TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Francia, nuove leggi regolano gli autonoleggi (vtc)

JORF n°0065 del 18 marzo 2014 pagina 5400 testo n° 1 – LEGGE n° 2014-344 del 17 marzo 2014 relativa al consumo (1) – NOR: EFIX1307316L (Voiturede Courisme avec Chauffeur: NCC)

leggi_francesi_anti-ruberL’Assemblea nazionale e il Senato hanno adottato, vista la decisione del Consiglio costituzionale n.° 2014-690 DC in data 13 marzo 2014, Il Presidente della Repubblica promulga la legge che segue: Omissis
Capitolo VI : Disposizioni diverse
• Sezione 1: Regolamentazione del noleggio con conducente e dei veicoli a motore a due o tre ruote.
Articolo 134 – Il codice del turismo è modificato come segue :
1° Il secondo comma dell’articolo L. 231-2 è completato dalle parole : ” ed esse dichiarano sullo stesso registro le vetture che utilizzano” ;
2° L’articolo L. 231-3 recita così :
“Art . L. 231-3 . – Le autovetture NCC non possono essere noleggiate sul posto.
“Esse non possono caricare un cliente a meno che il loro autista sia in grado di dimostrare una prenotazione preventiva (precedente).
“Esse non possono né stazionare né circolare sulla pubblica via in cerca di clienti.
“Esse non possono stazionare nelle vicinanze delle stazioni ferroviarie e degli aeroporti , in conformità con le norme del Codice della Strada o dei regolamenti emessi dall’ autorità competente , a meno che l’autista possa dimostrare la prenotazione preventiva di cui al secondo comma .
“Sotto la stessa condizione di preventiva prenotazione di cui al secondo comma , esse non possono stazionare nelle vicinanze delle stazioni ferroviarie e degli aeroporti o , se del caso , entro il perimetro delle stesse oltre ad un periodo di tempo che precede il carico dei loro clienti . La durata di questo periodo di stazionamento è fissata per decreto. ” ;
3°L’articolo L. 231-4 recita così :
“Art . L. 231-4 . – L’esercizio dell’attività di NCC è subordinata al rilascio di un “permesso professionale” da parte dell’autorità amministrativa . ” ;(Ndr: CAP)
4° Il capitolo unico del titolo III del libro II è completato dagli articoli L. 231-5 al L. 231-7 come segue:
“Art . L. 231-5 . – In caso di violazione da parte di un conducente di un veicolo NCC della normativa applicabile alla professione , l’autorità amministrativa può emettere un avvertimento o procedere a ritirare, temporaneamente o definitivamente , il suddetto “permesso professionale”. (Ndr: CAP)
“Art . L. 231-6 . – I. – Il fatto di contravvenire all’articolo L. 231-3 è punito con un anno di reclusione e una multa di € 15.000.
” II . – Le persone fisiche riconosciute colpevoli dell’infrazione prevista al I° comma (questo sopra) incorrono inoltre nelle seguenti ulteriori sanzioni :
” 1° La sospensione , per un periodo da cinque anni in su , della patente di guida;
” 2° Il fermo, per un periodo da un anno in su , del veicolo utilizzato per commettere l’infrazione;
” 3° La confisca del veicolo utilizzato per commettere l’infrazione.
” III . – Le persone giuridiche dichiarate responsabili penalmente , ai sensi dell’articolo 121-2 del codice penale , dell’infrazione prevista al comma I° del presente articolo incorrono , oltre che nella multa, secondo le modalità previste dall’articolo 131-38 dello stesso codice, nelle pene previste ai commi 8 e 9 dell’articolo 131-39 del citato codice.
“Art . L. 231-7 . – Le condizioni di applicazione del presente capitolo sono fissate per decreto del Consiglio di Stato ” ;
5 ° Alla fine dell’ultimo comma dell’articolo L. 242-1 , il riferimento “L. 231-4 ” è sostituito dal riferimento “L. 231-7 “.
Articolo 135
Il codice di trasporto è modificato come segue :
1° L’articolo L. 3121-11 è completato dalle due frasi che seguono:
” Muniti di una prenotazione preventiva , non possono stazionare nelle vicinanze delle stazioni e degli aeroportio , se del caso , entro i confini di questi, quando non si trovino nel loro comune di appartenenza (Ndr: il comune che ha rilasciato l’autorizzazione)o in un comune facente parte di un servizio comune comprendente il comune di appartenenza (Ndr: come il ns. Bacino Aeroportuale p.es.), oltre ad un periodo di tempo che precede il carico dei loro clienti . La durata di questo periodo di stazionamento è fissata per decreto. ” ;
2° L’articolo L. 3123-2 è modificato come segue :
a) Dopo il primo comma, è inserito il seguente comma :
“Non possono caricare un cliente a meno che il loro autista possa dimostrare una prenotazione precedente. ” ;
b) Si è aggiunto il seguente comma :
“Sotto la stessa condizione di prenotazione precedente , essi non possono stazionare nelle vicinanze delle stazioni e degli aeroporti o , se del caso , entro i confini di questi, oltre ad un periodo di tempo che precede il carico dei loro clienti . La durata di questo periodo di stazionamento è fissata per decreto. ” ;

