TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Dopo la querela a Kalanick gli azionisti si scannano tra di loro

tech.everyeye.it La querela di Benchmark all’ex CEO Travis Kalanick? Il principio di una valanga che rischia di buttare Uber nel caos più totale. Ora un gruppo di altri investitori vuole che Benchmark faccia un passo indietro, disinvestendo il 75% delle proprie quote in modo da perdere il diritto di far parte del consiglio d’amministrazione della compagnia.Shervin Pishevar, azionista della compagnia, sta guidando un gruppo di investitori per chiedere a gran voce la testa di Benchmark, l’azienda di investimenti che ha querelato l’ex CEO Travis Kalanick con l’accusa di violazione contrattuale e di aver infranto il rapporto fiduciario tra amministratori e investitori.

Per Benchmark Kalanick avrebbe, intenzionalmente, aumentato il numero di membri votanti del consiglio d’amministrazione perché conscio che in futuro avrebbe dovuto rispondere della propria gestione claudicante della compagnia. Cosa che di fatto è successa, date le recenti dimissioni dal ruolo di vertice di Uber. L’azienda di investimenti sostiene che Kalanick vorrebbe usare i membri con diritto di voto in più per facilitare un suo ritorno come CEO di Uber una volta che le acque si siano calmate. Se la causa nei suoi confronti avrà successo, Benchmark Capital otterrebbe l’annullamento della decisione con cui sono stati aumentati i membri del board oltre che la rimozione dello stesso Kalanick dal Consiglio d’amministrazione della compagnia delle berline nere.

Una mossa “ingrata” che rischia di pregiudicare la stabilità di Uber, stando ad una email inviata da Pishevar a tutti gli investitori. Nell’email, portata alla luce dalla testata online Axios, il gruppo di investitori chiede a gran voce a Benchmark di fare un passo indietro, disinvestendo il 75% delle proprie quote della compagnia, in modo da perdere il diritto di voto nell’assemblea del board.

“Benchmark ha investito in Uber 27 milioni di dollari”, si legge nell’emai, “che oggi valgono 8.4 miliardi. E ora state querelando il fondatore di questa compagnia, uno che ha lavorato così duramente per creare un valore senza precedenti nella storia”.

Pishver, riferisce il web magazine The Verge, è ora intenzionato a cercare alti investitori che stiano dalla sua parte. Del resto, non sarebbero poi poche le persone intenzionate ad acquistare le quote dell’azienda di investimenti.

28 thoughts on “Dopo la querela a Kalanick gli azionisti si scannano tra di loro

  1. Il più grande meccanismo al mondo, per lo stravolgimento dei diritti umani e lavorativi, al solo scopo finanziario di creare profitto, comincia a scricchiolare. Tutte quelle ambizioni di grandi profitti fatte di numeri e calcoli hanno convinto uomini ricchi e potenti del pianeta a investire fanta miliardi, ma non hanno fatto i conti con gli uomini umili e lavoratori che questo mondo lo popolano e ne costituiscono la vera sovranità. La grande finanza non può nulla contro la forza del popolo. Può solo fare fumo e nient’altro. Ora alcuni investitori più sensibili hanno capito il trucco e al momento in cui cominciano a battere cassa la gigantesca macchina del fumo ne produce un po’ anche per loro!!!

  2. E adesso volano gli stracci! L’inizio della valanga di m…a che li seppellirà! FINALMENTE.

  3. Mi dispiace…ma al sig.Alberto 93 rispondo che quando si lavora non si va in pantaloni corti oppure in tuta da ginnastica , non è necessario andare in giacca e cravatta ma. pantaloni lunghi assolutamente si ….non andate a spasso. I vostri clienti meritano rispetto. e sapersi vestire è ripetto anche x se stessi

  4. Carla mi piacerebbe sapere per quale misterioso motivo un uomo debba avere i pantaloni al ginocchio e una donna invece possa (teoricamente) lavorare in minigonna, tacchi a spillo e top di raso. Ovviamente la mia è da intendersi unicamente come provocazione accademica.

