TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Trasporta clandestini dall’Italia, tassista milanese arrestato alla frontiera tedesca

Per i crucchi i conducenti corresponsabili per i propri clienti. E il tassista ora rischia di dover pagare anche il rimpatrio

sturmtruppen110321201319_bigda liberoquotidiano.it Arrestato un tassista milanese a Rosenheim, cittadina al confine tra Germania e Austria, perché trasportava stranieri i cui documenti non sono risultati in regola. Clandestini, in altri termini.Le autorità tedesche lo tengono in cella da venerdì scorso con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione irregolare. E’ il secondo caso: tre settimane fa un altro tassista milanese fu fermato sempre a Rosenheim con la stessa accusa. E’ riuscito a farsi scagionare solo dimostrando di aver preso la corsa via radio e di non poter conoscere la nazionalità dei clienti.

Caso diplomatico – Le autorità tedesche di frontiera hanno acceso i riflettori sul transito dei taxi provenienti da Milano e da altre grandi città italiane. Nell’obiettivo, quei nuclei di migranti (provenienti più frequentemente, a quanto si apprende, dalla Siria) che sbarcano nel Belpaese per raggiungere poi il nord Europa sulle vetturine bianche. Il problema, spiega Claudio Severgnini (presidente Tam, Tassisti-artigiani milanesi) è che in Italia “i tassisti non possono chiedere i documenti ai clienti, e in ogni caso non hanno la competenza per verificarne l’autenticità”. Quindi non ci sono motivi per rifiutare un cliente che magari si presenta bene e dimostra di avere la liquidità necessaria per pagare la corsa. “Ma per la legge tedesca – continua Severgnini – possono essere incriminati per favoreggiamento dell’immigrazione irregolare e, se condannati, essere chiamati a pagare le spese di rimpatrio degli irregolari”.

Conseguenze della crisi – In tempi di magra, per i tassisti non è facile rinunciare a corse che possono fruttare anche mille euro. “Ma abbiamo messo in allerta i nostri soci – dice ancora Severgnini -: non vanno accettate le corse anomale: il rischio è trovarsi incriminati davanti alla legge tedesca”.

4 thoughts on “Trasporta clandestini dall’Italia, tassista milanese arrestato alla frontiera tedesca

  1. Non si può chiedere a un tassista magari indebitato come me di non fare una corsa del genere.. visto anche la LEGALITa’ della cosa.. a tassametro acceso io sto lavorando.. comunque se mai mi capiteranno dei clienti che vogliono andare all’estero.. gli farò presente che ogni “dogana” che passiamo mi DOVRò fermare per far controllare i LORO documenti e per chiedere un “pass” di controllo alle forze dell’ordine.. se accettano sono regolari.. se NON accettano.. la corsa si rifiuta.. e chi è regolare sicuramente accetta…

  2. Sti tedeschi hanno rotto i ********, specialmente a noi italiani, hanno iniziato con il dettarci le leggi economiche e politiche con Monti , non vogliono farsi carico del problema Ustica e in piu’ arrestano chi lavora, sabotiamoli non compriamo più le loro vetture, che vadano a ******!!!!!

  3. Per informazione, sto delinquente rapina solo quelli senza telecamera? Cioè capisce chi c’ e’ l’ ha e chi no? Perché potrebbe essere indicativo?

Comments are closed.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Il sistema ha rilevato un AdBlocker.

Questa pagina può essere chiusa, ma ti chiediamo gentilmente di
disattivare  AdBlocker per Taxistory.