze VTC e quelle dei taxi è stato uno dei cavalli di battaglia dei tassisti. Fino al 2009, avrebbero dovuto esserci almeno 30 taxi per ciascuno dei VTC, ma tra il 2009 e il 2013 non c’era limite, il che dava le ali a un servizio che poi non sembrava una minaccia. Poi sono arrivate le piattaforme tecnologiche. I due più noti in Spagna sono Cabify, che ha iniziato a funzionare nel 2012, e Uber, che dopo un inizio controverso nel 2014 con piloti non professionisti ha iniziato il suo servizio attuale nel 2015.

Tutti consentono di ordinare un’auto da applicazioni mobili, che offuscano le barriere tra i veicoli a noleggio con conducente, che richiedono prenotazione preventiva, e taxi, che di solito vengono ordinati per strada. Il risultato è che il VTC, che era un trasporto di minoranza e in una certa misura di lusso, è andato avanti a competere direttamente con il taxi, che comprende anche prenotazioni tramite app.

La proliferazione di VTC in questo nuovo scenario ha portato a un’escalation dei prezzi delle licenze di questo tipo. Ottenerli praticamente non costa nulla e può essere trasmesso per 40.000 euro o più, il che significherebbe, nel settore dei taxi, la paura di cadere nelle mani di multinazionali, capaci di far esplodere i prezzi del servizio clienti.

Lo sviluppo, l’amministrazione competente nella regolamentazione del VTC, ricorda che il vuoto giuridico prodotto tra il 2009 e il 2013 è stato una decisione del governo socialista e che hanno invertito la situazione, tornando a fissare un rapporto nella legge sull’ordinanza sui trasporti terrestri ( LOTT), nel 2013, che era in 1/30, che era prima del 2009, nei suoi regolamenti del 2015. Ma la realtà aveva già superato il quadro giuridico, e la proporzione tra i due servizi era traboccata in molte comunità autonome . Le cose sono diventate ancora più complicate (vedi grafico) con le sentenze giudiziarie sopra citate. Ci sono solo due modi per rispettare il rapporto: i VTC sono ridotti oi taxi sono aumentati.

La prossima risposta del governo sarà l’approvazione di un decreto reale, previsto entro la fine dell’anno, che sostanzialmente cerca di evitare speculazioni con licenze VTC, fissando un periodo di due anni dal suo ottenimento per venderlo, e controllare che il i servizi sono debitamente organizzati e non sono realizzati in più del 20% al di fuori della loro comunità autonoma. Per fare ciò, è previsto l’apertura di un registro online che raccoglierà tutte le lettere di vettura e fungerà da base per l’ispezione, lavoro che, come la concessione delle licenze, corrisponde alle comunità autonome.

Le principali organizzazioni di tassisti vedono questa risposta fornita dall’Esecutivo come insufficiente. Il conflitto ha portato a risposte unitarie per la strada, nonostante le importanti differenze che il settore ha avuto, tradizionalmente atomizzato, con nient’altro e nientemeno che 532 associazioni. “Quello che chiediamo è molto semplice, che la legge sia rispettata, e se non è possibile tornare al rapporto 1/30, che gli attuali VTC facciano la loro parte e non entrino nel nostro territorio”, afferma Miguel Ángel Leal, presidente della Federazione dei taxi spagnoli (Fedetaxi), la più importante organizzazione statale, che rappresenta circa 40.000 professionisti. A suo parere, questi veicoli “sono attualmente molto produttivi perché invadono lo spazio del taxi; altrimenti, la situazione sarebbe molto diversa e gran parte del problema scomparirebbe “.

La National Taxi Association (Antaxi), che ha circa 10.000 licenze, ritiene che il rapporto 1/30 possa essere recuperato legalmente. “Stiamo lavorando su questa linea, pensiamo che ci siano basi sufficienti per richiederlo in tribunale”, dice Joaquin Alonso, direttore di questa entità, che diffida del registro che Fomento intende implementare per monitorare l’attività del VTC. Anche l’Elite Federation Taxi Spain (FETE), molto attivo nelle manifestazioni di strada nelle grandi città, si è impegnato a recuperare questa proporzione. Inoltre, sostiene che per legge queste licenze non possono essere trasmesse.


