TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

L’Unione Nazionale Consumatori si schiera dalla parte ncc

“(Unione Nazionale Consumatori) – giusto, decreto da buttare”

 agi.it Le associazioni degli Ncc bocciano il decreto anti-abusi e, al termine del tavolo al ministero dei Trasporti, definiscono “irricevibile” la proposta del Governo.  “Giuste le ragioni degli NCC. La bozza del decreto del Governo sul trasporto pubblico non di linea è da buttare. Prevedere che le prenotazioni per il servizio di noleggio con conducente, anche se effettuate con modalità telematiche, debbano avvenire presso la sede del titolare dell’autorizzazione, significa non capire che anche in Italia sono arrivati i cellulari ed i telefoni a rotella non ci sono più” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Per non parlare del divieto di intermediazione tra passeggero e conducente, anche tramite piattaforme informatiche, quando il contratto di trasporto è oneroso, oppure della norma secondo la quale i titolari delle piattaforme tecnologiche di intermediazione tra passeggeri e tassisti o Ncc devono avere sede legale nell’ambito dell’Unione europea. Una misura protezionistica d’altri tempi” conclude Dona.

29 thoughts on “L’Unione Nazionale Consumatori si schiera dalla parte ncc

  1. Giuro solennemente che non mi affidero’ mai e poi mai a una associazione che ci osteggia e non ci considera in nessun modo consumatori a nostra volta anzi, che ci tratta come fossimo rifiuto della societa’, andassero a ramengo loro, con la fuffa che li sostiene!

  2. Sono dei frustrati non risolvono mai niente come associazione con tutte le truffe che subiamo

  3. Caro Dona ma lei è proprio sicuro che con la morte del servizio pubblico le cose miglioreranno per i consumatori? Secondo lei io dopo un ora di attesa al parcheggio se un cliente mi chiede di andare da stazione di Cadorna all hotel in via Cusani ce lo porto?forse si però la tariffa è a mia discrezione! Questo lo spiegate ai vostri associati?

  4. E’ chiara l’ombra della multinazionale che si allunga come un cancro che alimenta la parte marcia dell’organismo e si sta per mangiare quella buona. Il giorno in cui la Magistratura dovesse fare luce sulla vicenda ballerebbero le manette come ai bei tempi di Mani Pulite. Ormai siamo in mano alla peggiore schifezza immonda che la seconda Repubblica mai potesse vomitare: la corruzione dilaga a tutti i livelli e il marcio straborda dai corpi putrefatti delle creature immonde che lei stessa ha creato e mantiene. Cari colleghi la fine è vicina, vendete finché siete in tempo.

  5. Caro gige dovevi vendere in tempi non sospetti …. ora devi solo aspettare …!!
    Forse stiamo perdendo la battaglia burocratica , ma la vera battaglia si svolge sul campo !!! Quindi migliorandoci per quanto è possibile in ognuno di noi (auto pulita-accettare pos e professionalità) .
    Loro trovano nuovi clienti sulle nostre carenze e difetti , lavorando male facciamo il loro gioco !!!

    FORZA E BUON LAVORO .

  6. Queste associazioni inutili per la difesa del consumatore, si accodano all’ultimo trenino lungo lungo dei prezzolati.
    Cosa si deve fare per campa’!!!

  7. Bene, posso essere anche d’accordo su quello che dice il Dona, ma a patto che dimezzino il numero delle autorizzazioni… portatele a 40000 e poi se ne puòparlarep

  8. Il DONA e’furbo..sapete che c’e”??lui con un provvedimento del genere sapete quanti truffati potra difendere???E gia’oggi esistono regole ma…domani nel marasma totale???BRAVO..BRAVO DONA..HAI STUDIATO ALLA BO….NI PER CASO!??SEI UN POVERETTO!!

