TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Taxisti genovesi in rivolta contro Uber

protesta_taxi_genova_2012genovatoday.it Taxisti genovesi in rivolta contro Uber, la nuova app pronta a sbarcare in Italia che mette a disposizione degli utenti dei mezzi di trasporto. Si chiama Uber e per chi ancora non lo sapesse è una nuova app che mette a disposizione degli utenti un servizio di trasporto persone in tutto il mondo. Una app già sbarcata (e utilizzata) a Roma e Milano, pronta ad arrivare anche a Genova.

Un mix tra “Bla bla car” e il normale servizio taxi e la cosa ovviamente non poteva piacere ai tassisti che da ieri sono in rivolta. Oggi infatti i tassisti hanno chiesto e ottenuto un incontro in Prefettura.

Secondo alcune indiscrezioni ieri nel capoluogo ligure si sarebbe tenuta una convention per presentare il servizio e questo ha preoccupato i tassisti genovesi. Gli operatori delle auto pubbliche, quindi, avrebbero esposto al Vice Prefetto Reggente, Paolo D’Attilio, le proprie ragioni chiedendo di vigilare su un fenomeno che, secondo un volantino messo a punto dalle associazioni, avrebbe anche termini di illegalità (concorrenza sleale secondo chi protesta).

Al termine della riunione i rappresentanti dei tassisti hanno preferito non rilasciare dichiarazioni annunciando che la loro posizione sarà resa nota nelle prossime ore con un comunicato stampa.


(l’immagine si riferisce alla protesta del 2012)

3 thoughts on “Taxisti genovesi in rivolta contro Uber

  1. e bravo U… visto che stai sbarcando anche a GENOVA potresti a questo punto fare il servizio SCAFISTA per il trasporto clandestini (tanto delinquere per delinquere)

  2. Adesso hanno rotto le scatole!!!!!!!!!!!!!! Siamo stufi di vederci soffiare il (pochissimo) lavoro da dei delinquenti appoggiati dai politici e dai giornalisti!!!!!!!!!!!!!!! Attenzione! La brava gente quando si arrabbia si scorda di essere brava gente e reagisce molto male!!!!!!!!!!

Comments are closed.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Disabilita il blocco della pubblicità per sostenere Taxistory