  5. Cara Carla , se un uomo porta rispetto con i bermuda , portando a destinazione sana e salva la clientela indignata per il vestiario di un tassista … farei un po’ di considerazioni in merito…. ora ti dico una cosa magica …. l’abito non ha mai fatto il monaco

  6. Io vado al lavoro con pantaloncini corti (non pinocchietti ma sopra il ginocchio) polo e scarpe da ginnastica e ritengo il mio abbigliamento decoroso e rispettoso dei clienti che porto ,è il buon gusto e non il capo di abbigliamento in se che rende più o meno di cattivo gusto il soggetto…la maggior parte dei noleggiatori sono incravattati ma molti di loro sembrano appena usciti da un film di Tarantino e non li ritengo certo più “decorosi”di me…..

  7. Sig.Marco ,è il buon senso che dev’essere in ognuno di noi ,sia uomini che donne. quando si lavora ..quando si è a contatto con il publico…non ho mai visto nessuno,dall’impiegato /,a. al commesso/a
    lavorare in pantaloni corti oppure minigonna e top di raso..si è chiesto perché molti preferiscono.gli NCC? Buona serata…..

  8. Cara signora Carla, si parla di regole non di buon senso. Non mi vedrà mai in pantaloncini corti perché a me piace dare una certa immagine, ma se fossi una gentile signora e volessi vestirmi come dicevo poc’anzi potrei farlo. Ha senso una discriminazione sessuale siffatta? Non credo. Stia bene.

  9. Che strano…..con tutti i problemi ,importantissimi,che avete con il lavoro vi siete svegliati x l’abbigliamento..

  10. Cara sig. Carla, usi gli abusivi, vestiti bene ( dal suo punto di vista ) noi regolari forniamo altro….. che superficialità
    Buon ferragosto
    Cordialmente
    Luca

  11. Personalmente sono per un abbigliamento decoroso no a pantaloni corti e sandali e secondo me la vigilanza fà bene a sanzionare….come farebbe bene controllare i molti ncc presenti sul territorio ma questi ultimi sono immuni dai controlli.Buon ferragosto a tutti

  12. Buonasera,

    Per la signora Carla: lei probabilmente è invidiosa che i tassisti si possono vestire come meglio credono! comunque vestirsi in bermuda non significa non essere decorosi e presentabili!

    Lei vuole omologare come fanno certe multinazionali che non a caso usufruiscono del servizio dei carri funebri in giacca e cravatta.

    Detto questo come siamo messi male si giudica dal vestiario! il livello di certa gente è proprio basso ! W la società dell’apparenza!

    Che poi gratta gratta alla fine il burino è quello in giacca e cravatta e non in bermuda…ma per favore…

    Cordiali saluti

  13. Buon Giorno a Tutti

    l’articolo e’ molto interessante e mette a nudo la situatione dei soci azionisti di questa multinazionale che a quanto sto capendo non e’ proprio idilliaca, ma ovviamente da tassista volevo far fare una considerazione alla Sign.ra Claudia che ha acceso un focus su un abbigliamento poco professionale e ad una condizione di auto non proprio conforme ai suoi canoni, ed immagino che faccia una comparazione con Ncc.

    Penso che da valutare ci sono diversi aspetti:

    1. Lei si focalizza su un bermuda, quando questa societa’ e in passivo da quando e’ nata,i soci continuano a ripianare i debiti ma utili non se ne vedono.

    2.U…. lei lo sapra benissimo in Italia non versa nulla alle casse dell’agenzia delle entrate, ma paga l 1 % del 22% che chiede per ogni singola chiamata data al driver NCC in Olanda, mentre noi paghiamo tutte le tasse in Italia, e se lei e’ una professionista con busta paga sa benissimo quale e’ la percentuale.

    3. Il taxi non infrange alcuna regola, l’operatore NCC che utilizza la piattaforma U… infrange qualsiasi regola del TPL non di linea

    Con queste considerazioni Sign.ra Claudia ho capito molto bene a cosa sta giocando lei, e vorrei esporlo a tutti:

    E vergognoso che i tassisti lavorino in bermuda, ma nascondiamo bene i veri problemi di U….

