Finanziaria 2011 e taxi

Il documento ufficiale della Camera A.C.4509 (già al Senato come A.S. 2814) articolo 29 pagina 295 recita così:

1-bis. Al fine di incrementare il tasso di crescita dell’economia nazionale, ferme restando le categorie di cui all’articolo 33, quinto comma, della Costituzione, sentita l’Alta Commissione di cui al comma 2, il Governo formulerà alle categorie interessate proposte di riforma in materia di liberalizzazione dei servizi e delle attività economiche; trascorso il termine di otto mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, ciò che non sarà espressamente regolamentato sarà libero.

L’articolo 33 quinto comma della Costituzione dice:

E` prescritto un esame di Stato per l’ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l’abilitazione all’esercizio professionale.

Quindi, sperando di non essere smentiti, possiamo concludere che il famoso articolo 29 NON tocca minimamente la categoria dei tassisti. E’ chiaro che non essendo ferrati in materia possiamo solo sperare di avere bene interpretato il Decreto Legge. Altre interpretazioni simili alla nostra, ma con argomentazioni più estese ed articolate la trovate sugli amici blog taxilibero (Marco Luisi) e blogtassista.com (Lucone).
In ogni caso, le Organizzazioni Sindacali si riuniranno il giorno 21 luglio, per analizzare e considerare i contenuti della manovra finanziaria ed eventualmente decidere linee di condotta opportune

626

Questa voce è stata pubblicata in Diciamo la nostra e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Finanziaria 2011 e taxi

  1. pizzom scrive:

    devo passare in farmacia a comprare la vasellina?

  2. Lucone scrive:

    Anzitutto, spero che abbiate ragione voi e che io stia pigliando una solenne cantonata.
    Secondo me questo decreto tocca tutti, anche i tassisti. Tutti coloro che non verranno presi in considerazione dall’Alta Commissione o dal Governo.
    La chiave è proprio l’inclusione di un’esclusione esplicita, tra quelle già esistenti. Perché? Al termine delle audizioni, secondo me, uscirà una bella Legge per le categorie prese in esame (è dovuta). L’ultimo Articolo di questa nuova Legge prevederà la decadenza di tutte le altre norme restrittive all’accesso alle professioni.

    Non mi dilungo troppo in un commento, ma sul blogtassista.com ho postato l’opinione articolata (ovviamente, col riferimento a quelle di Taxistory e Taxilibero). Se interessa, vi dò da subito il permesso di riprodurla anche qui.

    Nota di Leonardo: Potete accedere alle riflessioni di Lucone cliccando sul link blogtassista.com. Il termine ultimo di otto mesi, dopo i quali tutto – sembra – diverrà possibile, è la spada di Damocle che aleggia sulla testa di tutti. Ma è anche un codicillo tanto subdolo quanto approssimativo, che il governo ha confezionato per prendere tempo e valutare il primo impatto della manovra sull’ economia (lo vedremo molto presto). Sarà da considerare anche l’eventuale fine anticipata della legislatura e i possibili successori di centro-sinistra che, nella persona di Bersani, non sembrano avere abbandonato l’idea delle “grandi lenzuolate”

  3. gianni scrive:

    hai ragione lucone, ci siamo dentro in pieno. se si parla di liberalizzazione di servizi e attività economiche, escludendo le professioni di cui all’articolo 33 della costiutuzione (quelle che prevedono un esame di stato per intenderci), di chi si sta parlando?
    con questo articolo tutti, ma proprio tutti, sono liberalizzati entro 8 mesi.
    con una grossa e pessima novità inoltre. non essendo questo un disegno di legge, anche se cade il governo questa è già una legge. quindi tutti liberalizzati tranne i soliti noti.

  4. Leonardo scrive:


    gianni:

    hai ragione lucone, ci siamo dentro in pieno. se si parla di liberalizzazione di servizi e attività economiche, escludendo le professioni di cui all’articolo 33 della costiutuzione ….

    Di questo passo arriveremo anche noi a prenderci la nostra Bastiglia

  5. Paolo scrive:

    È ovvio che se i nostri sindacalisti quest’estate invece di prepararsi per incontri e chiarimenti già a settembre con gli esponenti del governo appoggiano (e già qualcuno lo sta facendo alla faccia nostra) il **** 2 mesi in spiaggia dopo averci ridotto come ci hanno ridotti in questi ultimi 6 anni allora in caso la situazione precipiti i suddetti sindacalisti saranno i primi a ricevere **** **** ** **** dall’intera categoria per il lavoro non svolto (e questa volta non si scherza!!!!)

  6. Marco scrive:

    Paolo » Questa volta passi con gli asterischi, ma per la prossima cerca di esprimere i concetti con parole “pubblicabili” attenendoti al disclaimer

  7. marino scrive:

    QUESTA VOLTA NON SI SCHERZA PIU’!

I commenti sono chiusi.