TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Corte Ue: le corsie preferenziali possono essere utilizzate dai taxi, non dal noleggio con conducente

corte_UEilsole24ore.com L’autorizzazione all’utilizzo delle corsie preferenziali per gli autobus concessa unicamente ai taxi e non ai veicoli a noleggio con conducente è compatibile con il diritto Ue. Nessuna violazione delle regole sugli aiuti di Stato da parte di un sistema nazionale che ammette, all’utilizzo di corsie riservate, i soli taxi, dotati di una licenza rilasciata dalle autorità nazionali. Lo ha chiarito la Corte di giustizia dell’Unione europea nella sentenza depositata ieri (causa C-518/13), a seguito di un rinvio pregiudiziale presentato dalla Corte di appello inglese (sezione civile).

Al centro della vicenda, una controversia tra una società che gestisce veicoli a noleggio con conducente e il Parking Adjudicator. Secondo la società privata, il sistema che consente di attribuire unicamente ai taxi il diritto di transito sulle corsie preferenziali degli autobus anche in orari in cui la circolazione non è possibile danneggerebbe i veicoli a noleggio con conducente. 

Una posizione che non convince la Corte Ue. Prima di tutto, secondo i giudici europei, i taxi non si trovano nella stessa situazione di fatto e di diritto rispetto ai veicoli a noleggio con conducente, con la conseguenza che le due realtà non sono comparabili. Questo perché i taxi sono obbligati alla presa a bordo, sono riconoscibili, devono trasportare anche persone che utilizzano la sedia a rotelle, devono usare il tassametro e avere una conoscenza approfondita di Londra, tanto più che i tassisti sono sottoposti a un esame preliminare per ottenere la licenza. Obblighi che non gravano, nella stessa misura, sui veicoli a noleggio con conducente. Di conseguenza, trattandosi di due situazioni diverse, non comparabili, la Corte esclude che la politica delle corsie preferenziali attribuisca un vantaggio economico selettivo ai taxi inglesi, negando che si configuri una discriminazione.

Non solo. Per la Corte, questo sistema non comporta un impegno di risorse statali e le stesse autorità nazionali possono in questo modo raggiungere l’obiettivo di favorire l’efficienza del sistema di trasporto londinese. Accordare ad alcuni utenti l’utilizzo di un’infrastruttura pubblica – scrive la Corte – con una rinuncia a uno sfruttamento in termini monetari, «non conferisce necessariamente un vantaggio economico», anche se questa circostanza deve essere accertata dai giudici interni.

Riguardo al possibile contrasto con le regole Ue sulla concorrenza e sui possibili effetti negativi sul commercio tra Stati membri, la Corte passa la questione ai giudici inglesi. Questi ultimi dovranno valutare se il regime preferenziale attribuito ai taxi incida sugli scambi e falsi la concorrenza, rafforzando la posizione di un’impresa. Un esame – precisa la Corte – che va fatto tenendo conto dell’eventuale diminuzione delle possibilità per le imprese con sede in altri Stati membri di penetrare nel mercato inglese.

6 thoughts on “Corte Ue: le corsie preferenziali possono essere utilizzate dai taxi, non dal noleggio con conducente

  1. Credo ci siano problemi ben più seri (almeno in Italia) che vietare le corsie riservate, ai noleggi con conducente. Siamo letteralmente invasi da abusivi di ogni tipo, nostrani e d’ oltre oceano, che minano le fondamenta delle attività legali e regolamentate. Decidono di distrarre le persone con argomenti futili e nulla fanno laddove occorrerebbe energia e rigore

  2. Pienamente d’accordo con Leonardo…..il problema principale è l’abusivismo illegale e quello che anche se non è legale continua ad andare avanti, ovviamente mi riferisco ad U… dove ancora non le sono bastate le legnate prese dal punto di vista giuridico in Belgio , Germania , Spagna ,Cina, Corea , Indonesia,eccc…ecccc

  3. Hai ragione Leo quando dici : “Decidono di distrarre le persone con argomenti futili e nulla fanno laddove occorrerebbe energia e rigore”, però non so se sia così di secondo ordine.
    Mi spiego prova solo ad immaginare, nel momento di maggior traffico che ne so quando c’è il Salone del Mobile a Milano, gli NCC che non potendo utilizzare le corsie preferenziali sono accodate al traffico di via Senato rimanendo imbottigliati e via così perdendo un po’ di competitività a vantaggio della nostra categoria e credo che possa tornare utile anche nella battaglia contro rU…. Sul merito della sentenza non entro, ma il principio per me è importante. Solo coloro che sono Servizio Pubblico (complementare nel nostro caso) sono titolati ad utilizzare le corsie preferenziali dedicate ai mezzi pubblici. Un abbraccio

  4. La sentenza UE (che va presa come “consiglio” in quanto non vincolante per i governi quando si riferisce al trasporto pubblico) non si può adattare alla legislatura italiana in quanto gli ncc sono inquadrati nella stessa legge dei taxi.

  5. Ma se nelle corsie facciamo andare moto e motorini. Unici in Europa secondo un’indagine di Quattroruote di qualche anno fa.

Comments are closed.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Disabilita il blocco della pubblicità per sostenere Taxistory

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock