Paolo Sarpi, ci hai rotto!!!

Ci scrive Thomas: Oggi, sbagliando, per far contento un cliente ho preso la “nuova” Paolo Sarpi passando sotto ben 2, non 1, telecamere…il risultato è stato che per tutto il resto della giornata ho bestemmiato pensando al giorno in cui mi sarebbero arrivate le 2 multe da 88 euro e al possibile ricorso. Invece, appena a casa, ho scoperto che esiste questo comunicato MOLTO IMPORTANTE del Comune di Milano. Facciamo girare la voce tra i colleghi perchè pare proprio che dal 30 maggio non ci potremo entrare nemmeno per sbaglio! Io però sono salvo! :-)))

Vi scrivo io: Mercoledì scorso al posteggio di via Londonio un collega risponde alla colonnina, per la presa in via Paolo Sarpi 32. Il collega ribadisce che non può andarci perchè prenderebbe la multa, ma il cliente asserisce il contrario. Il collega mi chiede se voglio andare al posto suo (lui non vuole perchè ha già preso multe) per cui ci provo… accedendo da via Rosmini si entra “apparentemente” tranquilli: non ci sono telecamere. Due pattuglie di vigili  in sosta in quel tratto, mi hanno visto e non hanno avuto nulla da obiettare.

Ecco il comunicato del Comune di Milano:

L’isola pedonale sarà suddivisa in tre sottoambiti distinti e indipendenti. L’accertamento delle sanzioni tramite telecamere partirà dal prossimo 30 maggio

Milano, 4 aprile 2011 – Entra in vigore, dal prossimo 9 aprile, la nuova disciplina viabilistica dell’isola pedonale Paolo Sarpi. Prevede la suddivisione dell’area in tre sottoambiti distinti e indipendenti così suddivisi:

  • sottoambito A: via Paolo Sarpi (nel tratto compreso tra largo Gadda e via Lomazzo) e via Albertini;
  • sottoambito B: via Paolo Sarpi (nel tratto compreso tra via Rosmini/Aleardi e via Lomazzo) e via Signorelli;
  • sottoambito C: via Paolo Sarpi (nel tratto compreso tra via Rosmini/Aleardi e piazza Baiamonti).
Concludendo, sembra più facile schivare un mina in Afghanistan che una multa in Paolo Sarpi, e non c’è nemmeno il Gino Strada dei tassisti che “cura” le multe!

 

 

430

Info su Leonardo

Tassista fin dal 1994, ha fondato "TaxiStory - La Voce Dei Tassisti Milanesi" nel gennaio 2003. Appassionato di elettronica, non smette mai di incuriosirsi davanti alle novità e di provare tutto ciò che è nuovo. Ama Internet, la musica e il cinema di qualità.
Questa voce è stata pubblicata in Grande Milano e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Paolo Sarpi, ci hai rotto!!!

  1. li71 scrive:

    non ho mica capito:posdsiamo passare o no???

  2. robytaxi scrive:

    sti ***** pensano di fare la guerra ai cinesi chiudendo paolo sarpi ah ah rtx

  3. Lurido Driver scrive:

    Nel dubbio, in Paolo Sarpi ci entri solo se non vedi nessuna telecamera. Questi continuano con la caccia alle streghe (i cinesi): oltre che essere dei poveri illusi ci creano solo dei problemi. Sta agli abitanti della via insorgere, no a noi

  4. Marco scrive:

    Tranquilli, si può passare.
    Due giorni fa ne abbiamo discusso in tecnica e ci è stata comunicata una “genialata” che neppure un idiota avrebbe potuto anche solo immaginare…
    Non ve la ripeto perché fareste fatica a credermi!
    Ovviamente l’abbiamo respinta al mittente con la condivisione dei rappresentanti dell’ACI e degli utenti. Vedremo cosa ci comunicheranno nell’immediato futuro…
    _____________________________________
    Nel frattempo, giusto oggi, è saltato il tavolo di trattativa con la Regione,
    Trovate il comunicato di Categoria su Taxi Libero.

  5. rachele scrive:

    Dovremmo insorgere anche noi perchè noi siamo mezzi pubblici: se ci chiamano in paolo sarpi che facciamo? Ammolliamo nottetempo la ragazza che rincasa da sola col rischio che venga violentata perchè noi non siamo autorizzati a passare o facciamo fare la maratona alla vecchietta semi paralizzata che poverina ha chiamato il taxi proprio perchè può deambulare per massimo due o tre metri?!? Ci rendono impossibile lavorare per fare la guerra ai cinesi! Andiamo a rompere i cabbasisi alle nostre associazioni in modo da essere autorizzati all’ accesso in tutti e tre i “sottoambiti” (come li chiaman loro)

  6. Federico TO 10 scrive:

    Guarda che su un comunicato su LetiziaMoratti.it dice chiaramente indicato tra parentesi che il transito sarà CONSENTITO (ai Taxi). Ciao!

  7. Leonardo scrive:

    La segnaletica di zona dovrà esprimere chiaramente il permesso di accesso ai taxi. Se ciò non avverrà, il comunicato sul diario internet di Letizia Moratti avrà valore molto relativo di fronte all’applicazione delle norme del codice della strada

  8. Lucone scrive:

    Concordo con Leo

I commenti sono chiusi.