(Articolo tradotto automaticamente da Google Traduttore, l’originale è disponibile in lingua spagnola su http://www.lavanguardia.com/economia/20171126/433202368785/taxi-protesta-licencias-vtc-via-judicial.html )


18 thoughts on “I taxi intensificano la protesta prima dell’emissione di una valanga di licenze vtc (ncc)

  1. Certo fa riflettere il fatto che i paesi europei citati e presi a paragone nel presente articolo e anche nel recente intervento di Claudio Giudici al Parlamento Europeo
    https://www.uritaxi.it/wpnew/presidente-uritaxi-claudio-giudici-interviene-al-parlamento-europeo/
    fatta salva la Svezia culturalmente un eccezione, l’Irlanda dove ‘comandano’ le rappresentanze Radiotaxi anche se titolari restano i singoli tassisti, la Gran Bretagna dove l’attività è sì libera, ma gli esami di abilitazione tra i più severi al mondo,
    sono Spagna e Polonia. Paesi dove la percezione della corruzione è decisamente tra le più alte in Europa https://www.transparency.it/wp-content/uploads/2017/01/CPI2016_EUWesternEurope_EN.jpg
    Si direbbe che il “Taxi” sia davvero ‘la cartina al tornasole’ del benessere socio-politico non solo di una categoria, ma anche quello di una Pubblica Amministrazione Locale e di una Nazione.
    D’altronde una nazione è composta da tante piccole realtà e tanti Singoli semplici cittadini.
    “Perché, allora, il Governo e la maggioranza non provano a fare un’azione davvero incisiva, anziché l’ennesimo piccolo aggiustamento? La risposta, purtroppo, temiamo sia che il coraggio, chi non ce l’ha, non se lo può dare.” – http://www.brunoleoni.it/i-tassisti-e-lo-sciopero-preventivo-2

  2. Paola non è con le faziosità che si può convincere una platea sgamata da anni di sotterfugi e colpi a tradimento nelle sedi istituzionali e presso compiacenti (e ignoranti) giudici di pace. Il “piccolo aggiustamento” che pretendi è semplicemente il permesso legale di fare quello che buona parte degli ncc ora già fanno illecitamente: IL SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA QUANDO GLI FA COMODO E IL TAXI CON TARIFFE DI FANTASIA NEI MOMENTI DI STANCA. Qua nessuno è fesso.

  3. Cancellato perché non rispettoso del Disclaimer di taxistory
    ……….
    ………..
    ……………..

    – Commento per Marco:
    Condivisibile la Tua osservazione.
    Ma c’è un però. Ciò che ‘gli NCC fanno’ NON È ‘illecito’. È un comportamento commerciale atteso da CHIUNQUE imprenditore anche piccolo. Prova ne è che la percezione dell’opinione pubblica è che il Tassista ‘lavora poco, è maleducato e guadagna molto tanto che ha i soldi per pagare l’alto costo di una licenza’.
    Il suddetto comportamento diventa però ‘illecito’ quando viene realizzato in un “mercato” dove un/il “diretto concorrente” È MAGGIORMENTE REGOLAMENTATO.
    E qui, il rompicapo dell’incontro dell’ “interesse Pubblico e Privato” e del “garantire” la mobilità A BASSO COSTO per (lo Stato) la Pubblica Amministrazione e per il cittadino anche se la percezione sappiamo essere diversa. Andrebbe spiegato che nonostante “le tariffe di fantasia nei momenti di stanca” possono essere ‘da taxi’ NON LO SONO SE la corsa è TOTALMENTE URBANA, caro Marco. – continua…

  4. Paola te lo dico col cuore in mano: il comportamento dell’ncc che non rispetta la 21/92 è (per ora) un illecito amministrativo punito dal CdS e dalla 21 stessa. Dico per ora perché allo studio del Mit c’è molto di più di quelle ridicole sanzioni che vengono irrogate ora. Tra taxi e ncc non c’è e non deve esserci nessuna concorrenza, ognuno deve rimanere nel suo orticello senza sconfinare in quello altrui.Per quello che riguarda la tua sensazione su cosa percepisca o meno l’utenza e cioè che “lavora poco, è maleducato e guadagna molto tanto che ha i soldi per pagare l’alto costo di una licenza” ti posso assicurare che in 27 anni di carriera mai e poi mai alcun utente si è rivolto nei miei confronti in modo così maleducato e offensivo e quei pochi cafoni che mi hanno aggredito verbalmente sono scesi giù dalla macchina nel giro di 20 secondi. Se tu credi di venire in un blog di tassisti ad offendere una categoria intera senza conseguenze ti dico subito che ti sbagli. Evita di fare altri commenti perché finisci direttamente nella cartella dello SPAM. Grazie e buona permanenza nella rimessa di Sucate.