  9. Non ho parole…….questi signori quando hanno comprato una licenza di NCC sapevano da principio che avevano dei limiti operativi .
    Se volevano fare i tassisti comperavano una licenza di Taxi con relativi costi !!!
    Oltre a questo le si dà dei nuovi spiragli di operatività con l’ausilio delle piattoforme tecnologiche e pure si lamentano ????
    Per quel che riguarda questo Dona…..vorrei che la magistratura indagasse se ha qualche c/c off shore chissà dove con tanti zeri…….come altri personaggi che non hanno capito che la regolamentazione del servizio è proprio una tutela dei consumatori, con tariffe ben regolamentate !!
    Altrimenti io e tanti altri colleghi per corsette da 6 /7 euro non spostiamo neanche la macchina a meno chè le tariffe non le facciamo noi senza tassametro come fanno gli NCC !!
    E comunque rispondo a GIGE che NON si vende un bel niente !!!!!!!!!!!

  10. Non venderemo niente anche se dovessimo perdere questa battaglia la legge la faremo noi su strada anche se mi arrestano tanto non vale più niente la licenza perciò quando verrà ncc fuori comune a caricare in hotel i cliente non carica punto. S
    ################

    Nota di Marco: ti pare che possiamo approvati un post come questo? Ho dovuta cancellarne la metà, perché devo perdere tempo? Il prossimo commento delirante finisce direttamente nel cestino.

  11. Dai ragazzi e una persona che va capita,aiutata,considerata…io voglio aiutarlo nella sua causa persa. .spero di incontrarlo per fargli capire un po’ di cose………

  12. Ragazzi, non abbiamo perso niente, ognuna delle parti in causa dice la sua e, come dice anonimo, faremo leva sulla sacrosanta regola del settore ncc, gia’ in vigore al momento dell’inizio attivita’…non ti stanno bene le regole degli ncc, allora comprati una licenza e fai il tassista, altrimenti fai il tuo lavoro con le sue regole e non insistere, solo perche’ giova a rU… e simili con cui tu, ncc, puoi eventualmente lavorare…le differenze devono rimanere.
    Per il terzo settore: e se diventassimo tutti terzo settore, chi pagherebbe piu’ le tasse allo Stato, vogliono questo? Tutti occasionali, con monte ore fisso e senza obblighi di nessun tipo?

  13. Signori colleghi siete un po’ fuori strada…questi non sono altro che i complici venduti del grande TRUFFATORE …in ogni truffa che si rispetti c’è sempre il DELINQUENTE appoggiato dai suoi complici

  14. Io mi focalizzerei sul fatto che ciò che è stato presentato non si discosta di molto dalla 21/92 è successivi aggiornamenti. Non è che per caso sia una legge ben fatta e concordata tra le stesse parti di oggi ma senza uno speculatore sanguisuga!? Il terzo settore non lo vuole nessuno degli operatori del tpl

  15. L’America vieta i prodotti italiani e noi stendiamo il tappeto rosso è la prova che sono corrotti

  16. Il 5 aprile era previsto che il ddl concorrenza arrivasse in aula blindato , si prevedevano soltanto le correzioni al testo iniziale come concordato con le associazioni tassisti. Era l’inizio dell’iter legislativo, poi sarebbe andato alla Camera e quindi tornare al Senato per ultima approvazione.

    Il ddl concorrenza non incide solo sui tassisti ma su innumerevoli categorie, farmacisti, settore energetico, assicurazioni, professioni, servizi bancari, poste etc.
    etc.

    Ora pare che la seduta del 5 aprile salti perchè altre categorie oltre a quella dei tassisti stanno facendo resistenza.

    Considerando che l’iter legislativo è comunque tortuoso e affatto veloce non metterei la mano sul fuoco sulla sua definitiva approvazione.

    In parole povere non mi stupirebbe se si rimanderà alla prossima legislatura.

    http://www.rifday.it/2017/03/31/ddl-concorrenza-ancora-nodi-sciogliere-la-via-crucis-continua/

    e qui si parla delle modifiche volute dai tassisti al testo del ddl

    http://www.rifday.it/2017/03/27/ddl-concorrenza-governo-deciso-chiudere-si-va-verso-voto-fiducia/

  17. C’è una nuova dichiarazioni di gentiloni sul ddl concorrenza riguardante anche il nostro settore

  18. L’america patria del liberismo sfrenato sta facendo marcia indietro…Dona si informi…che le liberalizzazioni sfrenate hanno impoverito generazioni…QUINDI OKKIO COLLEGHI ….. IL VERO PERICOLO E’IL “TERZO SETTORE”!!!E’LI..E’SOLO LI CHE SI GIOCA LA PARTITA!!!

