TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Uber Francia, multa di 800.000 euro per concorrenza sleale

coty euronews – La società Uber Francia condannata a una multa di 800.000 euro, di cui la metà sospesa, per “concorrenza sleale”. Due dirigenti, Pierre-Dimitri Gore-Coty e Thibaud Simphal, (nella foto, ndr) dovranno pagare rispettivamente 30.000 e 20.000 euro, ma non è stato vietato loro di gestire per cinque anni imprese in Francia, secondo mercato europeo per Uber, come chiesto dall’accusa. Il tribunale penale di Parigi ha giudicato la società colpevole di “organizzazione illegale di un sistema che mette in relazione clienti con autisti non professionisti” attraverso UberPop, applicazione interrotta dall’impresa statunitense. Uber ha annunciato il ricorso immediato.

Trentotto parti civili, tassisti e organizzazioni di categoria, chiedevano 114 milioni di euro per i danni materiali e oltre 5 milioni per quelli morali. La Corte ha riconosciuto soltanto questi ultimi non potendo provare le perdite subite dai tassisti a causa di Uberpop. L’applicazione che permette a chiunque abbia patente e auto di trasformarsi in autista è illegale anche in Italia e in Spagna.

5 thoughts on “Uber Francia, multa di 800.000 euro per concorrenza sleale

  1. 400.000 euro di tassa e vanno avanti a rubare. Ma quanti politici, giudici e intrallazzatori vari stanno corrompendo questi untori?

  2. La sanzione per U*** rappresenta una voce di costo da inserire in bilancio. Non si configura come una punizione a scopo di deterrente. Semplicemente una spesa imprevista durante l’esercizio. Il provvedimento sanzionatorio non fa alcun effetto, quindi si rileva inefficace. Bisogna mettere le ‘ganasce’ e sospendere il servizio che crea precariato e genera un costo futuro alla società che dovrà aiutare tutti coloro che non avranno una pensione a causa di un lavoro senza tutele di tipo previdenziale.

  3. È un mondo strano… In Italia è illegale, in Francia e Spagna anche, in Germania pure, solo perché viola le leggi di questi 4 stati cerdini delll’ UE dovrebbero capire che è un modello da lasciare oltre oceano e oltremanica. Certo la piccola Olanda e l’inutile Belgio hanno i loro ritorni economici ma non molleremo MAI !

  4. 800000 EURO DI MULTA PER U…(x U… POP IN FRANCIA) GLI FANNO IL SOLLETICO,SONO COME SE UN TASSISTA PERDESSE PER STRADA 5 EURO.
    PIU’O MENO LA PROPORZIONE E’QUESTA!
    SPERIAMO PIU’CHE ALTRO,CHE AL DI LA’DELLA MULTA,SI SIA MESSA UNA PIETRA TOMBALE SUL SERVIZIO “POP”.
    SE GERMANIA,FRANCIA,ITALIA,SPAGNA TERRANNO BOTTA A LIVELLO DEI RISPETTIVI TRIBUNALI E GOVERNI,PROBABILMENTE PASSERA’SOLO LA VERSIONE PER NCC (U… BLACK) MA NON QUELLA POP.
    PER FARE I TASSISTI ED I NOLEGGIATORI SERVONO LICENZE E AUTORIZZAZIONI PROFESSIONALI!
    A PROPOSITO DI QUANTO SCRITTO SU ALCUNI GIORNALI LA SETTIMANA SCORSA SU PRESUNTE APERTURE DELLA COMMISSIONE EUROPEA,il SINDACATO TAM HA SMENTITO SU FB QUESTE PRESUNTE VOCI SCRITTE DAI GIORNALI RITENENDOLE ATTUALMENTE INFONDATE.
    IL TAM ADERISCE AD IRU.
    SPERIAMO E CERCHIAMO DI ESSERE UN PO’TUTTI PIU’ OTTIMISTI!
    DA QUANTO HO LETTO IRU SEMBREREBBE UN SINDACATO INTERNAZIONALE CON UN CERTO PESO CHE TUTELA I DIRITTI DEI TASSISTI E NCC REGOLARI….FRANCAMENTE NON LO CONOSCO E NON SO BENE IN COSA CONSISTA….MARCO E COLLEGHI NE SAPERTE QUALCOSA DI PIU’?

Comments are closed.