3° Dopo lo stesso articolo L. 3123-2, viene inserito l’articolo L. 3123-2-1 formulato come segue :
“Art . L. 3123-2-1 . – L’esercizio dell’attività di conducente di veicolo a motore con due o tre ruote per il trasporto di persone a titolo oneroso è subordinato al rilascio di un’autorizzazione professionale da parte dell’autorità amministrativa . ” (Ndr: CAP);
4° Il 4° del II° dell’articolo L. 3124-4 è abrogato ;
5° La sezione 3 del capitolo IV del titolo II del libro I° della terza parte è completata dall’articolo L. 3124-11 redatto come segue :
“Art . L. 3124-11 . – In caso di violazione da parte di un conducente di veicolo a motore a due o tre ruote per il trasporto di persone a titolo oneroso della regolamentazione applicabile alla professione, l’autorità amministrativa può emettere un avvertimento o procedere a ritirare, temporaneamente o definitivamente, il suddetto “permesso professionale”. (Ndr: CAP)

JORF n°0073 del 27 marzo 2014 pagina 6036 testo n° 54
DECRETO
Decreto n° 2014-371 del 26 marzo 2014 relativo alla durata massima di stazionamento dei taxi, dei veicoli di trasporto a motore a due o tre ruote utilizzate per il trasporto di persone e NCC nelle stazioni e aeroporti.

NOR: ACTI1402773D
Destinatari : tassisti , veicoli per trasporto di persone a motore e NCC .
Oggetto : la definizione ad un’ora della durata prevista dagli articoli L. 3123-2 e L. 3121-11 del codice dei trasportiistituiti dalla Legge 2014-344 del 17 marzo 2014 relativa alla consumazione e all’articolo L . 231-3 del Codice del Turismo dalla stessa legge .
Entrata in vigore : il presente decreto entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione .
Avviso : al fine di prevenire il parcheggio prolungato in cerca di clienti e di migliorare la gestione dei flussi di traffico nelle vicinanze delle stazioni e degli aeroporti o nel perimetro degli stessi , gli articoli L. 3121-11 e L. 3123-2 del codice dei trasporti e L. 231-3 del Codice del turismo limitano in questi luoghi la durata dello stazionamento, prima del carico dei clienti che abbiano già prenotato il loro servizio, dei taxi che si trovano fuori della loro area di competenza , dei mezzi di trasporto motorizzati a due o tre ruote destinati al trasporto di persone e degli NCC .
Questo decreto stabilisce questo periodo ad un’ora , che consente ai veicoli in questione di stazionare in attesa del cliente che li ha prenotati in condizioni giuridiche chiare garantendo un lasso di tempo sufficiente per organizzarsi .
Riferimenti: il presente decreto come le disposizioni del Codice del turismo che esso modifica ( nella loro versione risultante da questa modifica ) possono essere consultate sul sito Légifrance (http://www.legifrance.gouv.fr/ ) .
Da qui in poi riporta lo stesso concetto del tempo massimo di attesa di un’ora nei vari articoli di legge interessati.
Il primo ministro
Sulla relazione del Ministro degli Interni e Ministro di imbarcazioni , commercio e turismo
Dato il codice di trasporto, in particolare gli articoli L. 3123-2 e L. 3121-11 ;
Dato il codice del turismo , in particolare l’articolo L. 231-3 ,
Consente di eseguire quanto segue :
Articolo 1

È impostato a un’ora tempo massimo di parcheggio prima del momento di diligenza richiesto dal cliente , secondo comma, L. 3121-11 e il quarto comma dell’articolo L. 3123-2 del codice trasporto .
Articolo 2

Viene inserito il codice di una sezione turismo D. 231-1-5 come segue :
” È collegato ad un’ora tempo massimo di parcheggio prima del momento di diligenza richiesto dal cliente , quinto comma dell’articolo L. 231-3 . ”
Articolo 3

Il ministro degli Interni e il Ministro di imbarcazioni , commercio e turismo sono responsabili , ciascuno nel suo caso , l’esecuzione del presente decreto , che sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale della Repubblica francese .
26/03/2014

http://www.legifrance.gouv.fr/

Per la traduzione e la segnalazione ringraziamo Tam Acai di Milano, la vignetta è di Remo Francucci Varese 55 Roma


Aiutaci indicando il tuo gradimento all’articolo nel box sottostante!

