TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Taxi, le città dove costano meno al mondo (e quelle dove sono più cari)

ilsole24ore.com Al Cairo, prendere un taxi dall’aeroporto al centro della città costa poco più di tre euro. A Tokyo, per lo stesso tragitto si spendono quasi 170 euro. Sempre nella capitale egiziana, un chilometro di viaggio si aggira sui nove centesimi, mentre a Zurigo tocca i 4,61 euro: 51 volte tanto. A rivelarlo è il “Taxi Price Index 2017”, studio elaborato dalla britannica Carspring sul costo delle auto pubbliche in 80 grandi città mondiali (comprese Milano e Roma). Zurigo domina incontrastata la classifica: il solo fatto di entrare in un taxi costa 7,37 euro, mentre a Tunisi la tariffa iniziale crolla a 17 centesimi. E chiedere a una vettura di attendere un’ora nella città elvetica può costare quasi 74 euro, contro gli 0,86 euro di Bangalore, in India.

Quanto alle due italiane in classifica, se consideriamo il prezzo al chilometro Roma si classifica al 28mo posto tra le città più costose a quota 1,53 euro, grossomodo la stessa cifra che si spenda a Lagos, in Nigeria, e a Tolosa, in Francia. Relativamente più economica Milano, che con i suoi 1,42 euro al chilometro si piazza in 36ma posizione, a pari merito con la francese Bordeaux e con la spagnola Barcellona. Se invece consideriamo la tariffa iniziale, Milano risulta 13ma tra le città più care, mentre Roma è solo 34ma. Se poi prendiamo in esame i 90 euro di tariffa ufficiale per la corsa dal capoluogo lombardo a Malpensa, Milano è seconda solo a Tokyo per il costo del collegamento aeroporto-città, seguita in terza posizione da Oslo e successivamente da Monaco di Baviera, Ginevra e Nizza. Roma si piazza in 14ma posizione vicino a Stoccolma e Birmingham.

È anche interessante vedere qual è l’“effetto Uber”, visto che il servizio di trasporto automobilistico privato è presente in ben 65 delle 80 città prese in esame dallo studio di Carspring. Se consideriamo il costo per chilometro percorso, le città più costose in cui non è presente Uber risultano essere alcuni centri tedeschi (Colonia, Amburgo, Stoccarda e Hannover) assieme a Copenaghen, alla belga Anversa e all’olandese Rotterdam. All’estremo opposto ecco Pechino, dove il taxi costa poco anche senza la concorrenza di Uber: appena 0,30 euro al chilometro.

9 thoughts on “Taxi, le città dove costano meno al mondo (e quelle dove sono più cari)

  1. Qualcuno spieghi al codacons, al governo, ai riformatori tutti che un taxi a Milano costa meno che a Lagos ( Nigeria).

  2. Scrivere che Milano è al 2° posto per la tratta Aeroporto-città e prendere come riferimento Malpensa (senza dirlo) è mentire sapendo di mentire con lo scopo di dimostrare cosa?????????
    Ricordiamo solo noi che su Milano incidono 3 Aeroporti: Malpensa, Orio e LINATE?????
    Un’informazione SERIA avrebbe dovuto ALMENO MENZIONARE che da Malpensa a Milano ci sono 70/80 km!!
    Ma siamo abituati, abbiamo le spalle larghe e sopportiamo tutto……
    Alegher

  3. Pubblicare una classifica senza poter disporre dei criteri e delle fonti di campionamento è già un limite…. Se poi come in questo caso si legge che il costo del taxi a Milano è i inferiore a Roma e che il tipico veicolo è una fiat ulysse… Siamo oltre il ridicolo… Finiamo oltre il grottesco… Da dimenticare

  4. Aggiungerei che tutto questo senza prendere sovvenzioni chilometriche da parte della regione o quant’altro. Un servizio pubblico almeno in Italia che non costa nulla al contribuente. O forse qualche associazione di consumatori che avanza richieste su richieste ha trovato in bolletta elettricità sia il canone Rai che il canone taxi??? Quindi suggerirei prima di fare illazioni su l’unico servizio italiano a massima tutela economica e amministrata per il cliente di osservare cosa succede a tutto il resto ( hotel, ristoranti, trasporti privati con conducente, bevande, cibo on the road, ecc, ecc, ) durante fiere, gare automobilistiche, concerti, scioperi metropolitane, sospensione di voli e chi più ne ha più ne metta. Come si dice : state combattendo dalla parte sbagliata!!! Sveglia però!!!

  5. Nella colonna aeroporto -centro
    E’ ‘indicato il prezzo ma non la distanza 2^ .quanto guadagna un operaio a BANGALORE IN INDIA ? QUANTO COSTA UN AFFITTO UN PASTO AL RISTORANTE ECC ECC ECC . ANDAsSERO A VIVERE IN Egitto in India .ancora co ste stronzate
    . Ci dicessero piuttosto se domani ci sarà incontro e se sarà negativo che si fara’ . O dobbiamo non sapere niente e stare zitti e buoni ? Invece de sta a discute de str. …… ce qualcuno che voglia parlare dei nostri problemi e di quello che sta succedendo ? O potrebbe succedere ! Tanto per non ritrovarci a danni fatti ?

  6. Senza dimenticare che benzina e assicurazioni e la TASSAZIONE, sono le più care d’Europa, come pretendere che il servizio pubblico sia più economico? Ogni paese ha costi differenti, e i margini di guadagno dipendono proprio da quelli.

  7. INVECE IO DICO SOLAMENTE CHE QUESTO ARTICOLO SPIEGA PERFETTAMENTE IL DEGRADO E L’AGONIA INARRESTABILE DELLA STAMPA ITALIANA.1!..TUTTA..!!

Comments are closed.