    Signora Claudia lo sa che in U… ci sono dipendenti che percepiscono stipendi piu’ alti di un guadagno (entrate – uscite) di un tassista, le pare corretto? senza aver mai fatto una sola corsa?

    Le auguro Buon Ferragosto

    Lei a Porto Cervo, io in piazza a lavorare

  14. Gli azionisti si scanneranno pure pero chi investe milioni di dollari vuole vedere un “ritorno” e questi hanno tanti soldi da spendere pure per le PUBBLICHE RELAZIONI . in parlamento e stato dato mi sembra pure il via libera ai Lobbisty che ora potranno frequentare i corridoi di Camera e Senato e Ministeri . Visto come ci troviamo credo che hanno impegnato bene i loro Fondi destinati appunto alle” PUBBLICHE RELAZIONI ” ( incontri cene ecc) . Mi preoccuperei più di questo è di quello che succederà a settembre piuttusto che dei bermuda . Magari evitiamo di alimentare critiche e commenti con un abbigliamento diciamo meno disinvolto. Concordo pure sul fatto che bisogna pure vedere come la porti la cravatta , la camicia e le scarpe. Riposatevi perché a settembre ci sara da faticare

  15. Nei commenti nessuno si è ricordato che i famosi driver della premiata ditta regalano a ogni cliente al momento del prelevamento 1 bottiglia di acqua e 1 pacchetto di fazzoletti, invece a Milano all’epoca della B.A.L spesso era presente pure una bevanda energetica a zero calorie simile al Red Bull. Ovviamente il tutto è a spese dello sfigatissimo driver, su internet su questa faccenda è stato scritto fiumi di inchiostro. Benissimo che la signora in questione si godesse pure quest’aria fritta, a me ricorda molto le compagnie costose tipo Alitalia dove pagavi il triplo per avere due salatini, due noccioline, e un prosecco spacciato per spumante pure alle 6 di mattina.

  16. AI..AI.AI SIG.CARLA…SI RICORDI DUE COSE,SE POSSO:LE REGOLE VANNO RISPETTATE E CHE LE STESSE HANNO DELLE ECCEZIONI MA SOPRATUTTO…..PRIORITA’SU OGNI COSA!!Spero di.essermi spiegato,spero!

  17. Per Marco il blog sta dando fastidio a qualcuno…

    Per Luca hai pienamente ragione! la signora cerca di distogliere l’attenzione dai problemi veri…potrebbe anche essere uno di quelli di cui tu parli che guadagnano senza fare niente sotto mentite spoglie ATTENZIONE!

    Per zaffiro hai ragione a non dare importanza al discorso vestiario ma attenzione che è un cavallo di troia per gettare fango sulla categoria…il famoso brutti sporchi e cattivi torna sempre utile…bisogna dire che questa cosa del vestiario è un FALSO i tassisti come giustamente è stato detto si vestono in maniera più disinvolta MA sono vestiti in maniera più che decorosa.

    La leggenda dei tassisti in canotta e ciabatte è appunto una leggenda FALSA è bene dirlo!

    saluti

  18. E basta con questa leggenda delle canotta e delle ciabatte! Chi ha la puzza sotto il naso chiami pure tedeschi e svizzeri(ma possono avere u black?)

  19. Carla ha solo proseguito un suo dialogo con Alberto iniziato nel post precedente in cui invitava tutti a lottare e a diffidare di chi cerca accordi sulla nostra pelle. Quindi non si capiscono assolutamente i commenti sui bermuda e porto cervo. Così non si va da nessuna parte e vestirsi decentemente è il minimo dell’educazione oltre che della sensatezza se si preparano come minimo a trasformare tutti gli NCC lombardi in tassisti. Cerchiamo di parlare di cose serie.