15 thoughts on “Francia, nuove leggi regolano gli autonoleggi (vtc)

  1. Questa è la Francia. Per quanto riguarda il Belpaese di corrotti, ladri, grassatori, stupratori, mezzetacche che si autoproclamano duci di intere categorie, mezze zoccole reduci da master in tro.aggine applicata… Ecco per noi si prospettano mesi, anni di prese per il culo, di impoverimento da una parte e imposizioni fiscali feroci dall’altra. Per non parlare del 2% di adeguamento tariffario nell’arco di 4 anni. Andate aff*****!!!

  2. Cosa ci vieta di richiedere la stessa cosa prendendo ad esempio i risultati francesi, o l’europa va bene solo quando caxxo gli fa comodo a loro, adesso tocca a noi spingere in questa direzione….

  3. Bene e noi cosa aspettiamo?ripeto per l ennesima volta che la pazienza e’ finita…..

  4. Chissà se quel ***** di stelassa lo pubblica sul suo cesso di giornale buono solo per pulire gli specchietti retrovisori?

  5. Hai!…. intanto l’effetto sorpresa e’ andato.Poi vediamo se in Francia resistono all’urto dei ricorsi anche di corte EU . Vista cosi’ sarebbe anche buona. Le sanzioni qui in Italia le vedo difficili da emanare. Pero’ ..i Francesi he! scherzano minga…!

  6. Ma in Francia c’e’ l’evasione fiscale , la criminalita’ organizzata, i politici che perdono ma non se ne vanno, che c’e” in Italia o e’ un altro paese? Forse e’ completamente un altro paese. A ognuno il paese che si merita..

  7. Sinceramente non mi sembra così rivoluzionaria, che gli ncc debbano essere in strada solamente se hanno una prenotazione è scontato. Le regole ci sono già nella vecchia 21 /92 non modificata.

  8. U… est illégal tranche la ministre des transports bruxellois Bruxelles mardi 4 mars 2014, 14h24

    Deux voitures du service de covoiturage ont été saisies lundi.

    Deux voitures du service de covoiturage urbain U… ont été saisies lundi lors d’un contrôle à Ixelles. Aussi bien les voitures que les conducteurs ne répondaient pas à la réglementation bruxelloise, a indiqué à Belga la ministre bruxelloise en charge des Transports, Brigitte Grouwels (CD&V), confirmant une information de la Dernière Heure.

    A peine débarqué à Bruxelles, le service pourrait vite plier bagage. Avant ce contrôle, Brigitte Grouwels avait déjà mis en garde les particuliers roulant pour U…. Une mise en demeure avait également été envoyée à la société américaine pour lui demander de cesser immédiatement ses activités à Bruxelles.

    Pour la ministre, il s’agit en effet d’un service illégal. « Les chauffeurs n’ont passé aucun examen, ils ne suivent pas les tarifs et les véhicules ne sont pas en règle au niveau de leur signalisation », a indiqué son cabinet.

  9. Inoltre se leggete attentamente sono regole che si applicano anche ai taxi………io non la pubblicizzerei troppo se fossi in voi………..tutto questo entusiasmo ?? bah………

  10. Purtroppo il riferimento alle stazioni e aeroporti pone dei limiti insopportabili in quanto ormai in Italia gli ncc si sono garantite le grandi aziende,gli alberghi,la gestione eventi a fronte di una nostra incomprensibile inedia,e proteggono e gestiscono questi spazi in un numero spropositato anche per loro,credo che bisognerà riflettere molto prima di presentarci con loro a un tavolo intersindacale e ministeriale e leggere quali sono i limiti di richiesta in quanto cedere sulla territorialità e la rimessa significa far sparire il mondo taxi come ora è inteso.

  11. In Francia si ri-regolamenta; in Grecia si deregolamenta (forse). In rete gira la notizia della “liberalizzazione” dei taxi in Grecia “riapprovata” la scorsa notte in cambio di ultima “tranche” di aiuti monetari da parte della troika. Qualcuno sa qualcosa in merito?

Comments are closed.