TAXISTORY

Il Blog dei Tassisti

Protesta taxi a San Francisco. No alle carte di credito

(San Francisco) La maggior parte della gente non pensa al taxi quando si parla di una rete pubblica di trasporto. Settemila i tassisti che girano costantemente in San Francisco, ed i funzionari comunali dicono di avere proposto una serie di cambiamenti che potrebbero rendere la vita migliore per loro, in modo da attirare un numero maggiore di passeggeri. Ma non tutti i tassisti concordano, e stanno facendo conoscere i loro motivi. Martedì scorso più di 100 taxi convergenti su una riunione del consiglio MTA [1] per protestare contro quello che dicono “trattamento ingiusto da parte della amministrazione”. Hanno girato attorno al municipio per due ore, con scritte sui loro taxi dicendo: “Sciopero”, e suonando il clacson con una certa insistenza. Il tassista Nguyen Sung ha detto: “Siamo qui per colpire la MTA, loro trattano i tassisti ingiustamente. Riguardo alla tassa del 5% sulle carte di credito, la lettera di vettura elettronica, l’ attuale sistema di conservazione dei dati, che potrebbe cambiare secondo le nuove regole”. Ci sono molte proteste dei  taxi a San Francisco, e questo è in grado di creare confusione abbastanza velocemente, quindi ecco una sintesi  su tutte le rimostranze dei tassisti: I circa 7.000 conducenti di taxi a San Francisco sono gestiti da più di due dozzine di compagnie. Non sono dipendenti comunali, ma l’amministrazione  li regolamenta come qualsiasi altro mezzo di trasporto. E ‘stato così a partire dal 2009. Nel corso degli ultimi mesi, il MTA ha cercato di apportare alcune modifiche al modo in cui operanoi taxi, simili a quelle imposte in altre città, come New York, anche superando le obiezioni dei conducenti. In primo luogo, la MTA ha reso obbligatorio che tutti i tassisti accettino carte di credito. Per un passeggero, questa  è una grande comodità. Ma le carte di credito comportano delle spese di gestione, e quegli oneri escono dalle tasche dei conducenti. Questa è una delle ragioni della protesta. L’MTA vuole anche installare terminali sul sedile posteriore dell’abitacolo per mostrare gli annunci pubblicitari e altre informazioni, così come lasciare consentire le transazioni ai  passeggeri con le proprie carte di credito. E vogliono che  le compagnie taxi richiedano di tenere registrazioni elettroniche di tutte le corse effettuate.  In questo momento, i conducenti dovrebbero tenere i dati su carta (si chiamano lettere di vettura).   I funzionari dicono che questi cambiamenti servono a modernizzare il settore e renderlo migliore per tutti. Ma alcuni sostengono che è una manovra dell’amministrazione per fare cassa. Ricardo Silva è stato uno dei tassisti che protestavano al City Hall. E ‘stato alla guida per quasi 14 anni. Ha dato una giornata di lavoro per protestare perché, dice, la protesta è più importante. Dice che i conducenti non possono permettersi le spese di gestione della carta di credito, i documenti elettronici  sono troppo invasivi. “E ‘come essere tenuti sotto controllo, è come se si fosse dei criminali, sai cosa intendo? I prigionieri non lo vogliono, perché i tassisti dovrebbero? A loro danno i braccialetti, ma alla fine della periodo di sorveglianza i braccialetti li tolgono. Ma per noi sono 24 ore su 24  di tracciamento. Non è giusto!” Christiane Hayashi è vice direttore cittadino dei servizi di taxi, ci indica una pila di lettere di vettura di carta come prova di come sia antiquato il sistema attuale. “Questi sono compilati – a volte sono completamente, a volte sono compilati parzialmente, a volte c’è solo un nome su di loro, a volte sono vuote. Ecco uno che ha solo due voci; nessuna delle due è leggibile. Questi non sono documenti aziendali affidabili. Non sono dati affidabili sulle corse effettuate“. L’amministrazione spera che passando a documenti elettronici, sarà in grado di ottenere un quadro chiaro di come l’industria taxi opera. Cose come  dove sono le zone maggiormente frequentate i taxi? In che orari   la maggioranza delle persone li usano? Perché la gente li usa? Hayashi afferma che noi conosciamo  cose simili sulle agenzie come Muni e BART, ma non sui taxi. “Quali e quanti dati sono in nostro possesso sull’industria dei taxi in una delle città più importanti del mondo, San Francisco? Nessuno! Assolutamente nessuno. “ Hayashi dice che l’amministrazione sta cercando di aiutare i tassisti. Se sanno di più sul business, possono lavorare per ottenere che più persone prendano il  taxi. Ma non tutti i tassisti si fidano dell’amministrazione. Durante l’incontro di Martedì, il consiglio MTA doveva discutere alcune delle questioni taxi, tra cui un aumento delle tariffe che sarebbe stao il  primo dopo otto anni. Cominciavano a prendere in considerazione il rilascio delle licenze  temporanee che avrebbero consentito mettere più taxi in strada nelle ore di punta. Ma all’ultimo minuto, hanno sospeso tutto dall’agenda l’ ordine del giorno. Hanno detto che avevano bisogno per una verifica legale e ambientale. Il cambiamento non ha fatto desistere i tassisti dall’ occupare la sala riunioni. Joe Marabole ha parlato per un gruppo industriale chiamato Lavoratori Taxicab Uniti . “Volevo ringraziare la MTA per colpire l’industria taxi di San Francisco con le sue politiche corruttive come la vendita di medallions, i terminali sul sedile posteriore, ha risvegliato un settore che è per troppo tempo ha tollerato abusi dal MTA. Non riuscuirete a rovinare la nostra industria. Noi non ce ne andremo. Torneremo ancora e ancora fino a quando le nostre voci non saranno ascoltate “. Una questione sollevata dal tassista è stata la relazione esistente tra i tassisti e il MTA. L’amministrazione fa i soldi dal taxi, ma i tassisti non sono dipendenti comunali. E’ giusta una tale quantità di regolamenti? Christiane Hayashi della MTA dice: “Questa è gente che lavora. Non sono interessati ad essere un Grande Fratello “. Il Consiglio prenderà le questioni taxi di nuovo in agosto. Se volete sapere esattamente quale giorno, lo scoprirete ascoltando il suono dei clacson nelle strade.

Tradotto da transpostationnation.org -Casey Miner – 27/6/2011
[1] Municipal Transportation Agency’s (agenzia dei trasporti municipali)