TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Uber, crescono i ricavi ma resta in rosso: salta anche il direttore finanziario

repubblica.it Continua a crescere il giro d’affari di Uber, che però ancora non riesce a ribaltare sulle ultime righe del conto economico la sua galoppata: in poche parole, a fronte di una crescita dei volumi ancora di utili nelle tasche non ne restano. E forse anche per questa ragione salta una testa “finanziaria” importante nella startup americana: il responsabile finanziario, Goutam Gupta, ha lasciato la compagnia – formalmente per una nuova avventura manageriale nella Silicon Valley – dopo l’annuncio di una perdita netta di 708 milioni di dollari nel quarto trimestre dell’anno, inferiore a quella di 991 milioni di dollari registrata tre mesi prima. In compenso il fatturato della società di trasporto urbano via app, avanza del 18% a 3,4 miliardi di dollari.

Questa schizofrenia è una costante dei conti di Uber, la quale nel 2016 Uber ha perso 2,8 miliardi di dollari, a fronte di un rialzo dei ricavi, che si attestano a 6,5 miliardi di dollari, più di quanto facciano compagnie più grandi come Twitter, Snapchat, o Airbnb. In passato Uber si è spesso sottratta alla pubblicazione dei suoi conti, alla cui divulgazione non è obbligata, non essendo quotata in Borsa. La società può contare su un ‘tesoretto’ di 7,2 miliardi di dollari, che è quanto le resta di liquidità dei 15 miliardi di dollari raccolti tra gli investitori. A Gupta (che di fatto non ha mai ricevuto il titolo di cfo) va il merito di aver presentato la società proprio a fondi e affini che vi hanno pompato tanti soldi, anche se nell’ambiente – racconta Bloomberg – c’è sempre stato un po’ di scetticismo sulla sua esperienza e sulla sua adeguatezza ad affrontare la prova più grande per un direttore finanziario: lo sbarco in Borsa.

Ma quel che è accaduto ai piani alti della società inizia ad essere materiale per una serie televisiva: da febbraio circa una dozzina di top manager hanno lasciato il gruppo e Gupta non è che l’ultima spina di una lunga sequela che ormai sta graffiando l’immagine del gigante americano dei guidatori fai-da-te. E’ ancora fresca la notizia del licenziamento di Anthony Levandowski, uno dei top manager del progetto per lo sviluppo di vetture senza conducente, nel tentativo di gettare acqua sul fuoco nella causa con Alphabet, la holding a cui fa capo Google, che accusa l’ingegnere di avere sottratto segreti industriali.

Come ricordava soltanto ieri il Wall Street Journal, Levandowski in passato lavorava per Google, nella divisione per lo sviluppo di vetture autonome, Waymo, scorporata da Alphabet a dicembre 2016. Avrebbe usato la sua buonuscita per fondare una startup, Otto, rilevata da Uber nove mesi fa per 680 milioni di dollari. Ma Uber ha fatto sapere di avere licenziato Levandowski perché non ha rispettato le scadenze fissate dal tribunale per la consegna di documenti collegati alla causa, che vede appunto Uber e Levandowski accusati di avere rubato segreti industriali. Uber, che ha dichiarato la propria estraneità ai fatti, sta cercando di prendere le distanze dal manager.

E se si riavvolge ancora un po’ il nastro della storia recente della startup californiana, si trovano altri casi di pezzi da novanta in fuga. Il presidente Jeff Jones, ex capo del marketing di Target, dopo solo sei mesi in Uber ha lasciato il posto con polemica per “valori incompatibili” con i suoi. Pochi mesi fa era stato il Financial Times a raccontare di un esodo senza precedenti da Uber: dipendenti e manager starebbero – in misura sempre maggiore – rinunciando ai benefit comprese le stock options – per cercare altri posti di lavoro nell’area di San Francisco. Lo stesso ceo Travis Kalanick ha passato un brutto momento, nel quale è stato molto vicino all’uscita, dopo la disputa (filmata e rilanciata sui social network) mentre discute animatamente con un suo “Uber autista”, arrabbiato per i pochi proventi girati dalla società.

Oltre al problema del personale, Uber ha dovuto una serie di crisi di immagine: l’hashtag #deleteuber è andato fortissimo su Twitter recentemente, quando gli utenti hanno rimosso l’app protestando per il legame della società con il presidente Trump. Kalanick in quell’occasione ha dovuto lasciare il gruppo di consiglieri agli affari economici di Trump.