  20. ASPIRANTE infatti ho detto di non alimentare possibilmente queste chiacchiere che servono solo a distoglierci dalle cose importanti . Tanto saremo sempre sotto attacco. Io ho iniziato nel 78 e già ho iniziato a sentirmi sotto attacco negli anni 90 . Non la pianteranno più. Ci sono grossi interessi e come ho già detto dispongono di grossi budget per diciamo chiamiamole “PUBBLICHE RELAZIONI” IN SENATO CE CHI DA ANNI (L) BATTE SULLO STESSO TASTO IN MODO OSSESSIVO COMPULSIVO. E TANTI CHE NON HANNO NESSUN TITOLO A RIGUARDO APRONO BOCCA E SPUTANO STRONZATE PERO QUESTO GLI PERMETTE DI STARE IN TUTTI I TALK SHOW.figurioci adesso che si avvicinano le elezioni . Intanto la Camera riapre il 12 e dopo tre giorni il 15 gli scatta la tanto sudata pensione. Superato questo scoglio il successivo sara’ essere rieletti. LE CAMPAGNE ELETTORALI COSTANO. E AVERE FINANZIATORI CHE DISPONGONO DEI FAMOSI GROSSI BUDGET NON E INDIFFERENTE. e poi se per caso non si viene rieletti si potrebbe trovare un incarico magari presso una MULTINAZIONALE O PRESSO QUALCUNO AD ESSE “AFFILIATE” ( JPM O ALTRO) O MAGARI AVERE UN BEL CONTRATTO PER CONSULENZE PRESDO QUALCHE “MINISTERO” CIOE’ LE VIE DEL SIGNORE SONO INFINITE . CONCENTRIAMOCI SU QUELLO CHE DOVREMO AFFRONTARE A SETTEMBRE. NON FACCIAMOCI DISTRARRE . FACCIAMO ATTENZIONE A QUELLO CHE VIENE PORTATO IN VOTAZIONE ALLE CAMERE. BASTA CHIACCHERE . INCONTRI INCONCLUDENTI SE NON ADDIRITTURA OGNI VOLTA DANNOSI . BISOGNA CHIUDERE QUESTA STORIA SENZA TENTENNAMENTI . A settembre mobilitazione attenta. Tanto vale scannarci una volta per tutte. Dopo non ci sara piu niente. Ognuno rispetti le sue regole tutti regolari o tutti abusivi . Niente vie di mezzo .

  21. Per la cronaca il regolamento comunale di Verona in merito all’abbigliamento degli operatori del servizio taxi prevede pantaloni lunghi per uomini e donne.Per entrambi magliette ma non canottiere e per gli uomini calzature chiuse. Si raccomanda sobrieta’.Io da tassista ho sempre pensato che sia una buona cosa.Un saluto a tutti.

  22. Per ZAFFIRO ottimo post…vedi oltre le linee…complimenti !
    Hai spiegato praticamente tutto perfettamente
    Questi vanno avanti a cene e cenette dove si può immaginare di cosa discutono.

    Saluti

  23. ASPIRANTE aggiungo. Anche se la camera formalmente riapre il 12 LORO NON STANNO FERMI. Bisogna fare attenzione gia i primi di settembre per non ritrovarci alla riapertura con un altro bel REGALINO. Dico questo perche il testo presentato dal Ministero non mi sembra propio frutto loro m SEMBRA STILATO SOTTO DETTATURA ( magari con l’aiuto di qualche consulente esternA ) gli unici accenni per taxi sono solo per rimarcare obblighi e divieti e rinchiuderlo sempre di piu in un angolo mentre per settore ncc massima apertura . Basti pensare alle prenotazioni multiple al contratto 30 gg al cliente che ti riporta nel tuo comune .e un vestito cucito su misura. Misura ncc . Gesù Cristo non e morto di freddo. Abbiamo gia capito chi sta con chi. Attenzione che cercheranno la FURBATA SOTTOBANCO .

  24. Perfettamente d’accordo con Zaffiro unico problema coinvolgere TUTTI vedo molti colleghi dormienti addirittura alcuni non sono a conoscenza di nulla chissà quale professione svolgono!!!

  25. Furioby quando si renderanno conto che stanno seduti su un pezzo di latta che non valera’ più niente dovranno lavorare altro che 12 ore per un misero salario per una misera pensione fino oltre 70 anni sempre che ti rinnovano la patente allora forse si sveglieranno

Comments are closed.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Disabilita il blocco della pubblicità per sostenere Taxistory

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock