TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Whichapp, la risposta italiana a Whatsapp

whichappYahoo Notizie – Negli ultimi anni WhatsApp è stata consacrata da uno straordinario riscontro nel pubblico (oltre 600 milioni di utenti attivi al mese), e poi dall’acquisto record da parte di Facebook, per 19 miliardi di dollari, come l’app di messaggistica per eccellenza.
Un successo che non poteva che scatenare una corsa alla competizione, che ora vede in ballo anche un progetto tutto italiano. Parliamo di WhichApp, un’app che già nel nome rimanda direttamente alla rivale statunitense, e che presenta grosso modo le stesse caratteristiche di WhatsApp, affiancando ad esse alcune funzioni aggiuntive interessanti.
WhichApp tuttela infatti la privacy degli utenti, permettendo l’invio di messaggi di testo, audio, immagini, video, senza mostrare né lo status “online”, né le coordinate temporali dell’ultimo accesso. Come il “vecchio” WhatsApp questa applicazione notifica l’avvenuto invio del messaggio, ma non la sua apertura (come fa, invece, la fatidica doppia spunta blu), e come ora anche WhatsApp, WhichApp è completamente crittografata.

Vi è inoltre una specifica modalità, chiamata “Ghost”, che trasforma questa applicazione in qualcosa di molto vicino a Snapchat, l’app – molto diffusa tra i più giovani – che cancella in automatico sopo la lettura i contenuti inviati. Con WhichApp, inoltre, è possibile andare oltre la propria rubrica, cercando, con una funzione “Search” integrata, nuovi utenti con cui chattare, e la privacy del numero di telefono è tutelata assegnando un codice che può essere condiviso al posto del numero.
Ma la caratteristica davvero innovativa di WhichApp è il traduttore intelligente. L’app è infatti dotata di un traduttore che all’invio del messaggio lo traduce nella lingua di chi dovrà riceverlo, con già molte lingue supportate, come italiano, cinese, inglese, francese, tedesco, russo, arabo, spagnolo, portoghese e giapponese. Insomma, questa nuova app permetterà di dialogare facilmente anche con coloro che non parlano la nostra stessa lingua.
Come dicevamo, WhichApp nasce in Italia, e va sottolineato, che a realizzarla è stato un team di 30enni. La chat è del tutto gratuita, e conta già un buon numero di utenti, circa 30mila, il 91% dei quali italiani, mentre il 9% lo raccoglie tra Stati Uniti, Inghilterra, Russia, Germania Francia, Spagna e Cina. WhichApp è stata rilasciata su Apple Store nel 2014 ed è disponibile anche su Google Play.