13 thoughts on “Uber, crescono i ricavi ma resta in rosso: salta anche il direttore finanziario

  1. Numeri del lotto as usual. Se fosse vero che aumenti il fatturato del 18% e continui a perdere 700 e passa mil$ in un trimestre i casi sono 2.
    O il fatturato REALE dichiarato è MOOOLTO inferiore ai 3.4 mld& dichiarati oppure il business semplicemente non c’è.
    La realtà è che gli innominabili si sono introdotti come la banda bassotti in un business “povero”.
    Poi da bravi incantatori di serpenti bocconiani con una miserabile App che gli sarà costata sì e no 300 dollari sono andati a cercare “investitori” raccontando di aver trovato la gallina dalle uova d’oro.
    Con un faccia tosta da premio nobel raccontando balle su balle sempre più surreali (auto a guida autonoma, taxi volanti, e via discorrendo) incredibilmente sono riusciti a trovare parecchi geni della finanza (sempre quelli dei mutui sub-prime) che gli hanno creduto (per un pò).
    Dicono che il tempo è galantuomo.
    Come era prevedibile forse stiamo arrivando alla resa dei conti.
    I geni della finanza hanno ormai capito con chi hanno a che fare.
    Una banda di cazzari, farabutti, arroganti, avidi, e comunque INCAPACI di far quadrare i conti.
    Ci mancava solo Trump che ha deciso di “rompere” col resto del mondo con “America first” e voglio proprio vedere che fine farà in Europa l’avventura degli innominabili con la Merkel con la Luger colpo in canna che ha già saldamente avviato l’alter ego degli innominabili (Myt…)……
    Peccato che al timone del Titanic Italia ci siano i PD e i suoi sgherri cominciando dai Bersani, per finire con i degni eredi Lanzillotta, Catricalà, Pitruzzella, Calenda, Codacons-Rienzi, vari ed eventuali.
    Se non fosse per la banda bassotti di politicanza domestica potremmo dormire sonni tranquilli invece siamo qui con il cuore in gola e l’orchite cronica da anni.
    Alegher!

  2. Esatto alberto…qui predicano lo sciopero e sono in 10 a scriverlo e pur avendo ragione io ripeto che quello va fatto arrivati alla resa dei conti,che al momento è ancora distante.Ripeto muovere le acque adesso rischia di affondarci….loro sono in perdita costante…quanto potranno resistere ancora?..x quanto gli investitori rimasti vorranno investire in perdita?…molti non capiscono che ora sarebbe deleterio lo sciopero e mi spiace che anche tu Marco sia di questo avviso senza sapere cosa hanno in mente di preciso… che facciamo,spariamo x primi e poi vediamo che succede?..non funziona più cosi…ci vuole una guida affiancata da qualcuno valido e con le idee chiare in testa.

  3. Baccala quale sarebbe la strategia stare zitti e continuare a prenderlo in quel posto ???
    Mi dispiace ma alla maggioranza di colleghi non va bene

  4. Loro sono in perdita ma gli NCC no, usano rU… per coprire i tempi morti, e nel fratempo si procacciano nuovi clienti (i nostri).vedi la sera. Si propongono come rU…ini anche se non li chiamano con app.
    Io mi sono rotto….

  5. BACCALA LEGGITI ART. 180 COMMA B..TERZO SETTORE..QUEL TIPO DI AUTISTA CHE USA APP COME Hee…. SENZA REQUISITI E LE PERDITE LE CONTIAMO NOI , POI!!!!! IL VERO OBBIETTIVO DEL GOVERNO E’QUELLO…!!!

  6. RU… E’SOLO IL CAVALLO DI TROIA PER DISTRARCI (si fa per dire) DA QUELLO CHE E’GIA PASSATO IN SENATO CON LA FIDUCIA…ART 180 COMMA B..Lanzillotta

  7. ….E POI SAPETE COSA PENSO DELLE PERDITE ECONOMICHE DI RIBER??CHE LA BESTIA FINGE DI ESSERE FERITA E PERDENTE…PER DARE AL NEMICO LA SENSAZIONE DI VITTORIA…MA RU… I SOLDINI LI FA SPARIRE,INFATTI NON SI QUOTA IN BORSA ALTRIMENTI DEVE PUBBLICARE IN MODO TRASPARENTE I BILANCI.!!

  8. Mi spiace ma non bisogna essere troppo ottimisti è necessario stare in guardia non abbiamo neanche iniziato e nulla è risolto anzi!

  9. Non credo che u..r sia in perdita,è uno stratagemma per non pagare tasse e illuderci .
    Con perdite così nessun investitore starebbe a guardare.

Comments are closed.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Disabilita il blocco della pubblicità per sostenere Taxistory

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock