TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Ddl Concorrenza, Ministro Calenda: liberalizzazioni fondamentali per la crescita

LogoMise mise -“Sono molto lieto dell’ approvazione in Commissione Industria al Senato del ddl concorrenza. Ringrazio per il loro importante contributo i relatori, Luigi Marino e Salvatore Tomaselli, e il presidente Massimo Mucchetti, oltre naturalmente al sottosegretario Antonio Gentile”. Lo afferma il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda aggiungendo: “la discussione in commissione è stata lunga e approfondita, e proprio per questo mi aspetto che alla ripresa a settembre l’esame in Aula sia rapido. Le prospettive di crescita del paese sono legate all’efficace attuazione delle riforme del Governo, tra le quali le liberalizzazioni sono senz’altro uno degli aspetti più qualificanti.

L’approvazione in tempo utile di questo provvedimento è anche funzionale alla presentazione della nuova legge annuale, su cui lavoreremo nei prossimi mesi“.

2 thoughts on “Ddl Concorrenza, Ministro Calenda: liberalizzazioni fondamentali per la crescita

  1. Qui c’è in ballo la vita dei tassisti italiani e delle loro famiglie!! Carlo o Enrico questo non è il libro CUORE!!! Al posto di ringraziare tutto e tutti scendi dalla Ferrari e fatti una passeggiata tra la gente.

  2. Niente da fare, sono fissati. Sono malati. Per mascherare la loro incapacità ripetono ossessivamente il solito Mantra. Non gli basta aver distrutto il piccolo commercio proprio grazie alle liberalizzazioni, non gli basta ascoltare i pareri di importanti economisti che, dati alla mano, dimostrano il fallimento della politica ultraliberista. Niente da fare, il microchip che gli hanno impiantato nel cervello, pardòn, in quel poco midollo spinale che possiedono, sufficiente appena per permettergli di svolgere le funzioni vitali essenziali, continua a ripetere “Liberalizzazioni, liberalizzazioni…” Hanno distrutto l’economia di una Nazione, hanno emanato decreti ammazza lavoratori, dipendenti ed autonomi, decreti salva squadre di calcio, da anni si aumentano autonomamente stipendi e privilegi a scapito della gente normale della quale non gliene importa nulla, ma nonostante ciò hanno la prosopopea, per non dire che hanno la faccia come il deretano, di dire che conoscono la ricetta per la crescita del paese! Da internarli!

Comments are closed.