  19. Gentiloni vuole il ddl concorrenza senza modifiche perché non siamo credibili per la flessibilità visto che dovranno fare la manovra correttiva l ennesima è il bello che parla di fare una legge sulle liberalizzazioni ad Hoc questo è folle prego a che si avveri qualche Max operazione della magistratura perché siamo fregati il ministro padoan è peggio di monti è lui è per le liberalizzazioni soft. Dobbiamo essere vigili perché se entra senza modifiche c’è il terzo settore

  20. Questo neo neoliberista vaneggia sapendo di vaneggiare, questo è sicuro.
    Altra cosa è però illudersi che quattro schiamazzi in quel di Roma possano aver interrotto la volontà della politica di entrare a gamba tesa una volta per tutte nel settore taxi.
    Non prendiamoci in giro chiudendo occhi e orecchie e sperando che tutto resti immutato.
    Non sarà più così…

  21. Si va be questo vive nel mondo delle favole se non si vende più la licenza allora finiranno tutte le compravendite perché tutte le autorizzazioni passano dal comune dal ristorante al ambulante alla farmacia perciò questo vive in un mondo tutto suo

  22. L’A.T.M. sa quand’è il momento di farsi sentire…..mentre i taxi dormono

  23. E’ vero che bisogna stare molto attenti ai colpi bassi da parte del governbo senza però perdere di vista la realtà:
    – che il ddl concorrenza comprende molteplici categorie e non solo i tassisti i quali non credo che si faranno impoverire senza reagire

    – che per il governo questo non è un buon momento e che regge su equilibri precari… che tra un paio di mesi ci saranno le elezioni amministrative e che ci saranno le primarie del PD, quindi non credo che abbiano intenzione di smuovere troppo le acque e creare casini
    inoltre si parla di voto anticipato a novembre e se anche non fosse così a settembre si chiudono i giochi e si entra nella normale amministrazione quindi il tempo per l’approvazione del ddl concorrenza è veramente ristretto

    – che come ha scritto qualcuno non credo che il ministero dell’economia e i comuni accettino volentieri di perdere i proventi delle compravendite che sono assai remunerativi per loro

    – il vice-ministro del MIT ha sottoscritto dei patti con le organizzazioni dei tassisti e non credo che li possano buttare nel gabinetto

    – ho il dubbio poi che ci sia qualcuno a cui faccia interesse spaventare i tassisti affinchè le licenze perdano valore per poi compoerarle per quattro lire … quindi si faccia attenzione chi drammatizza troppo

    Io cerco di mantenere la lucidità facendo attenzione a tutto quello che si sta muovendo

  24. Sono quelli che acquisterebbero SOLO a prezzo di supersaldo basterebbe leggere le bacheche con le richieste di acquisto, per MIlano sperano di avere una licenza a 90 mila euro.

    Teniamo le bocce ferme e non facciamoci prendere dal panico, intanto il ddl concorrenza non riesce a proseguire il suo iter e certo non per i tassisti ma anche per altre categorie che sono coinvolte nel decreto.

    Il governo ha vita breve … bisogna tenere duro e non disperare.

    http://www.rifday.it/2017/04/03/concorrenza-relatori-sullimpasse-neppure-sappiamo-cosa-succedera/

    http://www.staffettaonline.com/articolo.aspx?ID=272060

  25. Ma le associazioni dei consumatori vorrebbero i loro iscritti schiavi di un algoritmo??? Qualcuno può spiegargli che stanno dalla parte sbagliata!!! Esistono migliaia di contenziosi in giro per il mondo per cui corse di pochi chilometri sono state pagate centinaia di euro/dollari. Tanti trombati si sono infatti rivolti alle associazioni per farsi difendere. Un momento scusate… piu trombati = più iscritti ??? Ah vuoi vedere che mi sono risposto da solo?

  26. Bravo…96!! ;))
    Mi sa che è proprio così, c’è trippa per tutti? e se mi costruisco un battaglione di trombati ci guadagno pure io?!

    Tanto i tassisti non sono consumatori, sono solo dei puzzoni!

Comments are closed.