  5. “MAGGIORMENTE REGOLAMENTATO ” ! CHE EUFEMISMO . FORSE VOLEVA DIRE MAGGIORMENTE OBBLIGATO , VIETATO,IMPOSSIBILITATO “RECINTATO” (tutti obblighi e doveri). ” COMPORTAMENTO COMMERCIALE ” PURE QUESTA MI PIACE ( non era piu semplice “liberta di impresa ” ,liberta aziendale,libera gestione, autonomia commerciale, libero mercato . NON e ILECITO ? PECCATO CHE CI SONO NORME CHE DICONO IL CONTRARIO ,CHE SI STANNO ELUDENDO ,E CHE SI STA CERCANDO DI AGGIRARE IN TUTTI I MODI . A QUANDO” L’ULTIMA CENA” “.PREPARATI I DONI NATALIZI “

  6. RAUL aggiungerei FRANCIA DANIMARCA E ALTRI per questo mi riferivo al SINDACATO EUROPEO .Anzi mi aspetterei giornate comuni come il BLACK FRIDAY ,anzi lo chiameremo YELLOW FRIDAY ,( visto che il trasporto pubblico sembra che sciopera sempre di venerdi)

  7. la mobilità a basso costo la ottieni abbassando i costi fissi non liberalizzando licenze o autorizzazioni.
    se non pagassi l’auto o la benzina, l’assicurazione o le tasse sarei il primo a chiedere l’abbassamento delle tariffe.
    anche se avessi il domicilio fiscale in lussemburgo e pagassi la web tax al 6% sarei contento.
    ci sono decine di metodi per abbassare i costi, ma tutti costano.
    buffoni e incompetenti… tutti bravi a fare i conti con le tasche degli altri

  8. Marco ti faccio i miei complimenti per la tua (forse eccessiva) democrazia nel dare voce a certi commenti. Per quanto mi riguarda vesto in modo consono a un servizio pubblico, guido una macchina ibrida che tengo pulita e mediamente profumata, parlo inglese e francese, ho un’educazione universitaria e utilizzo il POS. Con mia gioia vedo che sempre più colleghi hanno i miei stessi standard. La licenza la pago lavorando anche nel weekend e direi che 10 ore al giorno dovrebbero bastare anche per chi guida senza utilizzare un tassametro. Se ci sono colleghi che dopo 30 e passa anni alla guida possono passare sabato e/o domenica a casa, sono contento per loro, e credo che dovrebbe essere un punto di arrivo per ogni persona, indipendentemente dal lavoŕo che svolge.

  9. Ma anche gli altri possono avere una tassazione al 6%, e chiudere i contenziosi col fisco come e permesso ai giganti del web ?SE LALLERO !

  10. NON penso che gli “altri” stiano fermi . DIAMOCI DA FARE ! Stiamo aspettando altre iniziative ! Possibilmente a breve !

  11. Scusate, qualcuno più informato di me mi sa dire se con il 31 dicembre entrano in vigore norme anti abusivi o dobbiamo preoccuparci per un altro emendamento notturno magari buttato lì nel milleproroghe?grazie

  12. Il problema non è dove mandare ” Paola” provocazione del moderatore x i semplici, ma che qualche lettore capisca di che morte lo vogliono far morire adesso. La stupidità l’Ignavia, io speriamo che la cavo e gli altri si fottano ha un prezzo.

  13. Ok koolas, ma che cosa c è allo studio del MIT? Sper sanzioni severe contro chi sgarra. Quanto a Paola che resti nella rimessa di sukate

Comments are closed.

×

Powered by WhatsApp Chat

× Contatto Whatsapp con Taxistory
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Ads Blocker Detected!!!

Il sistema ha rilevato un AdBlocker.

Consulta questa pagina per disattivarlo.

Ricarica la pagina