TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Liberalizzazioni, liberi pensieri da Bologna

Così scrivevo ad un amico collega di Bologna:Non ci sentiamo da un bel po’ di tempo Gabriele, tutto tranquillo in quel di Bologna? Che ne pensate del decreto Tremonti? Ci proveranno a liberalizzare o no secondo voi?”

boh“E’ che con il tran-tran ci si perde… Ognuno pensa un po’ ai problemi suoi. Poi, zac, ti arriva un bel decreto tra capo e collo e vai a guardare che cosa scrive Leo, Uri e TaxiNews. Mah, cosa vuoi che ti dica, io ti posso dire la mia.
Ormai è chiaro, destra o sinistra poco conta: la vera lobby è Montezemolo & C. Trasversali, nel palazzo. Ha i treni, magari alberghi, e vuole i taxi (caccia fuori degli Scudo col navigatore ed è a posto). Così i clienti di alto livello, cioè quelli delle aziende, escono di casa prendono il taxi a Bologna, il treno per Milano, di nuovo il taxi a Milano, vanno in azienda, riprendono il taxi e vanno in albergo e così via. Il tutto pagando con la Montezemolo card. Il disegno è quello lì.

Poi da qui a dire liberalizziamo ce ne passa, anche perchè bisogna vedere come liberalizziamo. Perchè se ad esempio, fai entrare le società giuridiche (in Germania e Francia ci sono) e togli gli n.c.c. abusivi (cioè a Roma hai 2.000 ncc abusivi e li sostituisci con 2.000 di Montezemolo) magari può anche succedere che poi non ti rompano più le scatole (chissà, scenario fantascientifico, siamo in Italia, dovunque hanno messo mano i poteri forti hanno fatto un gran casino).
Certo, lo scenario greco fa un po’ paura, perchè lì hanno i cosiddetti nelle mani del Fondo Monetario (cioè Montezemolo al cubo)… Diventa un vero e proprio Far West e, nel Far West comanda il più forte.
Vabbè, speriamo nel buonsenso della nostra classe politica. (Ah ah ah ah ah!)
Ciao, Gabriele.”

2 thoughts on “Liberalizzazioni, liberi pensieri da Bologna

  1. Il subbuglio gastrico che mi suscita il nome Montezemolo e’ ormai al cubo…Comincio a odiare anche la Ferrari!!

Comments are closed.